L’uomo che vuole salvare l’Italia

Marco D'Alonzo - 3 Maggio 2015

Recensione di Super 8

Marco D'Alonzo - 3 Maggio 2015

Gli interessi comuni di Iran e Stati Uniti in Iraq

Marco D'Alonzo - 3 Maggio 2015
Share

11199019_10202676824841657_1408744047_nFin dalla rivoluzione islamica del 1979, con la tristemente nota crisi degli ostaggi, i rapporti diplomatici tra gli Stati Uniti e l’Iran sono stati contraddistinti da una freddezza e da una diffidenza che hanno rasentato l’ostilità, complice il legame instaurato in seguito dall’ex Paese dello Scià con l’Unione Sovietica; le dichiarazioni sopra le righe dei leader iraniani, Ahmadinejad su tutti, unite ad una politica di aggressività nei confronti di Israele e ad un persistente negazionismo dell’Olocausto non hanno fatto altro che acuire l’inimicizia con Washington. Tuttavia, nell’ultimo anno, i due Stati hanno sorprendentemente scoperto un obiettivo in comune, se non altro a breve termine, nella lotta allo Stato Islamico.

Per comprendere ciò, tuttavia, è necessaria una premessa. Ad ovest dell’Iran si estende l’Iraq, un Paese dalle ingenti risorse energetiche che è stato governato per quasi venticinque anni da Saddam Hussein, un sanguinario dittatore. Quest’ultimo, sebbene laico, professava la religione musulmana sunnita, laddove la maggior parte della popolazione era fedele allo sciismo, la branca minoritaria dell’Islam che ha come leader supremo proprio l’Ayatollah, il capo dello Stato iraniano. Anche per questo motivo, l’Iraq ha combattuto una lunga e sanguinosa guerra con il potente vicino nel decennio compreso tra il 1979 e il 1989, finanziato ed equipaggiato tanto dall’Occidente quanto dall’URSS, sebbene a fasi alterne. Con la caduta del regime di Saddam nel 2003, a cui ha fatto seguito l’impiccagione del dittatore, la coalizione a guida americana ha sovrinteso alla stesura di una nuova Costituzione irachena che garantisse e tutelasse, almeno formalmente, i diritti dei gruppi etnici e religiosi, soprattutto curdi e sciiti, perseguitati dal precedente establishment.

Di fatto, però, l’azione diplomatico-legislativa occidentale ha favorito l’insediamento di un esecutivo sciita che ha, in taluni casi dolosamente, quasi completamente omesso di trattare in modo equo le minoranze del Paese. Non deve pertanto sorprendere come, nell’estate del 2014, una larga parte della popolazione sunnita irachena, stanziata prevalentemente nella provincia settentrionale di Nineveh, abbia deciso di schierarsi con l’esercito invasore del Daesh, che ha addirittura stabilito la propria capitale regionale a Mosul. Ciò ha determinato uno spontaneo, e fino a dodici anni fa impensabile, riavvicinamento tra il governo di Baghdad, allora guidato dal presidente Nouri-Al Maliki, e quello di Teheran di Hassan Rouhani, il “moderato” che ha preso il posto di Ahmadinejad al timone della Repubblica Islamica nel 2013.

