15 Agosto 2022

Dopo una settimana di lavoro o studio intenso aspettiamo il weekend con ansia. Non vediamo l’ora di rilassarci sul divano guardando un film, la nostra serie preferita o leggendo un bel libro. Certamente queste sono attività molto invitanti…ma perché impoltronirsi? Questo è il periodo migliore per prendere la macchina ed approfittare di una gita fuori porta all’insegna dell’arte e della cultura#Weekendalmuseo ti porta a conoscere le più belle ed interessanti mostre in giro per l’Italia.

Questa settimana ( e fino al 22 novembre) Firenze, e più precisamente Palazzo Vecchio, esporrà due arazzi raffiguranti le famose Mappe di Alighiero Boetti. 


Salone dei '500 allestito con le due Mappe di Boetti
Salone dei ‘500 allestito con le due Mappe di Boetti

In occasione del Summit fiorentino di sindaci e delegazioni provenienti da tutto il mondo, dal titolo Unity in diversity, il Salone dei ‘500 di Palazzo Vecchio ospiterà due grandi arazzi (dimensioni 280×580 cm circa) dell’artista e genio torinese, in un dialogo tra arte moderna e contemporanea, tra passato e presente. È la prima volta infatti – almeno in Italia – che due Mappe di queste dimensioni sono affiancate nello stesso luogo.

Gli arazzi sono preziosi ricami in cotone eseguiti a mano dalle donne afghane fra gli anni ’80 e ’90 del secolo scorso, su disegno e progetto di Boetti stesso. Ogni ricamatrice ha realizzato una sezione del dipinto, elaborando una parte del mondo. Un’opera unica, quindi, ma che ha come risultato un lavoro collettivo. L’unità nella diversità, esattamente come recita il titolo del Summit. E non dimentichiamoci che ” le due opere di Boetti riproducono il passaggio epocale della trasformazione dei confini sovietici con la Perestrojka, quando dall’Unione Sovietica sorse la Russia nell’agosto 1991″- come giustamente sottolinea il comunicato stampa. Artestoria, educazione.

E’ proprio questo, infatti, il tema principale e lo scopo del Summit: il dialogo tra i popoli, la centralità dell’arte e della cultura nella costruzione della pace, la difesa delle antiche civiltà e delle tradizioni nella globalizzazione. Tematiche sempre attuali e che ci toccano da vicino. Anche e proprio attraverso l’arte, quindi, si può (e si deve) giungere all’uguaglianza, alla convivenza pacifica tra diverse tradizioni e personalità.

Dunque, perché non approfittare di una bella giornata del fine settimana per visitare questa mostra, in un luogo poi che ha dell’affascinante, ricco di storia e di memorie artistiche del passato?

Ti aspetto il prossimo fine settimana con un altro appuntamento con l’arte #Weekendalmuseo.

Alighiero Boetti, Mappa
Alighiero Boetti, Mappa

 

annalisa.castagnoli15@gmail.com


 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Annalisa Castagnoli

Laureata in Storia dell'Arte Contemporanea (Università di Pisa) mi piace raccontare storie e scrivere le mie "impressioni" su tutto ciò che vedo o ascolto. I libri sono il mio rifugio sicuro, con loro mi sento sempre a casa!
Oltre a UIN collaboro anche per Exibart.

E-mail: annalisa.castagnoli15@gmail.com

Previous All you Need is Cinema: I Film da Vedere nella Vita! (#276-280)
Next Il Duo Petrouchka e la magia delle quattro mani

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Ritorna “Classica con gusto” al Teatro La Goldonetta con il concerto al pianoforte di Mariangela Vacatello: il mondo di Skrjabin e Chopin

17 Gennaio 2022
Close