5 Luglio 2020

Doveva essere un partita difficile per il Livorno, come ha detto Panucci in conferenza stampa, e così è stato. I labronici cadono in casa della Pro Vercelli a causa di una autorete di Maicon al 35′. Una partita brutta per il Livorno che costruisce ben poco trovandosi spesso troppo chiuso in fase di ripartenza. Il match è stato prevalentemente giocato al centro del campo e lo dimostrano le statistiche, 5 tiri labronici contro i 7 piemontesi, sono solo cinque, sommate, le vere parate dei portieri. Il match regala poco in quanto ad emozioni; dopo un primo tempo soporifero, illuminato in negativo dalla fortunosa autorete, Il Livorno prova a reagire ma rischia di subire subito in avvio il raddoppio, a causa di un malaugurato retropassaggio di Gasbarro. Pinsoglio salva. Al 77’ la Pro Vercelli potrebbe chiudere il match con Di Roberto che in due occasioni, sfiora la seconda rete per i bianchi. Prima con una incornata su corner e poi con un tiro che rasenta il palo della porta di Pinsoglio. Il risultato, nonostante queste occasioni, resta invariato . La sconfitta a Vercelli è appesantita anche perché il Livorno perde terreno in classifica visto che; il Cagliari ha vinto ed è ritornato in vetta con 26 punti, a sei lunghezze dagli amaranto; il Bari ha vinto e si è portato a 22; il Cesena è rimasto fermo a 23 e il Crotone deve ancora giocare ma è a 21. Attualmente i ragazzi di mister Panucci occupano la quinta piazza.

Pinsoglio 6.5: Dopo piu di 300 minuti di imbattibilità vede entrare la palla nella sua porta. L’estremo difensore amaranto salva la squadra con una bella parata nella seconda frazione
Maicon 5: un altro Maicon rispetto a quello di sabato scorso. Spinge veramente poco. Il goal, oltre a causarlo, è innescato da Mustacchio che è sulla sua zona di competenza.
Ceccherini 6,5: Ottima la prova del centrale difensivo. Chiude tutto. Quando ha in consegna Marchi, riesce sempre a rubargli la palla.
Vergara 6: Partita nella media, soffre però tanto Marchi che spesso e volentieri lo batte nel gioco aereo..
Gasbarro 6: Una partita di contenimento. Se, nelle scorse giornate, Gasbarro volava, quest’oggi si limita a contenere il pericoloso Di Roberto.
Luci 5,5: Una gara sottotono per il capitano. Recupera come sempre un gran numero di palloni; ma quando prova a far ripartire, non ci riesce mai.
Schiavone 5,5: Come sopra. Non riesce quasi mai a metter pepe.
Aramu 5: Da tre partite a questa parte è inesistente nel gioco livornese. E’ giovane sì, ma le prestazioni negative iniziano ad esser troppe. (56’ Fedato 6: sicuramente meglio di Aramu, si vede che è ancora un po’ acciaccato. )
Pasquato 5: Anche il trequartista scompare. Viene contenuto da una ragnatela disegnata perfettamente dalla Pro. All’attivo per lui, un solo tiro nella seconda frazione. (69’ Comi 5.5.: Agonismo puro; per lui quasi trenta minuti di falli, che non servono alla squadra.
Jelenic 6: Non delude, ma anch’egli è troppo chiuso. Prova ad andarsene più volte, ma i compagni non capiscono i suoi intenti.
Vantaggiato 5: si fa vedere è vero, ma l’attaccante è colui che deve segnare. Tocca pochi palloni; ben contenuto dai piemontesi.


Appuntamento quindi a Sabato prossimo quando il Livorno scenderà in campo all’Armando Picchi contro il Vicenza; squadra particolarmente in forma.

Pro Vercelli (4-3-3): Pigliacelli; Germano, Bani, Coly, Filippini; Matute, Emmanuello(57’ Luperini) , Scavone; Mustacchio(69’ Beltrame), Marchi, Di Roberto(82’ Legati). A disp: Melgrati, Berra, Redolfi, Gatto, Negro, Beretta. All. Foscarini.
Livorno (4-2-3-1): Pinsoglio; Maicon, Ceccherini, Vergara, Gasbarro; Luci, Schiavone; Aramu(57’ Fedato), Pasquato(69’ Comi), Jelenic; Vantaggiato. A disp: Ricci, Gonnelli, Moscati, , Lambrughi, Calabresi, Palazzi, Cazzola. All. Panucci Note: Ammoniti Mustacchio e Filippini. Marcatori: aut. Maicon 35’.

Alessio Nicolosi
Dario Baldi (@BaldiDario)

Show Full Content

About Author View Posts

Uni Info News Scende in Campo
Uni Info News Scende in Campo

Noi siamo il Livorno Calcio.
La tua squadra del cuore insieme alla nostra passione amaranto

Previous L’incoerenza del silenzio sull’ISIS
Next Cina e Taiwan: prima stretta di mano dopo 70 anni

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Wanna Rock Studios: il Covid non ci abbatterà.

2 Luglio 2020
Close