Progetto VideoBigini: “La Startup incontra i Licei”

GianGuido Grassi - 21 Aprile 2016

NYC ha emesso il suo verdetto: Trump e Clinton

GianGuido Grassi - 21 Aprile 2016

Videoarte, intervista al giovane videomaker Victor Valobonsi

GianGuido Grassi - 21 Aprile 2016
Share

GianGuido Grassi e Victor Valobonsi

Victor Valobonsi, in arte Valbor, nato a Odessa nel 1988 e cresciuto a Lucca, è un giovane videomaker emergente e sperimentatore delle nuove tecniche di Arti Visive; con la curiosità di un bambino studia e immagina, creando come per gioco video onirici ed animazioni immaginarie che sembrano porsi fuori dal tempo, e con la tenacia di un giovane lavora per affermarsi nel suo ruolo stringendo  collaborazioni con artisti internazionali nell’ambiente della musica elettronica; come ci dice Papa Giovanni XXIII “La vita è la realizzazione di un sogno di gioventù. Che ogni giovane abbia il suo sogno per trasformarlo in meravigliosa realtà”.

Se gli si chiede se sia un artista, quasi arrossisce e si ritrae, parola troppo alta almeno per il momento: “tutti i bambini sono artisti. Il problema è come rimanere un artista quando si cresce” (Pablo Picasso) e noi gli auguriamo che vada lontano.

Di recente ha appena concluso il video “Submission of Thought”, nel quale sui ritmi di Drumcell & Luis Flores prende vita il pannello centrale del mastodontico dipinto “Il Giardino delle Delizie” di Hieronymus Bosch, celebre pittore visonario del ‘500.

Il video realizzato da Victor è stato presentato recentemente sulla pagina Facebook del noto gruppo Arteide raggiungendo grandi numeri sia in visualizzazioni che in condivisioni, suscitando interesse anche nella critica (è stato dedicato infatti un articolo su artribune) e fa parte di un più ampio progetto di videoarte diretto dal docente Piero Fragola, al quale stanno partecipando alcuni suoi brillanti studenti dello IED di Firenze che hanno realizzato le video animazioni per alcuni brani dell’ultimo album della casa discografica americana Tiptop Audio Records, azienda della Silicon Valley produttrice e distributrice di synth modulari e oggi anche etichetta indipendente di musica elettronica.

In occasione di questo successo, abbiamo deciso di incontrarlo per fargli alcune domande.

Qual è stata la tua formazione? E quale percorso ti ha portato qua?

Precedentemente allo IED mi ero già avvicinato alle arti visive, al video in particolare, ed è infatti all’Accademia di Belle Arti di Carrara che ho raggiunto il mio primo traguardo conseguendo la Laurea in Arti Multimediali.

Avevo già incontrato Piero in occasione della presentazione di uno spettacolare progetto di tesi di videomapping realizzato in collaborazione con un mio caro amico che frequentava la LABA di Firenze; è stato proprio in occasione di questo videomapping “ANGLE” (http://www.angleproject.net) che ho deciso di dedicarmi a questa nuova forma di videoarte.

E’ così che una volta conclusa l’Accedemia mi sono iscritto al master di Video Design & Videomapping tenuto da Piero allo IED di Firenze.

Abituati alle arti visive più tradizionali, come la pittura, la scultura e la fotografia, ci aiuti a capire meglio qual è la tua ricerca, la tua forma espressiva? È una nuova arte?

Come ben sai, oggigiorno siamo immersi nella tecnologia e alle varie possibilità creative che questa offre. Il mio percorso è stato mirato per approfondire al meglio il mondo del video e tutto ciò che gli ruota intorno, ultimamente dedicandomi specialmente alle animazioni e al Motion Design.

Converrai con me che l’Arte, qualsiasi forma di arte, deve solo tener conto dell’estetica.

Perciò la mia risposta è si, ritengo che sia sicuramente una delle tante nuove forme di arte visiva.

Raccontaci del tuo ultimo videoclip “Submission of Thought”. È stato un dialogo fra visionari di secoli diversi?

Mi fai sorridere! 🙂 Non dimentichiamoci che l’idea dell’intero progetto è stata concepita da Piero e io ho semplicemente applicato i suoi insegnamenti “tecnici” adattandoci il mio gusto ed il mio punto di vista, alla fine durante i mesi di lavoro del progetto ci siamo visti solo poche volte.

E’ stata la spettacolarità e la popolarità dell’opera già di per sé stessa, unita alla collaborazione dello IED di Firenze che ha fatto si che ci fosse questa risposta mediatica intorno alla mia realizzazione.

Sono pienamente soddisfatto dei risultati di questo progetto.

In conclusione, quali altri progetti ti aspettano?

Al momento, sempre affiancato dal mitico Piero, sto lavorando per un altro spettacolare video di animazione, anche questo per TipTop Audio. Posso anticiparvi poco o nulla, solo che sarà principalmente ispirato ai Robot. Stay tuned! Continuate a seguire il nostro progetto sulla pagina TipTop Film su Vimeo (https://vimeo.com/tiptoprec).

Ti faccio un caloroso ringraziamento per l’intervista amico mio, sono molto contento che ti sia piaciuto il video, ma ancor di più spero di avvicinare i lettori alla videoarte e a tutto ciò che si sta evolvendo con essa.

Ciao Giangui.

In bocca al lupo, amico mio.