14 Agosto 2020

2Sabato 10 ottobre riprendono le attività del Teatro Verdi di Pisa, stagione densa di appuntamenti come la Stagione Lirica, la Stagione Teatrale, la Stagione dei Concerti della Scuola Normale, la Rassegna di Danza e molto altro.
In particolar modo, la Stagione Lirica 2015-2016 (la quinta curata dal direttore artistico Marcello Lippi) si preannuncia molto interessante: a fianco di opere molto popolari come l’Aida di Verdi (30 e 31 gennaio 2016) e La Vedova Allegra (20 e 21 febbraio 2016) vengono presentati titoli meno noti al grande pubblico, come il Simon Boccanegra di Verdi (10 e 11 ottobre), il Mefistofele di Boito (18 e 20 marzo 2016) ed il raro Catone di Händel (20 dicembre). Inoltre, con i tre Il Convitato di Pietra (di Gazzaniga il 6 novembre 2015, di Tritto il 14 novembre 2015 e di Pacini il 21 novembre 2015), il dialogo del 6 ottobre Senso di vuoto, desiderio, voracità: Don Giovanni figura della malinconia (relatori Maria Antonella Galanti e Alfonso Maurizio Iacono) ed il concerto del duo pianistico Giuseppe Bruno-Vincenzo Maxia Gli altri Don Giovanni (22 ottobre) su musiche di Chopin, Cui, Liszt, Pierami e Richard Strauss si chiuderà il Dongiovanni Festival Una gigantesca follia iniziato nella scorsa Stagione Lirica.
Assieme alla Stagione Lirica vera è propria, è confermata anche la Stagione dedicata alle opere da camera, che saranno ospitate nella Sala “Titta Ruffo”. L’apertura di questo ciclo sarà ancora una volta nel segno di Don Giovanni, con l’opera Il Trionfo dell’Onore di Scarlatti (16 ottobre), cui seguirà la prima assoluta dell’opera The Lyric Puppet show di Marco Simoni (21 gennaio), vincitrice del I Concorso Internazionale di Composizione “Gabriella Gentili Mian”, il dittico The tell-tale heart e The Angel of the odd (25 febbraio 2016) di Bruno Coli ispirato ad Edgar Allan Poe e l’opera Salvo d’Acquisto (9 marzo 2016) di Antonio Fortunato. All’interno del ciclo cameristico è presente anche la tragedia teatrale Don Giovanni e Faust (18 novembre) con musiche di Christian Dietrich Grabbe, con la quale si sancisce il passaggio dal Dongiovanni Festival della Stagione 2014-2015 al nuovo Festival Angeli e Demoni. Il Mito di Faust, il cui programma è ancora in fase di definizione e permeerà tutto il 2016, a cominciare proprio dal Mefistofele di Arrigo Boito, con opere, spettacoli, dialoghi, lezioni e film, il tutto realizzato grazie all’impegno congiunto della Fondazione Teatro di Pisa, Università di Pisa, Scuola Normale Superiore, Palazzo Blu, Pisa Book Festival, Cineclub Arsenale, Teatro del Giglio di Lucca, Orchestra Arché, Orchestra dell’Università di Pisa, Coro dell’Università di Pisa, Coro Polifonico San Nicola, Servizio Diocesano Cultura e Università.
Una Stagione, quindi, all’insegna dell’intelligenza e del coraggio, sia nel proporre un repertorio non esclusivamente nazional-popolare, sia nel riuscire a conferire alla programmazione coerenza ed un ottimo equilibrio. In questi tempi, funestati dalla crisi economica ed un preoccupante vuoto culturale, non è da tutti proporre una Stagione che fa molto affidamento sull’intelligenza del pubblico e, soprattutto, sulla sua curiosità; molti teatri si accontentano di riproporre in perpetuo le solite opere, ciclicamente, pur di fare cassa. È stata confermata la consuetudine delle presentazioni-aperitivo il sabato mattina, ulteriore segnale dell’affetto e della disponibilità del Teatro Verdi verso il proprio pubblico.
L’appuntamento più atteso di questo mese è proprio sabato 10 ottobre, giorno d’apertura della Stagione Lirica, che sarà battezzato dall’opera Simon Boccanegra di Giuseppe Verdi (che verrà replicato l’11 ottobre). Tra gli interpreti spiccano il baritono Stefano Antonucci, che interpreterà il protagonista, Simone Boccanegra, mentre Roberto Scandiuzzi sarà Jacopo Fiesco mentre i giovani Leonardo Caimi e Valeria Sepe interpreteranno rispettivamente Gabriele Adorno ed Amelia.
L’appuntamento con noi di Uni Info News, invece, sarà domani sera, con l’articolo introduttivo sull’opera verdiana che inaugurerà la nuova Stagione del teatro pisano.

Per informazioni: Teatro di Pisa www.teatrodipisa.pi.it


Show Full Content

About Author View Posts

Luca Fialdini
Luca Fialdini

Luca Fialdini, classe '93: studente di Giurisprudenza all'Università di Pisa e di pianoforte e composizione alla SCM di Massa e sì, se ve lo state chiedendo, sono una di quelle noiose persone che prende il the alle cinque del pomeriggio. Per "Uni Info News" mi occupo principalmente di critica musicale.

Previous All you Need is Cinema: I Film da Vedere nella Vita! (#246-250)
Next La scelta di Alfano

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

L’uomo nero imbrattato di rosso

16 Giugno 2020
Close