🗣Adesso parlo io: intervista a Giorgio Pacini, candidato al Consiglio Comunale per Futuro

Matteo Provvidenza - 11 Maggio 2019

🗣Adesso parlo io: intervista a Elena Niccolai, candidata al Consiglio Comunale per La Sinistra

Matteo Provvidenza - 11 Maggio 2019

SERIE B IL PUNTO. Ultima giornata: Lecce in Serie A, Foggia in Serie C, si salva il Livorno

Matteo Provvidenza - 11 Maggio 2019
Share

Nell’ultima giornata della regular season di Serie B il Lecce vince la sfida contro lo Spezia del Via del Mare e torna in Serie A. I salentini mancavano nella massima serie dalla stagione 2011/2012dove, a seguito della retrocessione sul campo, venne catapultata in Lega Pro dalle sentenze della giustizia sportiva. Nella terza divisione nazionale la squadra pugliese aveva continuato a rimanere fino al ritorno in cadetteria della scorsa stagione, accompagnato a questo ritorno in Serie A con la doppia promozione. Importante nota della stagione il giocatore La Mantia, autore di 19 reti in stagione, assieme all’ex capocannoniere della Serie B Mancosu con 13 gol all’attivo.

LECCE-SPEZIA 2-1 – Il primo tempo per i salentini si mette bene dopo soli 9 minuti con la rete di Petriccione su assist di Filippo Falco. Lo Spezia reagisce principalmente con possesso palla ma con poche occasioni da rete. Al 27’ è ancora il Lecce a segnare con il gol di La Mantia che porta il proprio bottino stagionale a 17 reti. Negli ultimi minuti è Capradossi a segnare la rete che accorcia le distanze per lo Spezia ma non basta perché il Lecce vince e torna in massima serie. Lo Spezia ha terminato il campionato al 7° posto e disputerà i playoff.

PALERMO-CITTADELLA 2-2 – Il Palermo, nonostante la situazione complicata dal punto di vista della giustizia sportiva (che vorrebbe declassare all’ultimo posto della Serie B, con retrocessione in C, per i rosanero) prova a vincere con il Cittadella al Barbera. Il terzo posto è già nelle mani dei rosanero, che nel primo tempo si sono portati a doppio vantaggio con le reti di Nestorovski prima e Trajkowski poi. Soltanto nei minuti finali della prima frazione i veneti si sono portati nell’area rosanero, ma senza successo. Il Cittadella ha pareggiato nella ripresa grazie a Diaw. Il match termina 2-2 con i rosanero che consolidano il terzo posto in regular season e il Cittadella che si classifica all’ottavo posto, ultimo utile ai fini dei playoff.

BRESCIA-BENEVENTO 2-3 – Sfida pirotecnica tra i campioni della Serie B del Brescia e il Benevento già certo del quarto posto in campionato. I lombardi si portano in vantaggio con la sfortunata rete di Di Chiara nell’azione di attacco a cura di Torregrossa. I sanniti non si scompongono e pareggiano dopo pochi minuti con Armenteros. Dopo una fase di sostanziale equilibrio torna in vantaggio il Brescia con la realizzazione di Bisoli su assist di Tremolada, anche in questo caso le rondinelle rimangono avanti per pochi minuti fino alla rete di Roberto Insigne che pareggia, mantenendo il risultato sul 2-2 fino alla fine del primo tempo. Nella ripresa la splendida realizzazione di tacco ancora di Armenteros porta di nuovo avanti il Benevento, con l’intero Rigamonti che dedica lui una standing ovation. Nel finale della ripresa Gori para il rigore di Donnarumma, evitando la sua 26° rete in stagione. Il penalty era stato assegnato da un fallo su Torregrossa. Il match termina 3-2 per i campani.

