13 Luglio 2020

10982143_857862234280534_6557227536610849251_nL’evento della settimana a Milano? Lo “STAR WARS DAY 2015″, altro che EXPO. maystarwras

In Italia, quest’anno, i festeggiamenti si sono tenuti con un giorno di anticipo – il 3 maggio, anziché il 4 – per consentire ai fan di partecipare con più facilità agli eventi in programma. La ricorrenza, istituzionalizzata dal 2007, è nata in onore del trentesimo anniversario dall’uscita del primo episodio di Star Wars e cade il 4 maggio per una serie di divertenti motivazioni. Tra queste, la più significativa è il gioco di parole “May the 4th be with you”. Una tradizione che ha origine dalla frase “May the Force be with you”– “che la forza sia con te“, saluto spesso utilizzato dai cavalieri Jedi – trasformata dal London Evening News in “May the Fourth be with you, Maggie. Congratulations” in occasione della vittoria di Margaret Thatcher nelle elezioni del 1979.


p1090981In Italia, la manifestazione quest’anno ha avuto il suo centro nevralgico all’Arena Civica Gianni Brera, che ha offerto numerosep1090987 attrazioni in diversi padiglioni. Alcuni di questi hanno ospitato alcune locations cult per ogni fan della saga. Sono stati ricostruiti ad hoc, il tempio Jedi e la famosa locanda di Tatooine. Sono persino giunti dalla “galassia lontana, lontana” alcuni caccia spaziali e un camminatore imperiale AT-ST  in scala 1:1. Infine una mongolfiera a forma di Morte Nera incombeva minacciosa nel cielo, sopra gli spazi dedicati ai LEGO Star Wars e al merchandising.

Era presente anche il reparto italiano della 501st Legion (Italica Garrison), la più grande associazione di cosplayers “imperiali” al mondo. La mattina del 3 maggio quindi, decine di Stormtroopers, con le loro uniformi bianche, hanno sfilato per la città, che insieme a centinaia di fan, passando per il parco Sempione, il Castello Sforzesco e giungendo11187325_859085887491502_1978022030109731357_o 11012093_859085727491518_4191080203552277670_oinfine in piazza Duomo. Qui, dal terrazzo della Libreria Mondadori, si è affacciato un impeccabile Darth Vader, che ha annunciato la presa di Milano da parte dell’ Impero, nel generale entusiasmo di una folla che si mostrata attratta più dalle scintillanti uniformi degli Stormtroopers, che dai semplici costumi dei ribelli. L’evento è poi proseguito all’Arena, dove, tra duelli con le spade laser e costruzioni di sculture di LEGO Star Wars, sono stati contati 30.000 visitatori.

Sebbene la manifestazione non sia al livello delle sue corrispondenti d’oltreoceano, lo Star Wars Day italiano si conferma una grandissima occasione le-immagini-dello-star-wars-day-2015-a-milanoper i fan della penisola di sentirsi davvero parte, un giorno l’anno, di una saga senza tempo. Forse non esiste altro prodotto cinematografico che 11178282_859413637458727_7572885402739608072_nabbia, nella cultura di massa, lo stesso peso di Star Wars. Generazioni di fan – dai più piccoli, travestiti da jedi, ai più grandi, cultori della prima saga – hanno visto nel lavoro di George Lucas, non solo dei film, ma un’opera ricchissima e autentica, capace di resistere nel tempo e rimanere scolpita nei cuori degli spettatori. Lo Star Wars Day, a Milano come nel resto del mondo, diventa quindi un’occasione per i fan di condividere la propria passione, con migliaia di altre persone e per coinvolgere e stupire anche chi non conosce ancora la famiglia Skywalker.

Il merito per il rinnovato entusiasmo per Star Wars va anche all’uscita del settimo capitolo della saga, “Star Wars: The Force Awakens”, diretto da J.J. Abrams, in uscita nel dicembre 2015.  E’ in questo clima di euforia e di grandi aspettative che va inserita la formidabile campagna di promozione del film, 11127490_859415007458590_8856586759293801141_ncominciata già diversi mesi fa e che ha raggiunto l’apice, per ora, allo Star Wars Celebration di Anaheim, dove è stato rilasciato il secondo teaser ufficiale del film, visibile qui13153533180744__DVD2060Accompagnano l’uscita del film, oltre alle manifestazioni sopracitate, l’uscita di diversi videogiochi, la creazione di cartoni animati ispirati alla saga, la pubblicazione di libri e fumetti, la digitalizzazione dell’intera opera (ora in vendita su tutte le piattaforme, compresa Google Play) e le apparizioni di Harrison Ford alias Han Solo e di Chewbacca sulle più disparate pubblicazioni, da Rolling StoneVanity Fair.5543ca93db753b82389cbd6e_vanity-fair-star-wars.0

Lamberto Frontera

Show Full Content

About Author View Posts

Lamberto Frontera
Lamberto Frontera

Classe 1995, laureato in Scienze Politiche (Studi internazionali), frequento il Corso di Laurea Magistrale in Relazioni internazionali presso l'Università "Cesare Alfieri" di Firenze.
Scrivo per Uni Info News da marzo 2015.

Previous Steve Jobs (2015) : Think Different 
Next GOLDONI: Applausi e sold out per ‘Madama Butterfly”

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Scuola, DAD e lockdown: cosa ne pensano gli studenti?

26 Giugno 2020
Close