21 Settembre 2020

Recensione di Honeymoon

VOD_Honeymoon-Billing-Layered-1400x2100Prima di parlare della pellicola, sarebbe doveroso fare una premessa, da collegare alla casa di produzioneMidnight Factory, e dove, all’interno di essa, tessere una sincera lode e plauso per l’impegno che, quest’ultima casa di produzione, si propone di mandare avanti affinché determinate pellicole, a stampo indipendente, possano arrivare persino nel nostro mercato sia nei circuiti cinematografici, o, come in questo caso, almeno in bluray nel formato homevideo.


Chiusa questo breve inviso, e concentrandosi sull’opera prima di Leigh Janiak va messo subito in chiaro che un esordio, in quanto tale, mostra sempre dei difetti, delle incertezze, delle lacune che, se colui che si pone dietro alla macchina da presa gode di un discreto talento, limerà con il passare del tempo per cercare una forma ed una padronanza tecnica personale e solida, è stato così per i più grandi nel passato (salvo rare eccezioni che si contano sulle dita di una mano) e si rivelerà una realtà di fatto per i neo cinefili che verranno in futurp. Per quel che concerne Honeymoon, attraverso la sua messa in scena e la sua la-et-mn-honeymoon-movie-review-20140912sceneggiatura, possiamo da un lato apprezzarne l’impostazione, dall’altro il coraggio della giovane regista americana nel voler descrivere una storia horror, dai contorni thriller con un pizzico di fantascienza, capace di rimanere a galla ed interessare per tutta la sua durata.

Come per le più rosee aspettative la luna di miele di Bea e Paul inizia sotto il nome dell’amore, nel segno di usignoli canterini, giornate piene di sole ed allegria, di passione e interminabili effusioni. Questo paradiso bucolico canadese viene meno quando, una sera,Paul troverà la propria consorte nel bosco, vicino alla baita dei genitori di lei, dove hanno deciso di passare il loro tempo immediatamente dopo il sacro rito coniugale. Da allora Bea apparirà sempre più distante e strana agli occhi del marito, dando segni di squilibrio e malessere che sfoceranno, lentamente, in un disagio estremo che metterà a rischio la loro relazione, fino a quando ormai, i due capiranno di essere ad un punto critico, incapaci di comprendersi a causa di un qualcosa che si è insinuato sul loro percorso, che sta portando la coppia ad una lenta pazzia ed agonia.

Honeymoon è un horror di tipo indipendente, limitato, sotto il profilo dei fondi, e per questo portato a fare della necessità una virtù. La regia della Janiak è attenta e precisa, cura i dettagli e le inquadrature e ciò le permette far chiudere un occhio sotto alcuni aspetti meno riusciti, come una telecamera a spalla a volte troppo presente o delle panoramiche assenti che avrebbero donato un senso di pienezza alla vicenda narrata, mancante, a momenti, di una sceneggiatura aggressiva o dal ritmo serrato. Poco male, perché nella sua scelta di essere intima e claustrofobica,1406175787cf442-original-1 la storia di Bea Paul funziona per tutta la sua durata, pur trattandosi di un cliché, iniziando piano, ma aumentando la tensione e la pressione quasi in modo impercettibile, per poi esplodere sullo schermo negli ultimi venti minuti.

Senza andare a disturbare i grandi classici per confronti o analogie, Honeymoon sembra omaggiare a più riprese alcune inquadrature iniziali Spielberghiane che ricordano il fantastico Duel, mentre le atmosfere, frustranti, deliranti, psicologiche e angoscianti, caratterizzate da un tocco di introspezione psicologica, richiamano il cinema di Von Trier, ed in maniera maggiore quello di Polansky ed il suo capolavoro Rosemary’s Baby, mentre quel che concerne gli elementi puramente“carnali” e fisici, evidenti in honeymoonparticolar modo nei minuti conclusivi, si rifanno non solo per tematica a lungometraggi quali L’Invasione degli Ultracorpi, ma per estetica ad un primo Cronenberg capace di fare del cinema un’autentica visione di forze fisiche e grottesche in movimento sul grande schermo, primordiali e viscerali.

Ad un primo impatto Honeymoon può sembrare un lavoro scialbo o poco interessante, ma è un progetto ricco di spunti e modesto nella sua semplice essenza, realizzato con cura e passione, percepibile dietro ogni ripresa, che se da un lato risente dei bassi finanziamenti stanziati per la sua realizzazione, dall’altro cerca di fare del proprio meglio con i mezzi a disposizione. Leigh Janiak si affida a Rosalie Leslie Harry Treadway per i ruoli dei due protagonisti e la loro formazione britannica, figlia di studi teatrali sui quali quest’ultimi possono fare affidamento, si nota ed ha un certo peso per quel che concerne il giudizio finale sulle loro performance, convincenti e ben affiatate. Come pellicola di esordio Honeymoon si rivela, dunque, più che buona, mostrando una limitazione che, probabilmente, è unita alla natura di cinema indipendente, ma il messaggio che manda alla fine è importante e chiaro, non solo all’interno dello schermo, ma anche fuori; la Janiak è una delle poche registe donne di genere, e la delicatezza, così come il tocco personale, si avverte in determinate sequenze che fanno del suo primo progetto un’opera di cui tener conto ed un biglietto da visita di considerevole qualità.

Review Date
Reviewed Item
Leigh Janiak, Rosalie Leslie, Horror, Harry Treadway,
Author Rating
31star1star1stargraygray
Show Full Content

About Author View Posts

Claudio Fedele
Claudio Fedele

Nato il 6 Febbraio 1993, residente a Livorno. Appassionato di Libri, Videogiochi, Arte e Film. Sostenitore del progetto Uninfonews e gran seguace della corrente dedita al Bunburysmo. Amante della buona musica e finto conoscitore di dipinti Pre-Raffaelliti.
Grande fan di: Stephen King, J.R.R. Tolkien, Wu Ming, J.K. Rowling, Charles Dickens e Peter Jackson.

Previous Meno male che c’è l’Europa
Next Recensione di Hugo Cabret

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Toscana a Sinistra si presenta a Livorno

17 Luglio 2020
Close