21 Ottobre 2020

1010850_10201546592296010_579001298_n

L’argomento wrestling, per me, è sempre stato un piacere affrontarlo,          ma questa volta c’è una ragione in più per parlarne: la ICW.
L’ICW, ovvero l’Italian Championship Wrestling, è una federazione attiva dal 2001 in Italia e si esibisce in varie città con dei propri show. Proprio in uno di questi show, ho avuto l’occasione di conoscere meglio e di approfondire maggiormente il loro mondo.
Analizzando la serata, che a mio parere è stata spettacolare, è doveroso parlare per prima cosa dei wrestler, i principali protagonisti della serata, per poi soffermarsi sul pubblico e sugli altri protagonisti.
Nello spettacolo di Vicarello, di sabato scorso, ho notato, quindi, una grande varietà di wrestler. C’era così il wrestler acrobatico ed agilissimo che si lanciava dalla terza corda o c’era, anche, il wrestler “brawler” che sollevava facilmente i propri avversari da terra. Infine c’erano i wrestler “maestri” nelle mosse di sottomissione che, come le altre due categorie, mettevano la propria passione ed il proprio “cuore” sul ring per vincere l’incontro e per far divertire il più possibile il pubblico.
Il pubblico, così, ha reagito positivamente per tutto la serata, urlando ed incitando i propri wrestler preferiti, e creando una vera e propria “colonna sonora”, fatta di urla e di incitamenti per quasi tutto lo show. La differenza che ho notato con il pubblico degli show americani di wrestling  nel rapporto show-pubblico è stata davvero sorprendente: un pubblico muto come talvolta quello  americano (vedi “i tempi d’oro” di WWE NXT o di WWE SUPERSTAR-SATURDAY MORNING SLAM)”vs” un pubblico sempre caldo e partecipe come quello della ICW di sabato scorso.
Il merito di questo è, sicuramente, in gran parte dei wrestler, ma in parte anche di tutta la gente che lavora per la ICW come, ad esempio, gli arbitri. L’arbitro della serata di Vicarello, Leonardo Della Bella, in merito al ruolo degli arbitri, ci spiega così il loro compito che  è quello di far rispettare le regole e di farsi rispettare dai wrestler in quanto loro rappresentano l’autorità.
Significative sono così le dichiarazioni-interviste lasciateci dai wrestler al termine dei loro match che sono visibili ai rispettivi link:

ALEX FALSH
http://www.youtube.com/watch?v=SBfu6xP1QbI

RAFAEL
http://www.youtube.com/watch?v=U0ywTCpy6Zw


ANTONIO PIDDU
https://www.uninfonews.it/ferragosto-di-fuocoantonio-piddu/

Conludendo, posso dire che sabato scorso ho visto un bellissimo show di wrestling, dove ho anche anche avuto la riprova di quanto siano “bravi” – in tutti i sensi- i wrestler della ICW. Bravi non solo come lottatori, ma anche come persone, poiché mettono la propria passione ed il proprio tempo per rendere grandiosa questa disciplina agli occhi di Noi Italiani “ritornati ciechi”.

Paolo Gambacciani
@paologamba10

68233_10201546588615918_1464976244_n

Show Full Content

About Author View Posts

Paolo Gambacciani
Paolo Gambacciani

Studente appassionato di politica, arte, teatro, cinema e tennis. Sono laureato in Comunicazione presso la Scuola di Scienze Politiche dell'Università 'Cesare Alfieri' di Firenze e collaboro con uninfonews dalla sua fondazione; sono fortemente convinto ed a favore del progetto editoriale del giornale online. Vicepresidente e socio di Uni Info News.

Previous Recensione di Dragon Trainer
Next LETTERA AGLI UMANI

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Le bellezze del Kosovo

16 Settembre 2020
Close