21 Ottobre 2020

936975_402266839886120_358905075_n   In un “normale comune” od in una “normale città”, l’amministrazione  locale dovrebbe provvedere al decoro urbano, ma a Livorno non è così. Infatti, non è stato il comune di Livorno a riqualificare Piazza 2 Giugno e Piazza San Marco, ma i militanti dell’ex Caserma Occupata.
Parlando con un militante dell’ex caserma occupata (Erica) abbiamo potuto affrontare e commentare le azioni dell’operato del PD a Livorno.
In primis, abbiamo parlato della situazione in cui versavano piazza 2 Giugno e piazza San Marco: pieno degrado! Per risollevarle e restituirle ai Livornesi, i ragazzi dell’ex Caserma Occupata hanno deciso di impegnarsi in prima persona. Essi hanno ottenenuto un risultato notevole, pur avvalendosi solamente di materiali riciclati e di alcune nuove piante. Questo gesto – sottolinea Erica – è stato  molto apprezzato dagli abitanti del quartiere,  tanto più che il Comune non intendeva provvedere ad una riqualifica del posto, nonostante le varie segnalazioni dei cittadini.

A proposito delle recenti azioni dell’amministrazione livornese Erica, dopo una mia domanda,  continua spiegandomi la loro posizione sul rischio della chiusura del teatro Goldoni. Per Erica, militante dell’ex caserma occupata,  il rischio della chiusura del teatro del Goldoni è dovuta solo all’amministrazione Cosimi. Infatti, secondo Erica, la causa di una eventuale chiusura del Goldoni sarebbe da ricercare in una cattiva gestione dei soldi e comunque in uno scarsa sensibilità alla promozione della cultura. Ulteriori esempi, spiega Erica, potrebbero essere anche le vicende del cinema Odeon e della Fortezza Vecchia.
Che dire? Sono osservazioni che si commentano da sole, specie se pensiamo ai prossimi investimenti per lo stadio, ma “Il Livorno in A è il Livorno in A” ed è sicuramente una questione da non discutere!


Paolo Gambacciani
@paologamba10

Show Full Content

About Author View Posts

Paolo Gambacciani
Paolo Gambacciani

Studente appassionato di politica, arte, teatro, cinema e tennis. Sono laureato in Comunicazione presso la Scuola di Scienze Politiche dell'Università 'Cesare Alfieri' di Firenze e collaboro con uninfonews dalla sua fondazione; sono fortemente convinto ed a favore del progetto editoriale del giornale online. Vicepresidente e socio di Uni Info News.

Previous LETTERA AGLI UMANI
Next Prova a leggermi: Il Deserto dei Tartari, Dino Buzzati

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Persone normali: Sally Rooney e le imperfezioni dell’essere umano

29 Luglio 2020
Close