Il Punto – la settimana in breve

Stefano Faraoni - 28 Dicembre 2015

Teatro Goldoni, Concerto di Capodanno. Tutte le informazioni.

Stefano Faraoni - 28 Dicembre 2015

Marilungo affonda il Livorno. è crisi nera per i labronici

Stefano Faraoni - 28 Dicembre 2015
Share

A Natale la squadra di Mutti “regala” altri 3 punti. Questa volta  a fare festa è il modesto Lanciano che in casa supera gli amaranto per 2-1 ,grazie ad una doppietta di Marilungo nella ripresa. Cambiano gli interpreti ma il risultato no, adesso la squadra del patron Spinelli si deve guardare seriamente alle spalle perché a soli 3 punti di distanza c’è la zona retrocessione.

Il tabellino:
Lanciano: Casadei; Aquilanti, Rigione, Boldor (78′ Amenta), Di Matteo; Paghera (84′ Vastola), Bacinovic, Di Cecco; Piccolo (54′ Padovan), Marilungo, Di Francesco. A disp: Ardità, Lanini, Di Filippo, Crecco, De Silvestro, Ferrari, Turchi. All.: D’Aversa.
Livorno: Ricci, Moscati, Gonnelli, Lambrughi, Gasbarro, Biagianti, Luci, Cazzola, Jelenic (56′ Comi), Pasquato (69′ Vajushi), Vantaggiato (69′ Bunino). A disp: Pulidori, Ceccherini, Kukoc, Emerson, Vergara, Schiavone, Palazzi, Calabresi. All. Mutti
Arbitro: Baracani di Firenze

la Partita: Ha bisogno assolutamente dei 3 punti il Livorno che nel primo tempo è la squadra più pericolosa. All’11‘ subito vicino al gol il bomber Vantaggiato  che sfrutta bene una punizione di Pasquato,gira di testa in porta ma Casadei è bravissimo a deviare in corner. Al 22′ altra occasione amaranto,Pasquato fa tutto bene,entra in aria di rigore ma il sinistro viene ribattuto ancora da un ottimo Casadei. non ci sono tante altre emozioni nella prima frazione di gioco,più Livorno che Lnaciano. Nella ripresa sale in cattedra Guido Marilungo che fa volare il Lanciano. Dopo nemmeno 15 minuti Gasbarro trattiene Di Francesco in area, per Baracani è calcio di rigore,sul dischetto va Marilungo che spiazza Ricci per il vantaggio virtussino.L’attaccante del Lanciano non segnava da ben 15 mesi. Due minuti più tardi raddoppia ancora lui,questa volta raccoglie un rinvio sporco delle difesa del Livorno e con una splendida rovesciata batte l’incolpevole Ricci. Mutti disperato prova a scuotere i suoi con due cambi,entra VAjushi al posto di Pasquato e Bunino per Vantaggiato,è proprio quest’ultimo ad accorciare le distanze con un preciso colpo di testa al minuto 83. Il Livorno riapre i giochi ma non basta,non riesce ad acciuffare il pareggio nel finale.

Nonostante l’ennesima sconfitta della gestione Mutti , a fine partita il presidente Spinelli conferma il suo posto in panchina anche per la prossima gara in trasferta contro il Pescara, sarà forse l’ultima possibilità che gli concede?

le pagelle:

Ricci 6: non ha colpe sui due gol subiti,in alcune occasioni salva un passivo più pesante.

Moscati 4,5: Di Matteo fa quello che gli pare per tutti i 90 minuti,partita scadente la sua.

Lambrughi 5: regge bene per i primi 45 minuti come tutto il Livorno,nella ripresa affonda insieme a tutta la squadra.

Gonnelli 5: Soffre troppo un Marilungo in grande forma.

Gasbarro 5: Commette il fallo da rigore su Di Francesco,poco lucido.

Cazzola 5: parte bene, ma poi finisce la benzina troppo presto.

Luci 5: Il capitano sbanda insieme a tutta la sua nave.

Biagianti 5: Partita scialba ed incolore la sua.

Pasquato 5: Gioca quasi sempre fuori ruolo e questo in campo si vede(69′ Vajushi 5: venti minuti dove combina poco o nulla).

Jelenic 5: agisce sia come trequartista che come esterno largo.Ha voglia e tanta ma non fa mai niente di concreto (56′ Comi 5: ennesima prova incolore. Dicono che l’Avellino lo rivuole se parte Trotta, non penso che in molti si opporranno).

Vantaggiato 5: L’attaccante principe del Livorno si carica tutto il peso dell’attacco sulle proprie spalle,come sempre,ma non riesce ad essere lucido per le troppe responsabilità( 69′ Bunino 6: il Livorno si aggrappa a lui per risollevare l’incontro. Si divora un gol grande come una casa, ma poi si fa perdonare con l’inzuccata che riapre i giochi).

All. Mutti 3: ci dispiace mister, ma non è all’altezza della situazione. Due punti in sette partite perdendo in malo modo contro squadre del calibro di Lanciano e Ascoli non danno attenuanti.

foto [www.lanazione.it]

Stefano Faraoni

@stefanofara94