1 Febbraio 2023

All you Need is Cinema: I Film da Vedere nella Vita! 

Ogni giornale, rivista, sito o blog che si rispetti ha una lista dei propri libri, dischi musicali, dipinti, sport, squadre, animali e persino cioccolatini preferiti, noi di Uninfonews.it non vogliamo essere da meno! Per questo motivo, ogni sabato, il giornale elencherà 5 pellicole che per noi non possono mancare nella vostra cineteca! Ovviamente la numerazione ha un valore del tutto relativo, non pensiate che un lungometraggio in ventiduesima posizione valga meno di uno che è stato inserito nella prima decina; noi non siamo critici e pertanto la nostra iniziativa è quella di fornire a voi, cari lettori, dei titoli, con dei brevi riassunti (o sinossi ufficiali che estrapoleremo dai Blu-ray o da siti specializzati che non ci dimenticheremo di menzionare per diritti di copyright), che riteniamo essenziali per accrescere la vostra/nostra cultura e passione! Non ci sono recensioni qui, né voti (al massimo troverete un link che vi porta ad un articolo fatto da noi se il film inserito si trova nella sezione Cinema), ma solo una normalissima lista che potrete condividere o meno, ma prima di sommergerci dalla critiche in fatto di gusti, fateci almeno provare! Ecco dunque 5 film che la redazione di Uninfonews.it vi consiglia! Buona Lettura!


N. #296 – 300

locandina296) Donnie Darko   

Titolo Originale: Donnie Darko

Regia: Richard Kelly

Interpreti: Jake Gyllenhaal, Holmes Osborne, Maggie Gyllenhaal, Daveigh Chase, Mary McDonnell, James Duval, Patrick Swayze, Mark Hoffman, Drew Barrymore

Anno: 2001


 

Trama:

2 ottobre 1988, una giornata come le altre nella vita disincantata di Donnie Darko. Ha preso le sue medicine, ha guardato il dibattito presidenziale alla televisione, e ha cenato con la famiglia. Poi avviene un terrificante incidente, inspiegabilmente il motore di un aeroplano precipita dal cielo, schiantandosi sulla casa dei Darko e distruggendo la stanza di Donnie. A seguito dell’incidente, che per poco non gli costa la vita, Donnie sperimenta un accresciuto senso di cosa significhi essere vivi, e di là a poco, innamorati. Ben presto Donnie scopre la propria potenzialità di dipanare i fili che tengono assieme l’universo, parallelamente alla tentazione di alterare il tempo ed il destino. Straordinariamente intelligente, il sonnambulo Donnie prende a casaccio le sue pillole anti-psicosi, soffre di frequenti allucinazioni, e riceve le regolari visite di Frank, una implacabile presenza soprannaturale che lo avverte: il mondo così come lo conosce Donnie finirà tra 28 giorni… (Fonte Comingsoon.it)

 

297) Hellboy – The Golden Army  hellboy_the_golden_army_ron_perlman_guillermo_del_toro_027_jpg_puth

Titolo Originale: Hellboy – The Golden Army

Regia: Guillermo del Toro 

Interpreti: Ron Perlman, Selma Blair, Doug Jones, Luke Goss, Anna Walton, Jeffrey Tambor, James Dodd, John Alexander (II), Roy Dotrice, Brian Steele, John Hurt

Anno: 2008

 

Trama:

Dopo la rottura di un’antica tregua fra la razza umana e l’invisibile regno fantastico, l’Inferno sta per scatenarsi ancora una volta sulla Terra. Un leader spietato che calpesta i due mondi, sfida la sua stirpe, e risveglia un indomito esercito di creature. Toccherà quindi al supereroe più forte del pianeta combattere contro il sanguinario dittatore e i suoi predoni. Che sia rosso, che abbia le corna, che sia in fondo un incompreso, solo Hellboy (Ron Perlman) può toglierlo di mezzo. La squadra del Bureau for Paranormal Research and Defense (Dipartimento per la Ricerca Paranormale e la Difesa) , composta dalla pirocinetica fidanzata Liz (Selma Blair), dal mutante acquatico Abe (Doug Jones) e dal mistico protoplasmatico Johann, si muoverà fra la superfice terrestre e la magica area invisibile dove le creature fantastiche acquistano un corpo. Hellboy, una creatura di due mondi che non è accettato da nessuno di essi, deve scegliere fra la vita che conosce e l’ignoto destino che lo attende.
Più grande, più cattivo… ma ancora rosso: ritorna Hellboy (dal pressbook del film)
Per Hellboy The Golden Army, il regista Guillermo del Toro e il creatore del fumetto Mignola volevano una storia con più strati e livelli di quanti non ve ne fossero nel primo Hellboy, perché questa volta non dovevano più preoccuparsi della storia delle origini ben narrata dal primo film.”Mitologia e folklore sono sempre stati presenti nei fumetti di Hellboy, ma nel primo film non li abbiamo mostrati – nota Mignola – così invece di Rasputin, dei Nazisti, di scienziati matti, abbiamo optato per il soprannaturale.”
Dopo aver lavorato al soggetto e alle linee guida della storia con Mignola, del Toro ha trascorso due anni e mezzo a scrivere la sceneggiatura di Hellboy: The Golden Army. Ha ignorato le solite convenzioni dei sequel, dato che la storia delle origini dell’eroe e dello sfondo era stata già narrata nel primo film, e si è concentrato sul racconto di una favola dark in cui il mondo di creature magiche che hanno vissuto per secoli al di sotto degli uomini, alla fine ne hanno abbastanza e iniziano una rivolta. Era tempo per Hellboy di fare una scelta: da quale parte della barricata sta?
“Non c’era bisogno di ricapitolare o rispiegare chi fossero tutti” dice del Toro. “Siamo andati avanti. E‘ una storia completamente nuova, una favola dark, toccante. Si può prendere l’aspetto più terribile, melodrammatico e sottolinearlo, ma dato che lo stai facendo interpretare a dei mostri, assume da solo un significato diverso. Il bello di queste storie è che, in un universo irriconoscibile, ci sono delle riconoscibilissime emozioni umane.” (Fonte Comingsoon.it)

