7 Dicembre 2022

Articolo successivo
https://www.uninfonews.it/puzzle-society-le-premesse/

Introduzione

Questa è una chiamata all’aggregazione giovanile, alla socialità mobilitante. In quest’epoca in cui l’aggregazione è stata negata per problematiche comuni, abbiamo bisogno di ritrovarci per confrontarci e stare bene insieme. Perché è nello stare con i nostri coetanei e coetanee che ci sentiamo vivi, ascoltati ed accettati.


Mi chiamo Marco Pacini, ho 25 anni e mi presento come giovane meta-sociologo o sociologo a metà, dato che studio la materia, ma non ho ancora ottenuto il titolo.

Sono cresciuto nelle associazioni di rappresentanza studentesca, di promozione sociale e culturale, di cooperazione internazionale e di volontariato: luoghi e percorsi che hanno fortemente strutturato il mio modo di essere.

Dal 2014, proprio grazie agli enti del terzo settore, ho avuto modo di incontrare molte e molti di voi. È a voi, che mi rivolgo. Voi congenerazionali che ho conosciuto nei molti territori del Paese ed in particolare a Livorno.

Nel 2019, grazie al passaggio da Giurisprudenza a Scienze politiche, mi sono imbattuto nella sociologia. Dallo studio della materia, ho capito che ciò che fino a quel momento avevo vissuto, le domande che mi ero posto, trovavano risposta nelle varie declinazioni di questa materia.

Da quel momento ho iniziato ad esplorare la socialità associativa ed informale con nuovo sguardo: l’ottica sociologica. Mediante l’osservazione partecipante, ho cercato di indagare e descrivere ciò che mi circondava, strutturando riflessioni e teorie sui problemi che costellavano la società e di conseguenza, la mia generazione.

Gli scritti che in questo blog cercherò di esporre riguardano più un metodo ed un modo di rappresentare le cose sociali. Scrivo per divulgare parti di teorie e progettualità maturate negli anni di studio ed attivismo, allacciandomi a teorie di sociologi più legittimati di me.


Il Progetto

Nel far questo vi presento “Puzzle Society”.

Puzzle Society è un metaprogetto strutturato, uno strumento per poter analizzare la società e osservarla in tutte le sue parti, in modo semplice e chiaro.

È un gioco, di cui ognuna ed ognuno di noi fa già parte.

È “meta” cioè che guarda ad una prospettiva a medio termine.

È situato: localizzato e circoscritto.

È un puzzle da completare tra giovani (ognuno in base alla propria esperienza, conoscenza e punto di vista) che cerca di indagare ed esplicitare i bisogni di cui la nostra generazione necessita.

Puzzle Society è un progetto che verrà raccontato e guardato da vari punti di vista e verrà costruito con elementi appartenenti a diversi campi: dalla sociologia alla musica, dalla storia, al diritto, dalla scienza, alla poesia, dallo spettacolo alla filosofia.

È un progetto che nasce e cresce insieme a noi congenerazionali.

Su questo blog o in altre forme, mi occuperò di: Giovani, Scuola, Associazioni, Cittadinanza e mafie.

L’intento è ispirato dalle opere del Maestro Pierre Bourdieu, sociologo francese che con il suo pensiero ha accompagnato l’evolvere delle mie idee.

Insieme al maestro, devo il mio riconoscimento a Durkheim, Collins, Boudon, Habermas, Dahrendorf, Bernstein, Merton, Mannheim e coloro che scoprirò.

Buon cammino congenerazionali,

Oggi è solo l’inizio.

Marco Pacini

 

Articolo successivo
https://www.uninfonews.it/puzzle-society-le-premesse/

Show Full Content
Previous Terza edizione del Mascagni Festival a Livorno: un calendario ricco di appuntamenti da non perdere!
Next Perché siamo in guerra contro la Russia?
Close

NEXT STORY

Close

Due occasioni imperdibili per vedere l’opera lirica “Il piccolo Marat” al Teatro Goldoni per l’edizione del centenario

10 Dicembre 2021
Close