13 Dicembre 2019

Recensione de La Leggenda di Beowulf 

/shots/beo/seq.mk/pix/out/pub_stills_08_23_07/mm.315_stills_2kpdci_vd8.0615.tifRobert Zemeckis negli anni 2000 ha dimostrato un considerevole interesse per la tecnica del Motion Capture, quel particolare uso della tecnologia legato alla computer grafica, capace di animare su schermo personaggi dietro ai quali, in studi appositi, si celano i volti degli attori.

Tale processo viene oggi utilizzato in modo massiccio nell’industria cinematografica e videoludica, uno dei precursori è stata la Weta di Peter Jackson con l’entrata in scena, nel suo The Lord of the Rings, di Gollum. Zemeckis, tuttavia, cerca di andare ben oltre la creazione di un singolo personaggio, e porta sul grande schermo un’intero film di animazione sorretto unicamente da tale tecnica. Una scelta senza dubbio complessa e coraggiosa, sperimentale e innovativa.

Dopo Polar Express, e prima di A Christmas Carol, nel 2007, tocca all’eroe Beowulf prendere le redini della filmografia del regista di Ritorno al Futuro, ripercorrendo la sua storia, cogliendo gli eventi in media res e portandoli poi ad un epilogo capace di rendere la sua figura una vera e propria leggenda, che i bardi, nelle ere future, non dimenticheranno di narrare.

Beowulf, figura centrare nella letteratura classica tedesca ed anglosassone, è il prototipo dell’eroe antico, colui che cerca sempre di dimostrare il proprio valore ed è costantemente affamato di gloria e potere. Arrivato, con i suoi uomini, presso le coste della Danimarca, nella reggia di Heorot, questi viene messo al corrente della figura di Grendel, un demone che infesta le terre del Re Hrothgar. Il figlio di Ecgþeow beowulf-21-e1363819117276coglie così la sfida, e si prepara all’imminente scontro, ignaro della madre della bestia e dei poteri, che quell’antica terra, è pronta a sprigionare contro di lui.

La Leggenda di Beowulf è un ibrido interessante, sotto certi punti di vista, nonché una prova abbastanza appagante sotto il profilo cinematografico. Dopo Il Signore degli Anelli non vi sono dubbi che il fantasy, nei cinema, sia stato considerevolmente ridimensionato, ed anche in quest’occasione le citazioni e gli omaggi si scorgono in più elementi così come le scelte estetiche, ma, ironia della sorte, visto oggi il lavoro di Zemeckis sembra più un precursore di quel tipo di universo affine a lavori quali Game of Thrones di George Martin.

Tutto è dovuto proprio al fatto che l’animazione, solitamente rilegata ad un pubblico infantile, qui è solo una scelta tecnica, non un pretesto per alleggerire la storia o orientarla ad un certo tipo di persone di una certa età. Re Hrothgar ed i suoi uomini vengono descritti come uomini superbi, avidi, propensi ai festeggiamenti sfrenati e particolarmente lussuriosi ed è per questo motivo che, a scanso di equivoci, la pellicola beowulf_2007_800x372_56585non è assolutamente consigliata ai bambini, poiché Zemeckis non ha pudore di mostrare una società antica in modo realistico.

Come ne Il Trono di Spade, che Beowulf sembra anticiparne il design e l’atmosfera, siamo messi di fronte ad uomini che non rinunciano ai piaceri della carne, così come a scene forti dove il grottesco ed il sangue non mancano. L’arrivo del mostro Grendel, non a caso, è tanto esaltante quanto simile all’entrata in scena di una creatura appartenente ad un film horror, complice anche la fotografia, ed il sangue, gli arti, le teste mozzate arricchiscono una scenografia portata avanti in nome dello splatter più leggero.

