2 Febbraio 2023

Apparire sempre abbronzati aumenta l’autostima e il senso di benessere ma non tutti sono consapevoli dei rischi a cui vanno incontro.

L’elevata esposizione ai raggi UV aumenta notevolmente l’incidenza di tumori della pelle, tra cui il pericoloso melanoma, e inducono, inoltre, ad un invecchiamento precoce.


La dipendenza da abbronzatura viene chiamata tanoressia, e porta ad una percezione scorretta del corpo spingendo il tanoressico a non vedersi mai abbastanza abbronzato. Stesso meccanismo psichico che avviene nell’anoressia con un atteggiamento analogo verso il cibo e l’eccessiva magrezza. Immagine Ma come mai è tanto piacevole stare al sole? L’esposizione ai raggi UV stimola il rilascio di beta endorfine, sostanze chimiche che sono capaci di darci piacere, gratificazione e felicità, dunque la dipendenza  al sole può essere paragonata a quella di alcune droghe.

L’esperimento che ha fatto giungere a questa conclusione è stato quello portato avanti esponendo dei ratti ai raggi UV per lungo tempo. Dopo essere stato osservato un abbassamento della soglia del dolore nei ratti gli è stato somministrato un farmaco anti-oppiaceo e questo ha provocato nei ratti i segni classici da astinenza. [http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24949966] Ma se da un lato favorisce il cancro alla pelle dall’altra è una preziosa fonte di vitamina D.

La vitamina D aiuta la crescita delle nostre ossa, e la sua carenza porta gravi deformazioni nelle ossa come nei muscoli. Allo stesso tempo una dose troppo elevata della vitamina può essere tossica al nostro organismo. Oggi, la nostra alimentazione ci permette di assumere la vitamina D da altre fonti, ma in tempi primordiali questo non era possibile.

Probabilmente è  questo che collega la nostra predisposizione per l’esposizione prolungata ai raggi solari, e dunque alla dipendenza, nonostante siano così dannosi.

Show Full Content
Previous Quando Sorride il Mare: la raccolta poetica di Floriana Porta
Next All you Need is Cinema: Speciale Halloween (#176-185)

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Mangeremo insetti nel futuro? Virtù e limiti dell’entomofagia.

15 Dicembre 2021
Close