Un nuovo spettro s’aggira per l’Europa: l’instabilità

La Redazione - 7 Luglio 2016

Razzismo e pregiudizio

La Redazione - 7 Luglio 2016

Ricordando Giulio: il concerto del Coro della Cattedrale

La Redazione - 7 Luglio 2016
Share

 

Non poteva che aprirsi così, con le note a riempire lo spazio fra cielo e terra, la IV edizione del Festival Organistico Apuano, organizzata dalla Scuola Diocesana di Musica Sacra di Massa. Un inizio di stagione che ha voluto essere un emozionante omaggio al M° Giulio Cecconi, scomparso prematuramente lo scorso febbraio. E il ricordo si è intrecciato a momenti di grande spiritualità sotto la guida del M° Renato Bruschi, che ha diretto il Coro della Cattedrale con ferma delicatezza, e dell’organista Ferruccio Bartoletti, leggero sui tasti dell’organo.

Il concerto – articolato in due parti – ha voluto proporre un vero e proprio cammino liturgico, servendosi degli spunti meditativi offerti dalla tradizione italiana e di quelli derivanti dalla 13618137_605319616312684_1557426616_ntradizione nordica, passando da Palestrina, a Bartolucci, fino a Johann Sebastian Bach. Ad aprire l’esecuzione gli evanescenti Fiori musicali di Girolamo Frescobaldi eseguiti dal M° Bartoletti, alternati al Kyrie della gregoriana Missa cum Jubilo intonato dal coro, seguiti dalla Toccata e Fuga «Dorica» di Johan Sebastian Bach, magistralmente eseguita da Bartoletti. Dopo questa prima parte, quasi a voler rappresentare un “intermezzo”, il M° Bartoletti ha eseguito una delicatissima improvvisazione, in stile contemporaneo, dedicata all’amico Giulio Cecconi, un autentico balsamo per i cuori dei presenti.

L’inizio della seconda parte ha visto protagonista il coro, che ha esplorato prima la musica sacra italiana, con uno Stabat Mater di scuola napoletana, O Sacrum Convivium di Domenico Bartolucci e il celeberrimo Sicut cervus di Giovanni Pierluigi da Palestrina; dopodiché è stato il turno di due famosi corali bachiani – Signore, dolce volto dalla Matthäuspassion BWV244 e Jesus bleibet meine Freude dalla Cantata BWV147 – e del discanto milanese del XIII secolo Cuntipotens. In chiusura del concerto c’è stata la commuovente esecuzione dell’ Ave verum corpus di Mozart, con il quale il M° Bruschi ha rievocato il giorno dell’addio al M° Cecconi che alla musica ha saputo dedicare una vita intera.

Photocredit: Foto Nizza