Quest’ultima non si è limitata al mero sostegno politico, tutt’altro, come dimostra l’invio in territorio iracheno di circa cinquecento elementi delle 11100768_10202676826521699_841441691_n, le forze speciali della Guardia della Rivoluzione, ottimamente addestrati alla conduzione della guerriglia e guidati da Qasem Soleimani, un esperto generale veterano, ironia della sorte, della guerra degli anni Ottanta, il quale ricopre anche il ruolo di consulente per l’esercito di Assad in Siria, altro partner strategico dell’Iran. L’ex Paese dello Scià ha inoltre condotto raid aerei contro le posizioni jihadiste e contribuito alla formazione di diverse decine di milizie sciite da affiancare alle truppe regolari di Baghdad e coordinate sul campo dallo stesso Soleimani. La sollecitudine dell’intervento iraniano non è, tuttavia, da ricondurre ad una semplice simpatia derivante dalla comunanza della fede sciita con Al-Maliki prima ed Al-Abadi poi (il primo è stato sostituito in seguito ad un golpe incruento del secondo nella tarda estate del 2014). Come testimoniano i negoziati in corso sullo sviluppo dell’energia nucleare, infatti, è ormai evidente l’ambizione di Teheran ad ergersi come potenza regionale in alternativa e, probabilmente, in sostituzione dell’Arabia Saudita e delle monarchie del Golfo alleate degli Stati Uniti. A tal fine, pertanto, è di vitale importanza assicurarsi la stabilità e l’alleanza dei Paesi vicini, nell’ottica di un rafforzamento e di un potenziamento della “Mezzaluna crescente sciita”, nota anche come “Asse della resistenza” e composta, oltre che dall’Iraq e dallo stesso Iran, dalla Siria di Assad e dall’Hezbollah libanese. A tal proposito, giova ricordare il massiccio sostegno saudita e qatariota apportato all’opposizione siriana negli ultimi quattro anni. Non deve dunque stupire l’impegno profuso dalle forze armate iraniane nella lotta allo Stato Islamico, il quale costituisce una minaccia letale per le mire del regime degli Ayatollah.

Come è facilmente intuibile, anche gli Stati Uniti hanno interesse alla pace e all’integrità dell’Iraq, soprattutto dopo aver impiegato due guerre dispendiose in termini di denaro e di risorse umane per perseguirle, a cui hanno fatto seguito quasi dieci anni di occupazione militare. Innanzitutto, il sostanziale controllo sulle riserve petrolifere irachene è determinante per l’economia statunitense; una eventuale conquista del Paese da parte dell’ISIS, inoltre, con il conseguente caos, costituirebbe un danno gravissimo per il prestigio e per la credibilità di Washington, impelagata da troppo tempo nel ginepraio mediorientale e la cui amministrazione ha ritirato le ultime truppe dalla terra dei due fiumi meno di quattro anni fa, nel 2011. Fin dall’inizio dell’escalation, dunque, l’aeronautica militare americana, supportata dai jet di altri Paesi coalizzati, continua ad effettuare missioni di bombardamento contro le roccaforti jihadiste. Ciò ha comportato una automatica ed involontaria cooperazione con il “nemico” Iran, suggellata dalla vittoriosa battaglia di Tikrit e dai ripetuti successi ottenuti dalle truppe regolari irachene e dai peshmerga curdi.

Questa collaborazione, però, è verosimile soltanto a breve termine, poiché gli interessi dei due Paesi nella regione sono diametralmente opposti. Da un lato la superpotenza in declino che ha al primo posto della propria agenda il mantenimento dello status quo nella regione, dall’altro la potenza emergente candidata energicamente ad un ruolo egemone in tutto il Medio Oriente e non più solo per lo sciismo mondiale. Cosa accadrà quando, con il Califfato debellato ed i suoi capi sottoterra o dietro le sbarre, il governo di Baghdad sarà costretto a scegliere?

Per cosa opterà il nuovo Iraq post-bellico?

Molto dipenderà, inevitabilmente, dall’esito della Guerra Civile Siriana, ma l’impressione dominante è che si tenterà una difficoltosa ed instabile via di mezzo che avrà come unica conseguenza apprezzabile un nuovo acuirsi dell’ostilità tra Stati Uniti e Iran, nonostante la parvenza di “normalizzazione” che sembra essere in atto dopo gli accordi di Losanna sul nucleare. Sarà senza dubbio difficile, per Al-Abadi e per i suoi successori, allontanarsi dal regime degli Ayatollah dopo il massiccio sostegno, anche economico, elargito da quest’ultimo.

iran_iraq_map

Marco D’Alonzo