Elisa Benevelli

Ho sempre amato 'Una Mamma Per Amica' e, per determinate peculiarità, mi sono sempre vista in entrambi i personaggi di Lorelai e Rory, madre e figlia, protagoniste della serie. Da qui la mia passione per scrivere, mi piace scrivere di qualsiasi cosa, da articoli di giornale a un libro in futuro (?). "Passione"...chi può dire…

La molteplicità dell’essere umano

Elisa Benevelli - 3 Feb 2014
Share

Sapete quando fa male? Quando ci si sente da lontano senza mai parlare. Non lo sapevate? Non si finisce mai di imparare…siamo come un libro aperto, fatto di promesse mancate e sogni infranti, di vetri in mille pezzi e di fotografie strappate, di giornali sbiaditi, di tessuti sciupati, siamo come desideravamo essere, vuoti fuori e pieni dentro. Siamo come le foglie, come il vento che …

Continue reading

Les liaisons dangereuses

Elisa Benevelli - 22 Dic 2013
Share

E’ lei che vuoi. E’ solamente lei che vuoi e noi l’abbiamo sempre saputo e tu, tu lo sai altrettanto bene. Lo sai benissimo, perché , quando entra in una stanza, magicamente cadiamo nell’ombra e dimenticate, diventiamo un ricordo lontano, una breve parentesi lasciata aperta per la troppa frenesia nell’inseguir la sua passione, per la troppa smania di conoscenza, la sua, o per l’assoluta pigrizia …

Continue reading

Benvenuti nel 2013

Elisa Benevelli - 11 Dic 2013
Share

Potrei parlare di quella ragazza che aspetta la metropolitana mentre mille pensieri, come coltellate, la colpiscono in pieno petto. Potrei, ancora, raccontare di quella dolce vecchietta che sferruzza tutte le sere d’inverno davanti al camino, alla forsennata ricerca di un po’ di tepore, di una qualsiasi forma di calore, abituata com’è, a non riceverne più da tempo, abbandonata da figli e nipoti, lasciata in un angolo …

Continue reading

La depressione

Elisa Benevelli - 9 Nov 2014
Share

“Mi senti?”- domandò. Ma l’eco del nulla suonò nel vuoto e fù, questa, la più brutal risposta mai ricevuta prima. Perché il silenzio non chiede, replica duramente. Quando non hai niente da perdere, non puoi avere che il niente che perdi e nemmeno quelle lacrime, che racchiudono un niente ancor più insulso, valgono la pena d’esser versate. Quando muori non puoi che morire e nemmeno …

Continue reading