5 Ottobre 2022

È difficile capire le cose dall’esterno, è difficile comprendere che cosa significhi il termine “indipendenza” in un periodo in cui l’unione sembra il rimedio fondamentale contro le spaccature ed i muri che si stanno innalzando in un’Europa sempre più debole e in piena crisi.

Ho voluto riportare la testimonianza diretta di Sandra, una cittadina spagnola nata e cresciuta a Barcellona.


Le ho chiesto cosa pensasse dei fatti avvenuti negli ultimi giorni e se fosse “favorevole all’indipendenza della Catalogna”. È stato difficile per lei rispondere dato che da anni ormai vive lontana dalla sua città e i suoi figli sono a tutti gli effetti spagnoli; ad ogni modo se prima si sentiva “catalana e poi spagnola”, ultimamente si è sentita “sempre più e solo catalana”.

Quello che è emerso durante l’intervista è un’intensa insofferenza contro le forze al governo, sì perché “se al posto del Partido Polular, ci fossero state forze più aperte al dialogo probabilmente la situazione sarebbe stata diversa”. Non a caso il sentimento indipendentista è aumentato molto negli ultimi anni, di pari passo con la crisi dei partiti tradizionali caratterizzati da continui scandali e accuse.

La Catalogna ha sempre reclamato forme forti di autonomia a causa della sua identità culturale, linguistica e storica; un aspetto fondamentale è la consapevolezza della sua potenza economica, che le permette di avanzare queste rivendicazioni con certezza: non a caso circa il 20% del PIL spagnolo viene prodotto qui.

I governi però negli ultimi anni, “hanno soffocato i diritti e le libertà dei catalani”; nel 2006 fu approvato il nuovo statuto sull’autonomia, dichiarato poi incostituzionale nel 2010 in alcune parti, soprattutto perché la Catalogna veniva definita una nazione. In seguito a ciò, si tenne a Barcellona un’enorme manifestazione di protesta a cui parteciparono circa 1 milione di persone.

Inoltre, sono state sospese dal Tribunale Costituzionale diverse leggi catalane tra le quali emergono quelle sull’emergenza e la sicurezza sociale, sulla parità di genere, la legge a favore della produzione culturale, o quelle sulle imposte al nucleare e alle banche.

Già nel 2014, lo stesso Tribunale aveva bloccato un tentativo di referendum sull’indipendenza, riducendolo ad una consultazione informale senza valore legale, alla quale partecipò il 36% degli aventi diritto, che si espresse per l’80% a favore della secessione.


Così i poteri centrali hanno dichiarato incostituzionale anche il referendum dello scorso primo ottobre, una consultazione avvenuta effettivamente nel mancato rispetto delle norme e della legalità. “Ma come possono parlare di legalità loro che sono i primi corrotti, accusati di distrazione di fondi pubblici e appropriazione indebita . Loro che nel 2015 hanno creato la Ley Mordaza (legge bavaglio). Come possono parlare di legalità e democrazia dopo gli scontri e le violenze ai seggi , dopo aver violato i diritti umani di centinaia di cittadini che avevano in mano solamente un foglio, una penna e la carta d’identità per votare?”. “Quello che probabilmente non viene detto nel resto d’Europa” continua,“è che Rajoy sta avvisando anche le altre comunità autonome, perché quello che è successo in Catalogna potrebbe verificarsi altrove, laddove vi siano principi di nuove rivendicazioni indipendentiste”.

La situazione è andata rapidamente fuori controllo, culminando con la dichiarazione di indipendenza di venerdì scorso. Comunque non è nata dal nulla, è il risultato di una storica e crescente incomunicabilità tra il governo centrale e Barcellona.

Per adesso è difficile capire che cosa accadrà, quel che è certo conclude, è che “L’applicazione dell’articolo 155 della Costituzione, è percepita dai catalani come la negazione assoluta dell’identità di un intero popolo”.

Show Full Content

About Author View Posts

Benedetta Cirillo

Vivo a Livorno, ho 25 anni e studio Comunicazione Politica all'Università di Firenze.
Mi appassionano la politica, l'arte, la musica e il viaggio.

Previous Goldoni VENERDI’ prossimo: ‘Virgilio Sieni’ in ‘SOLO GOLDBERG IMPROVISATION’
Next In attesa de “Il Trovatore”

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Dietro le quinte della tassonomia per la finanza sostenibile: perché nucleare e gas sono stati inseriti?

10 Dicembre 2021
Close