4 Dicembre 2020

La Fondazione Teatro Goldoni si unisce al ricordo
per la scomparsa del Premio Nobel
DARIO FO

dario-fo-al-teatro-goldoni-il-11feb2004-1LIVORNO – Ci sarebbe tanto piaciuto averlo tra noi, al Teatro Goldoni per aprire la prossima Stagione di prosa: la sua presenza era stata lungamente caldeggiata dal Direttore generale della Fondazione Goldoni Marco Leone che l’aveva invitato avviando con lui un dialogo che è proseguito in questi mesi, ma ci ha lasciato oggi. Dario Fo sarebbe così ritornato sul palcoscenico del Goldoni dopo che era stato tra i primissimi a ricalcarlo dopo la sua riapertura: era l’11 febbraio del 2004, due settimane dopo la sua inaugurazione. Anche in quell’occasione ebbe al suo fianco la compagna di una vita, Franca Rame e volentieri li accomuniamo nel ricordo: presentarono  “Anomalo Bicefalo”, una delle innumerevoli e divertenti piece teatrali in cui le sue inimitabili doti di attore e drammaturgo erano al servizio della satira politica più attuale e documentata, con esiti immancabilmente esilaranti.dario-fo-al-teatro-goldoni-il-11feb2004-2 Fu anche quella volta se stesso, un autentico ed eterno Giullare,  figura che sapeva esprimere e trasmettere al pubblico naturalmente con la profondità dei testi – grandissimi – che gli valsero il Nobel per la letteratura. “Dario Fo ci lascia una grande lezione di presenza – afferma Marco Leone – un uomo che con forza e coraggio è stato nel nostro tempo totalmente in ascolto sui temi reali, usando il proprio mestiere, il Teatro, per entrare con forza nei temi della contemporaneità”.

Show Full Content
Previous Le guide antiTuristiche – Georgia trip journal – Svaneti (pt. 2)
Next Week-end con il Teatro della Brigata

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Da Livorno doppio no al razzismo

15 Giugno 2020
Close