14 Agosto 2020

Il lupo di Wall Street è il nuovo film diretto da Martin Scorsese e interpretato da uno scatenato Leonardo DiCaprio che veste i panni del famoso broker Jordan Belfort. Quest’ultima fatica di thewolfwallstreetScorsese racconta le ”gesta” dello stesso Jordan, uno dei più famosi broker di sempre di Wall Street ma non c’è presentazione migliore di quella che pronuncia lo stesso personaggio:

Mi chiamo Jordan Belfort. L’anno in cui ho compiuto 26 anni, ho guadagnato 49 milioni di dollari, cosa che mi ha fatto incazzare,  perché ne mancavano solo tre e avrei ottenuto una media di un milione a settimana”.


 Possiamo ben dire che questa frase sia il ritratto del personaggio, siamo nel 1987 e Jordan si dedica alla professione di broker recandosi a New  York ma non appena comincia la sua carriera, la borsa crolla e si ritrova senza lavoro. Così grazie alla sua fame e alla sua ambizione cerca di  ritornare alla ribalta creando dal nulla una nuova società, la Stratton Oakmont, arruolando perlopiù spacciatori e malviventi e istruendoli sulle  tecniche di vendita. Il piano riscuote successo e tramite vari illeciti finanziari e truffe ai danni degli investitori diventa in poco tempo ricchissimo. La  sua società crescerà sempre più e la sua avidità pure ma tra alcol, orgie e festini a base di droghe ne combinerà di cotte e di crude finché la sua  megalomania attirerà un po’ troppe attenzioni, in particolar modo quelle ”indesiderate” dell’FBI che gli darà la caccia.

 the-wolf-of-wall-street-leonardo-di-caprio-recensione-anteprimaIl film, tratto dalla stessa biografia di Belfort, rappresenta ormai la quinta pellicola contrassegnata dal sodalizio Scorsese- DiCaprio ed ha raccolto  cinque nomination agli Oscar: miglior film, miglior regista, miglior attore protagonista, miglior attore non protagonista e miglior sceneggiatura non  originale. Nelle nostre sale è uscito solo il 23 Gennaio ma nel frattempo, in attesa della notte delle  statuette, DiCaprio si è già portato a casa il  Golden Globe come miglior attore in un film commedia o musicale. Oltre al già citato protagonista  troviamo altri nomi eccellenti come Matthew  McConaughey, Jonah Hill, Margot Robbie e Jean Dujardin. Ma si tratta di un one man show perché  Leo domina la scena e regge il tutto sulle  proprie spalle con una performance encomiabile: in quel di Los Angeles staranno già pensando a qualche  scusa o sarà la volta buona? Teniamo le  dita incrociate!

 Vendendo alle considerazioni sul film, la coppia Scorsese – DiCaprio colpisce ancora e fa il botto, in tutti i sensi! Il regista si reinventa e crea una  sorta di ibrido a metà tra il grottesco e la commedia nera; ci sono numerose gag, talvolta ai limiti del demenziale, benché l’argomento come facilmente si  intuisce non è dei più leggeri. In esso non c’è spazio per la morale e la redenzione, non ci sono filtri e il regista ci sbatte tutto prepotentemente in faccia. È sicuramente uno dei suoi film più sfrontati e irriverenti, probabilmente chi non ha un particolare senso dello humor od è particolarmente sensibile a thewolf-wall-street-298429scene di sesso sfrenato ovvero a cocaina party no stop odierà il film e visto e considerato che dura circa tre ore rimpiangerà profondamente di non esser rimasto a casa. Dunque non è film per tutti e non pretende di voler piacere a tutti, è dissacrante e provocatorio ma non è certo un caso. Scorsese ha volutamente  esagerare per rendere ancor più l’idea di quell’onda anomala di perdizione dalla quale era stato inghiottito il protagonista.

 Molti lo hanno criticato ritenendolo eccessivo soprattutto per il fatto che facendo impersonare Belfort da un divo quale DiCaprio si voglia in qualche  modo mistificarlo o magari celebrarlo. Questa idea sarebbe frutto di un’interpretazione piuttosto superficiale poiché ad un’analisi più attenta è  evidente che il regista, come già accennato in precedenza, non intenda fare paternali o rimproveri. Prende e butta dentro nel pentolone, mostra tutto per  come è, rivelandoci il lato oscuro di Wall Street anche se a molti, il risultato finale, una volta assaggiato resta indigesto.

 

Alessio Nicolosi

 

THE WOLF OF WALL STREET

Show Full Content
Previous La “Generazione Bataclan”
Next Star Wars : Episodio IV – Una Nuova Speranza

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Scuola, DAD e lockdown: cosa ne pensano gli studenti?

26 Giugno 2020
Close