All you Need is Cinema: I Film da Vedere nella Vita! (#416-420)

Alessio Nicolosi - 14 Settembre 2015

Recensione di Fantastic 4

Alessio Nicolosi - 14 Settembre 2015

Destiny e Il Re dei Corrotti

Alessio Nicolosi - 14 Settembre 2015
Share

Da domani, 15 Settembre, esattamente dalle ore 11 di mattina sarà possibile acquistare la nuova corposa espansione di Destiny, Il Re dei Corrotti. L’espansione sarà disponibile per tutte le console (PS3, PS4 e Xbox One) e grazie alla stessa saranno disponibili nuove missioni, nuovi armamenti, sottoclassi, novità nei combattimenti e due nuove modalità PvP. C’è molta attesa tra i gamer, molti appassionati infatti sono convinti del grande potenziale di tale espansione mentre secondo i più scettici il costo potrebbe essere esagerato rispetto al gioco.

Ma per tutti coloro che non si sono ancora avvicinati a Destiny e vorrebbero saperne di più andiamo ad analizzare il videogame stesso. Destiny è un gioco sparatutto in prima persona lanciato nel Settembre dello scorso anno, sviluppato da Bungie e pubblicato da Activision. Il gioco ha fin da subito fatto molto parlare di sé, infatti si tratta del videogioco più costoso della storia arrivando a raddoppiare il budget per la produzione di GTA V.

DestinyCome facilmente intuibile si tratta di un gioco fantascientifico ambientato nel futuro, precisamente nel 2631, ove il giocatore impersonerà un Guardiano a difesa della Torre, l’ultimo avamposto della Terra. La storia del gioco prende il via raccontando di un’epica Età dell’Oro, periodo di grandi progressi tecnologici e colonizzazioni a cui però sono seguiti terribili disastri; infatti adesso in tutto il sistema solare si annidano nemici insidiosi e qui toccherà al giocatore tenerli a bada ed affrontare grandi minacce costringendolo ad avventurarsi sulla Luna o su pianeti come Venere e Marte.

Andando nello specifico possiamo dire che in realtà Destiny non è solo un semplice sparatutto ma grazie ai grandi scenari di cui dispone, molto cinematografici e a dir poco spettacolari, può anche essere definito un gioco di ruolo capace di regalare tante ore di divertimento. Le ambientazioni rappresentano sicuramente uno degli aspetti più affascinanti del gioco. Le mappe sono davvero grandi ed il team di Bungie è riuscito a ricreare un universo devastato colmo di rovine ed emozionante da esplorare. Per quanto riguarda il gameplay è simile agli Halo, è strutturato molto bene ed è di facile comprensione anche per chi non è abituato a giocare con questo genere di videogame. Il gioco si svolge tutto online ma le campagne e le missioni possono anche essere svolte singolarmente, da qui si comprende l’intento degli sviluppatori ovvero quello di creare una piattaforma, una sorta di community dove i giocatori di tutto il mondo potessero incontrarsi e giocare insieme.

Veniamo ora alle note dolenti: senz’altro Destiny fa i conti con la ripetitività. Giunti a un certo livello ci si potrebbe aspettare che le missioni diventino più strategiche e tattiche mentre invece di solito aumentano solo il numero di nemici e le orde, e quando ti ritrovi ad affrontare decine e decine di orde una dietro l’altra può diventare piuttosto stressante / noioso. Un argomento che invece divide è ad esempio il PvP; per me rappresenta una pecca del gioco dal quale era lecito aspettarsi qualcosa di più, spesso infatti, a causa della potenza di alcuni armamenti, esso si basa su “chi vede per primo l’altro e spara, vince” che non è proprio il massimo. Secondo un’altra scuola di pensiero, invece, rappresenta un elemento di spicco del gioco.

Destiny per questi e altri motivi più che un gioco completo e definito sembra piuttosto un insieme di tante cose ma le fondamenta sono molto solide e grazie a queste e alle future espansioni potrà davvero diventare qualcosa di rivoluzionario nel mondo videoludico.

Re-dei-Corrotti-logo

 

 

 

 

 

Alessio Nicolosi