4 Marzo 2021

Per questo #MartedìCinemaeCultura, in occasione della quinta edizione del Little Bit Festival: festival sui linguaggi contemporanei, promosso da Pilar Ternera/NTC e realizzato in collaborazione con mo-wan teatro, voglio parlarvi di un’artista toscana che esporrà durante questo evento: Giulia Barini.

14915234_334277273602747_2990772876328535353_nGiulia Barini, classe ’88, nata e cresciuta in Toscana, ha ereditato la passione per la fotografia da suo padre. Si è laureata in Letteratura Teatrale Italiana a Firenze e in seguito ha deciso di trasferirsi a Bologna dove ha conseguito il Diploma di Laurea Magistrale in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale. Il primo incontro con la macchina fotografica è avvenuto nel 2011, anno in cui il mare divenne il soggetto per eccellenza, per un bisogno intransigente di contatto con la natura. Con il trasferimento a Bologna ha spostato l’occhio su nuovi temi: da gente di tutti i giorni come commercianti, artigiani, bambini che giocano per strada, vecchie signore al mercato, a monumenti e vecchi palazzi, a personaggi dello spettacolo. L’ultimo lavoro, infatti, le ha permesso di cimentarsi con la fotografia di scena e di operare per la prima volta con una casa di produzione Rai.


15102367_10211151824735044_117449852_oPer il Little bit festival Giulia sarà a Livorno, per proporre al pubblico il suo progetto fotografico intitolato “ Ninne Nonne” , progetto che ha preso vita nel 2015 proprio durante una conversazione con sua nonna. Questa mostra fotografica, che comprende anche una proiezione video, vuole essere una raccolta di: racconti, filastrocche, proverbi e ricordi di donne che hanno vissuto il secolo del cambiamento, tra la miseria della guerra e il benessere economico. Figlie, madri, nonne che, tra una lasagna e una torta di mele, ci insegnano quotidianamente ad apprezzare i piccoli gesti che purtroppo questa generazione non è più in grado di percepire. La macchina fotografica, come un’amica silenziosa, entra in punta di piedi nelle loro abitazioni, per carpire i segreti che si celano dietro a quelle storie singhiozzanti, tra mura fatiscenti e suppellettili polverose.

Queste nonne hanno deciso di raccontarsi (seppur con qualche ritrosia dovuta alla loro grande modestia) e di mettersi in discussione, narrando le peripezie di una vita per lasciarle come un testimone agli spettatori che sapranno ascoltarle. Una mostra toccante, che riuscirà a scaldarvi il cuore come l’abbraccio di una nonna e mostrarvi il lato coraggioso di tutte queste donne che non si sono arrese alle avversità della vita, per il bene di se stesse e delle loro famiglie. Pertanto consiglio a tutti di recarsi questo giovedì 17 Novembre alle 19:30 all’inaugurazione di “Ninne Nonne” presso il NTC – Nuovo Teatro delle Commedie di Livorno.

Per concludere vi lascio il trailer del video che verrà proiettato durante la mostra.

Vi lascio inoltre il link alla sua pagina Facebook e dell’evento del Novembre: https://www.facebook.com/giuliabariniph/  e https://www.facebook.com/events/378419099163064/

 

 

Summary
Location
Nuovo Teatro delle Commedie,Livorno,Italia
Show Full Content

About Author View Posts

Chiara Sabbatini
Chiara Sabbatini

Nata a Livorno il 25/09/1995 e laureata in Scienze dei Beni Culturali all'Università di Pisa. Coltivo da sempre una passione per l'arte e la letteratura, amo il cinema e il teatro e scrivo poesie nel tempo libero. Viaggiare mi affascina e non perdo occasione di ampliare i miei orizzonti. Fare del mio diletto, la giornalista, una professione, sarebbe un sogno che si avvera. Spero di appassionarvi con i miei articoli legati al campo dell'Arte e della Cultura.

Previous Il viaggio di Giulia – Parte IV
Next Jim Messina, l’ombra di Matteo Renzi per vincere il Referendum

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Chi è Giovanni Lindo Ferretti?

30 Ottobre 2020
Close