19 Ottobre 2021

Se avete vissuto gli anni ottanta o ne siete appassionati, il “Synth Pop”, musica elettronica combinata con quella pop, non dovrebbe certo esservi un mistero; le musichette spensierate e tipiche di quel decennio, quali ad esempio quelle degli “A-Ha”, “Eurythmics” e “Alphaville”, erano la cornice ad un periodo percepito come positivo in tutto il mondo occidentale, socialmente, economicamente e politicamente.
La moda passa, lo stile resta” sosteneva la celeberrima Coco Chanel, in effetti anche la moda del “Synth Pop” iniziò a calare, molte delle band menzionate scomparvero, altre riuscirono a sopravvivere per qualche anno, pochissime conservarono il loro prestigio rinnovando il proprio stile e le proprie influenze.

I Depeche Mode sono proprio tra queste.


depeche_mode_13

Definiti come la “Quintessenza della musica elettronica degli anni ottanta”(Rolling Stones), i Depeche Mode sono nati sulla falsariga della corrente Synth Pop ma sono riusciti a innovarsi nel corso di trent’anni di attività senza perdere il loro stile inconfondibile, caratterizzato dal contrasto tra il freddo della musica elettronica e il calore della voce del frontman della band David “Dave” Gahan.

DEPECHE MODE 234

Proprio per questa ragione, vederli dal vivo allo Stadio Olimpico di Roma in compagnia di sessantamila persone, molte delle quali fans della prima ora con figli e famiglia dietro, è stato uno spettacolo unico e paragonabile solo ad altri concerti di vere e proprie pietre miliari della musica di qualsiasi genere come Bruce Springsteen, Bob Dylan e Rolling Stones.

“Dave“ Gahan, accompagnato dal chitarrista e tastierista Martin Gore, dal tastierista Andy Fletcher e dai due membri aggiuntivi per il tour Peter Gordeno e Christian Eigner, ha incantato la piazza romana interpretando alcuni dei migliori singoli tra i quali “Precious”, “Enjoy the Silence”, “Personal Jesus”, “Just Can’t Get Enough” e “Walking in My Shoes” , intervallandoli con pezzi estratti dal nuovo album “Delta Machine” come “Heaven”, “Welcome To My World” e “Soothe My Soul”.

DSCN7541(Poco prima dell’inizio del concerto)

Fra gioie ed emozioni del pubblico, soprattutto a  “Enjoy the Silence” E “Personal Jesus” abilmente accoppiate, splendide immagini realizzate dal fotografo storico della band Anton Corbijn proiettate sui maxischermi e balletti dello stesso Gahan in grande spolvero, la droga sembrerebbe oramai un ricordo lontano, i Depeche Mode hanno dimostrato ancora una volta di non essere semplice moda passeggera ma vero e proprio stile musicale.

DSCN7576(Subito dopo)


E Coco Chanel, se fosse ancora viva, senza dubbio concorderebbe.

 

 

 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Giulio Profeta
Giulio Profeta

Dottorando, abilitato alla professione forense, livornese.
Sono uno dei fondatori del progetto "Uni Info News", nonché attuale presidente dell'associazione; ho avuto l'idea di buttarmi in questa avventura per promuovere uno stile di vita attivo fra tanti miei coetanei, all'insegna del confronto come motore di crescita personale.

Previous Intervista a Federico Guerri, Sindaco di Mondo di Nerd
Next Juve-Roma: schiuma, rigori e interrogazioni parlamentari

1 thought on “Synth + Stile = Depeche Mode

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Il convegno internazionale sulla comunità greca di Livorno

14 Ottobre 2021
Close