1 Ottobre 2020

Qui su Uni Info News, il mercoledì è dedicato agli scrittori: con cadenza settimanale, verranno pubblicati racconti e poesie di giovani autori da tutta Italia, selezionati dalla nostra redazione! Oggi abbiamo tre poesie di Giusy Vanni, di cui una ispirata dall’opera dello scultore Eugenio Riotto. Buona lettura!

Scrivi poesie o racconti brevi? Contattaci all’indirizzo giulia.pedonese@uninfonews.it ricevi un feedback dalla redazione e pubblica con noi!


 

Amanti Alati di E Riotto seconda triade Giusy

Ispirata dall’opera “Amanti Alati”
di Eugenio Riotto

Bacio Alato

Cos’è un bacio
Se non il fondersi
Lo sbatter d’ali
Il fruscio di foglie
L’odore di muschio
L’andirivieni delle onde
La corsa a perdi fiato
Il falò sulla spiaggia
il pianto dell’amore
la gioia del piacere
la pazzia improvvisa
un alba, un tramonto
l’incanto di un arcobaleno.
Cos’è un bacio …
Se non lasciarsi andare
ad un attimo d’eterno
sbattendo le ali
… all’unisono…

 


 

Immersa in te
l’anima si assenta.
Ogni rumore non penetra
a scalfire il cuore.
Solo il tuo abbraccio
mi avvolge e mi scalda.
Le mani ricordano
dolci carezze appaganti.
Le palpebre riflesse di luce
filtrano l’immagine infinita di te.
Immersa in te …
è dolce anche l’assenza.

 


 

Stretta nella morsa dei tuoi graniti
Mi tenevi chiusa, illusa
di protezione e amore.
Ma l’anima strozzata
rinnega de stessa e non dona.
Un vento repentino svolazza
il drappo rosso della mia libertà
e mi ricorda che ..
basta un balzo e .. vivrò libera.


 

IMG_2405_cr Giusy Vanni nasce a Lucca il 30 maggio 1963, Lavora in un supermercato da 33 anni, adora stare in mezzo alla gente, ama il suo lavoro. Si avvicina alla poesia già da grande, anche se la coltivava in se fin da piccola. Riceve nel 2005 il Premio speciale della giuria Poesia singola al Premio Europeo di arti letterarie Via Francigena a Pontremoli. Nel 2007 Pubblica con Giovane Holden la sua prima raccolta di poesie Partecipando al Progetto “ Non Leggi spesso, leggi sottile”, dal titolo “Scarabocchi dell’anima”. Per lo stesso progetto nel 2010 Pubblica “Non Solo Fantasie”(imparare a convivere con la Sindrome Fibromialgica). Ogni pretesto è buono per ballare, anche da sola, in salotto. Quando balla, dice lei, è come assentarsi per un attimo dalla terra e fare una capatina in Paradiso.


Show Full Content

About Author View Posts

Giulia
Giulia

Giulia Pedonese, classe 1992, ha cominciato a scrivere prima di sapere la grammatica e, visto che nessuno è riuscito a fermarla, studia lettere classiche all'università di Pisa. Ama cantare, non ricambiata, e nel frattempo si è data un nome d'arte con i baffi.

Previous Recensione Now You See Me – I maghi del crimine
Next Alla Germania il gas piace da sempre

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Adìos, Carlos Ruiz Zafòn: i tuoi libri non verranno mai dimenticati

22 Giugno 2020
Close