16 Luglio 2020

2 SCELTALIVORNO – Nell’ambito del contest Obiettivo Livorno – Scatta la città: Scorci di Vita Livornese, l’Associazione Uni Info News si è prefissata tra gli “obiettivi” quello di far conoscere da un punto di vista artistico tutti i partecipanti, così che coloro che ci seguano possano dare uno sguardo all’artista che è dentro ognuno di loro.

Stamani intervistiamo  Laura Fiorentini, che ringraziamo calorosamente per le risposte e a cui auguriamo un forte in bocca al lupo!


Quando fai una foto cosa provi?

E’ una sensazione piacevole.

Preferisci come soggetti  le persone o i paesaggi? Perché?

Non ho una preferenza. Ci sono dei contesti fotografici che richiedono come soggetti le persone e altri i  paesaggi. Ma la passione per la fotografia nasce dal momento in cui si vuole ricordare quell’attimo particolare, perchè un giorno farà parte del nostro passato.

Propendi più per una macchina analogica o digitale ? Quali pensi siano i vantaggi e gli svantaggi?

Digitale.


Pensi che Livorno sia una città culturalmente attiva? E con una certa attenzione per l’ambito fotografico?

Penso che Livorno sia una città culturalmente non sufficientemente attiva. Secondo la mia opinione si dovrebbe incrementare l’interesse culturale espandendolo anche agli adulti. Servirebbero più mostre fotografiche, concerti, spettacoli e convegni. Credo che debba crescere l’attenzione per la fotografia seguendo una certa sensibilità.

Cosa ne pensi dell’uso che si fa quotidianamente dei social per pubblicizzare o pubblicare le fotografie? Che ne pensi di Instagram?

Penso che l’uso quotidiano dei social per pubblicizzare o pubblicare fotografie non sia il più adatto. Sembra quasi di regalare agli altri parte di te. In ogni  caso si fa  perchè sono mezzi facili da utilizzare, che danno la possibilità a tutti di farsi conoscere.

Per te scattare le foto è più una questione “tecnica” o di impulso?

Scattare foto è una questione di impulso ma in realtà si deve tener conto anche della tecnica per individuare quale possa essere la posizione migliore per lo scatto, la luminosità e tutti gli altri fattori.

20160422_152352Livorno offre sia paesaggi suggestivi che scenari tipici di una città come tante altre, alcuni anche con sfumature ricche di decadenza. Sei più affascinato dai primi o dai secondi?

Preferisco i paesaggi suggestivi, ma in particolari casi una foto può riscoprire dell’interesse anche in situazioni di decadenza.

Qualora tu dovessi arrivare tra i dieci selezionate per la votazione finale del Contest, cosa rappresenterebbe per te il laboratorio fotografico indetto dal comune?

Qualora dovessi arrivare tra i dieci selezionati per la votazione finale del Contest, per me il laboratorio fotografico indetto dal comune rappresenterebbe un punto importante che mi darebbe modo di valorizzare il luogo fotografato da diversi punti di vista culturale, sociale, ambientale e sportivo. Far conoscere la mia città per incrementare il turismo.

Cosa ti ha spinto a prendere parte al nostro Contest Fotografico?

Curiosità e passione.

Matteo Taccola

e

Claudio Fedele

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Matteo Taccola
Matteo Taccola

Sono uno studente della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Pisa, curioso, estroverso, mi piace scrivere.
Ho voluto accettare la sfida postami da “Uni Info News”, mettermi alla prova e scrivere quello che penso con l’intenzione di potermi confrontare con tutti quelli che ci leggono.

Previous I Favolosi: i pionieri dell’Hard liscio
Next Obiettivo Livorno – Scatta la città: Andrea Dani

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Si chiamava Destà

15 Giugno 2020
Close