CARPI-VENEZIA 2-3 – Con il Carpi già retrocesso il Venezia tenta la fortuna per raggiungere i playout. La prima frazione per i biancorossi emiliani è decisa dalla rete di Cissè su calcio di rigore. Ad inizio ripresa è di nuovo il Carpi a segnare con la rete di Coulibaly su assist di Crociata. Pochissimo dopo rimane in 10 la squadra emiliana a causa della doppia ammonizione incassata da Buongiorno. Il Venezia ha accorciato le distanze al 64’ con Zigoni e ha pareggiato in pieno recupero con un’altra rete di testa. Ancora nel recupero Zigoni segna la sua terza rete e porta a casa il pallone. Il Venezia, retrocesso fino a pochi minuti dalla fine del match, riesce a centrare i playout dove affronterà la Salernitana.

CROTONE-ASCOLI 3-0 – Al Crotone basta un solo punto per centrare la salvezza matematica, ma i calabresi si superano e riescono a dominare un Ascoli ormai privo di obiettivi in campionato con la salvezza già raggiunta. I calabresi si sono portati in vantaggio nei minuti finali del primo tempo con Simy  e hanno raddoppiato ad inizio ripresa con Pettinari su assist dello stesso Simy. La terza marcatura dei crotonesi è a cura di Benali che sigilla il risultato sul 3-0 e salva abbondantemente il Crotone.

HELLAS VERONA-FOGGIA 2-1 – Dopo sole due stagioni torna in Serie C il Foggia, sconfitto dall’Hellas Verona nell’ultima giornata di Serie B. Il Foggia si è portato in vantaggio con Iemmello al 56’, viene recuperato dal Verona con la rete di Di Carmine che, a seguito dell’assegnazione di un calcio di rigore per i veneti, porta in vantaggio dallo stesso penalty. È dramma per il Foggia che, a causa ribaltone del Venezia a Carpi, è retrocesso in Serie C. L’Hellas Verona si è classificato al 6°posto utile per la zona playoff.

PADOVA-LIVORNO 1-1 – Il nono gol della stagione di Giannetti porta il Livorno in vantaggio nel primo tempo. Il Padova ha pareggiato nella ripresa con Mazzocco. Complice i risultati degli altri campi, in particolar modo Pescara, il Livorno riesce a ottenere una salvezza davvero disperata, tenendo presente l’inizio davvero difficile di campionato. La squadra di Breda centra il risultato di mantenere la cadetteria dopo un inizio di stagione drammatico.

PESCARA-SALERNITANA 2-0 – Il primo gol tra i professionisti di Davide Bettella porta il vantaggio nei minuti finali il Pescara nel match contro la Salernitana. In pieno recupero sono ancora gli abruzzesi a siglare la rete con Matteo Ciofani che condanna la Salernitana ai playout contro il Venezia. La squadra biancoazzurra si è aggiudicata il 5°posto in campionato.

PERUGIA-CREMONESE 2-1 – Il Perugia, portatosi in vantaggio con la rete di Vido dopo pochissimi minuti dal fischio di inizio, viene recuperato sul finire della prima frazione dalla rete di Piccolo. Nei minuti finali e nel recupero prima Kouane e poi di nuovo Vido fissano il risultato sul 3-1. Ambedue le squadre rimangono fuori dalla zona playoff.

Ha riposato il Cosenza che ha dimostrato un grande gioco in stagione e ha raggiunto la salvezza in largo anticipo.

CLASSIFICA:

CLASSIFICA MARCATORI:
Donnarumma (Brescia): 25 reti CAPOCANNONIERE
Coda (Benevento): 21 reti
Mancuso (Pescara): 19 reti
La Mantia (Lecce): 17 reti
Nestorovski (Palermo) e Simy (Crotone): 14 reti
Mancosu (Lecce): 13 reti
Moncini (Cittadella), Torregrossa (Brescia) e Verre (Perugia): 12 reti
Diamanti (Livorno), Okereke (Spezia), Pazzini (Hellas Verona), Tutino (Cosenza) e Vido (Perugia): 10 reti

VERDETTI:

Brescia campione della Serie BKT 2018/2019 e promosso in Serie A.

Lecce secondo classificato e promosso in Serie A

Ai playoff: Palermo, Benevento, Pescara, Hellas Verona, Spezia e Cittadella

Ai playout: Venezia e Salernitana

Retrocessioni: Foggia, Padova e Carpi

Guerin Sportivo