24 Luglio 2024

Quali sono i temi più importanti e meno (o peggio) affrontati nel dibattito pubblico?

Mafia e malaffare? Difesa dell’ambiente e cambiamento climatico? Il futuro del lavoro, dell’arte e l’avvento di nuove tecnologie che inquietano e meravigliano allo stesso tempo?


Una risposta univoca, chiaramente, non esiste e la sensibilità di ognuno determina l’ordine della priorità. Ad ogni modo questi temi, il “CambiaMente Festival” giunto al suo terzo anno, li ha affrontati tutti. Bene o male che sia, lo lasciamo giudicare alle tante persone che ci hanno seguito e ci stanno accompagnando in questo lungo e tortuoso quanto emozionante percorso.

Di sicuro, noi, ci stiamo divertendo ed appassionando, stiamo scoprendo nuovi mondi e approfondendo tematiche delicate e complesse.

Le origini

“Eravamo quattro amici al bar, che volevano cambiare il mondo…” cantava Gino Paoli, ed è più o meno così che è nato, nel 2021, il festival “CambiaMente”, scegliendo come primo argomento di speculazione lo stato dell’arte delle mafie e dell’antimafia, la diffusione sul nostro territorio delle pratiche e della mentalità mafiosa, le testimonianze di chi ha dedicato la vita nella lotta all’antistato.

Il primo anno le associazioni che hanno organizzato CambiaMente, ovvero Uni info News, Arci Livorno e Libera, in collaborazione con Oltre e tante altre realtà cittadine, hanno scelto i locali della Fortezza Vecchia per ospitare dibattiti, spettacoli e banchi di promozione sociale, tutti “a tema”.

Nel secondo anno, ambiente e cambiamento climatico hanno caratterizzato la tre giorni settembrina di “Cambiamente Festival 2022: l’emergenza climatico-ambientale”, vedendo la presenza di professori, studiosi, assessori e tanti stand delle varie associazioni presenti sul territorio.

Grazie soprattutto alla presenza di Legambiente Arcipelago Toscano tra gli organizzatori.


Oggi

Al terzo anno, Arci Livorno, Uni Info News e da quest’anno anche l’associazione Nesi/Corea propongono un nuovo format: non più una kermesse concentrata in tre giorni autunnali, ma un festival “diffuso”, nel tempo e nello spazio, cercando di attrarre persone dagli interessi più disparati ma accomunate da un bisogno di conoscenza che per alcuni è proprio un imperativo categorico: conoscere il presente per pensare il futuro.

Intelligenza artificiale, ChatGPT, Midjourney, cambiamento del mondo del lavoro, reddito di base, sono i temi che abbiamo affrontato nei primi 7 mesi di festival. Abbiamo parlato con le persone che utilizzano tutti giorni queste nuove tecnologie, per passione, per studio, per lavoro.

Portando esperti da tutt’Italia, a Livorno, nei circoli Arci, all’ass. Nesi/Corea, nei locali della cooperativa sociale “ThisIntegra”. Abbiamo visto film e utilizzato insieme al pubblico ChatGPT e Midjourney, le intelligenze artificiali che generano rispettivamente testo e immagini, con l’aiuto di “chi ne sa di più”.

Cercando di portare anche sul nostro territorio argomenti caldi e tanto nuovi quanto opinabili che, felici di essere smentiti, nessuno sta ancora trattando pubblicamente sulla scena livornese. Adesso ci fermiamo un paio di mesi, perché siamo un po’ stanchi e perché fa troppo caldo.

Il futuro

Da settembre torniamo, belli carichi, perché i temi da affrontare sono tanti e la necessità di riprendere in mano il futuro e quindi le nostre vite è sempre più ineludibile.

Un saluto dagli organizzatori del CambiaMente Festival, seguiteci sui canali social, Facebook e Instagram, per rimanere aggiornati sui prossimi eventi.

E grazie ancora ai tanti, giovani e non, che ci stanno accompagnando in questo splendido cammino.

ChatGPT ThisIntegra

 

 

 

 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Giovanni Sofia

Livornese, presidente di Uninfonews dal 2021, classe '92, progettista meccanico, laureato in ingegneria aerospaziale all'università di Pisa, pallanuotista. Interessato alla politica, l'attualità e la meteorologia. Ma anche a cose più normali.

Previous Oscar 2023 – Tutti i vincitori
Next Il rischio di una nuova guerra civile negli Usa è solo fantasia?
Close

NEXT STORY

Close

Due occasioni imperdibili per vedere l’opera lirica “Il piccolo Marat” al Teatro Goldoni per l’edizione del centenario

10 Dicembre 2021
Close