Il cuore pulsante dell’opera è, tuttavia, la concezione del tempo e l’influenza che questo ha sugli uomini, particolare che è sempre stato alla base della filmografia di Zemeckis. Gli anni incidono sia sulle persone comuni che nei grandi eroi, coloro che aspirano all’immortalità, ed il viaggio del tempo, inteso come percorso fatto dal genere umano, è un sentiero irto di delusione e decadenza, esattamente come accade a Beowulf, un tempo giovane condottiero, ora, (nella seconda parte del film) sovrano di Heorot avvilito e Beowulf-Movie-HD-2007-2deluso da se stesso e dalla vita. Il tempo degli eroi, con l’avanzare dell’età del protagonista, giunte alla fine, la società cambia, così come la religione, e la leggenda cade nell’oblio, vinta da un nuovo credo o da un nuovo idolo.

Sotto il profilo tecnico il lungometraggio vanta, grazie all’uso massiccio del digitale, molti piani sequenza, che rendono costantemente fluida la narrazione, mentre in alcuni essi appaiono quasi come delle forzature e ne limitano la godibilità; il 3D è ottimo, gli oggetti escono dallo schermo in modo nitido, ben amalgamati con le sequenze più concitate e la profondità è particolarmente curata.

Difficile, a onor del vero, esprimersi sul cast, visto che la Motion Capture limita i movimenti e le espressioni degli attori in carne ed ossa, anche se, nel riproporli con le animazioni, il risultato raggiunto è notevole, sia per gli ambienti che per i gesti dei tanti comprimari. Se, tuttavia, i volti ed i corpi dei protagonisti son realistici, le “comparse” più e più volte appaiono legnose e poco credibili, sgraziate o addirittura abbozzate sotto il profilo estetico.

La Leggenda di Beowulf, la cui sceneggiatura è curata da Neil Gaiman, sempre rimasto affascinato da questa figura mitologica, da come si può evincere dai suoi scritti e dalle sue raccolte di racconti, è un calderone di potenzialità sfruttato in maniera degna, ma non esemplare o del tutto soddisfacente; Robert Zemeckis è bravo sotto il profilo tecnico, e ha curato ogni cosa nei riguardi della società del tempo nei minimi dettagli, ma è difficile credere che un film di animazione possa godere di un respiro epico come quello di un lavoro in live-action, e si fa fatica, nelle due ore di pellicola, a rimanere sempre affascinati dai progressi fatti dalla tecnologia nel ricreare volti o personaggi sul grande schermo. L’impressione, a volte è quella di non vedere un prodotto “credibile”. beowulf-dragonI momenti esaltanti, i dialoghi interessanti e l’attinenza al materiale di partenza (almeno dietro ad una veste scenografica) non mancano, certo, ma arrivati ai titoli di coda si ha quasi l’impressione che, se avessimo visto un’opera in carne ed ossa, il risultato finale sarebbe parso, forse, molto più notevole. Va dato atto a Zemeckis di aver sperimentato una forma di cinema interessante ed innovativa, destinata a far parlare di se in futuro e di certo essenziale per i prossimi anni, ma ancora incapace di saper dare soddisfazione appieno quando, questa, si rivela l’unico elemento narrativo sullo schermo, l’unico strumento attraverso il quale raccontare una storia.

 

Review Date
Reviewed Item
Robert Zemeckis, Angelina Jolie, Fantasy, Beowulf, Ryan Wistone,
Author Rating
31star1star1stargraygray
Show Full Content

About Author View Posts

Claudio Fedele
Claudio Fedele

[Email: cicifedele@gmail.com] Nato il 6 Febbraio 1993, residente a Livorno. Appassionato di Libri, Videogiochi, Arte e Film. Sostenitore del progetto Uninfonews e gran seguace della corrente dedita al Bunburysmo. Amante della buona musica e finto conoscitore di dipinti Pre-Raffaelliti.
Grande fan di: Stephen King, J.R.R. Tolkien, Wu Ming, J.K. Rowling, Charles Dickens e Peter Jackson.

Previous Le 10 balle di Renzi
Next Perché Mario Draghi è il vero Mister Europa

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Libreria Ubik: Giovanni Neri presenta il suo romanzo “Capraia Akbar”

19 Settembre 2019
Close