 

germania_anno_zero_edmund_meschke_roberto_rossellini_008_jpg_qhez298) Germania Anno Zero

Titolo Originale: Germania Anno Zero

Regia: Roberto Rossellini

Interpreti: Edmund Moeschke, Ernest Pittschau, Ingetraud Hinze, Franz-Otto Krüger, Erich Gühne, Babsy Schultz Reckvell, Alexandra Manys, Hans Sangen

Anno: 1947

 

Trama:

Nella Berlino sconfitta e distrutta, avvolta in un’atmosfera di incubo e di fame, un ragazzo tredicenne, Edmund, deve provvedere alle necessità della famiglia, composta dal vecchio genitore ammalato, dal fratello maggiore, già appartenente all’esercito, ed ora fuggiasco, e dalla sorella, che la sera frequenta gli ambienti militari alleati. Il piccolo Edmund, per istigazione del suo vecchio maestro, al quale si rivolge per aiuto, avvelena il padre: i deboli e gli inutili debbono essere eliminati perchè i più forti, i migliori si salvino. Preso dal rimorso e dal dubbio, ritorna per avere chairimenti dal maestro, che lo scaccia trattandolo da assassino. Abbandonato da tutti, brancola per le vie distrutte della città, passa di fronte ad una chiesa, dalla quale, col dolce suono di un organo, si sprigiona una promessa di vita; ma tira avanti. Salito sul campanile, vede la sua casa, dalla quale stanno portando via il padre morto e, disperato, si getta nel vuoto. (Fonte Comingsoon.it)

 

299)   Ladri di Biciclettelocandinapg1 

Titolo Originale: Ladri di Biciclette

Regia: Vittorio De Sica

Interpreti: Lamberto Maggiorani, Enzo Staiola, Lianella Carell, Elena Altieri, Gino Saltamerenda, Vittorio Antonucci, Giulio Chiari, Mario Meniconi, Ida Bracci Dorati, Fausto Guerzoni, Carlo Jachino, Sergio Leone

Anno: 1948

 

Trama:

Un operaio disoccupato trova un posto d’attacchino municipale, ma ci vuole la bicicletta. L’operaio ne possiede una ma è al monte di pietà. Niente paura: la moglie impegna le lenzuola e riscatta la bicicletta. L’attacchino incomincia il suo lavoro, ma dopo meno di un’ora, un ragazzaccio gli ruba questa preziosa bicicletta. Tenta d’inseguirlo ma è inutile. L’uomo ritorna a casa in preda alla disperazione. Denuncia il furto al Commissariato, ma non gli danno nessuna speranza. Nessuno prende interesse al suo caso all’infuori di un amico spazzino. L’attacchino si aggira tra i rivenditori di biciclette: non trova la sua, ma intravede il ladro e si dà ad inseguirlo, accompagnato dal figliolo, un bimbo di sei anni. L’inseguimento gli fa attraversare tutta Roma in un giorno di domenica: vediamo così la “messa del povero”, una trattoria, una casa equivoca, infine il domicilio del ladruncolo. L’attacchino trova dovunque indifferenza od ostilità. Infine, esasperato, pensa di rivalersi, rubando una bicicletta incustodita, ma lo fa così goffamente che viene subito preso e solo i pianti del bambino lo salvano dall’arresto. Padre e figlio tornano a casa, esausti, disperati, piangenti. (Fonte Comingsoon.it)

 

4990_big300) L’uomo che non c’era 

Titolo Originale: The man who wasn’t there

Regia: Joel Coen, Ethan Coen

Interpreti: Billy Bob Thornton, Frances McDormand, Michael Badalucco, James Gandolfini, Katherine Borowitz, Ted Raimi, Jon Polito, Scarlett Johansson, Tony Shalhoub, Richard Jenkins, Christopher Kriesa

Anno: 2001

 

Trama:

Ambientato nell’estate del 1949, L’uomo che non c’era racconta la storia di Ed Crane, un barbiere che vive in una cittadina del nord della California, profondamente insoddisfatto della vita che conduce. Ad un certo punto la scoperta dell’infedeltà della moglie Doris gli fornisce l’opportunità di organizzare un ricatto attraverso il quale, secondo lui, la sua vita potrebbe cambiare. Purtroppo però, il piano di Ed porta alla luce segreti ancor più oscuri che sfoceranno in un omicidio. (Fonte Comingsoon.it)

 

Appuntamento alla Prossima Settimana!

Show Full Content

About Author View Posts

Claudio Fedele

Nato il 6 Febbraio 1993, residente a Livorno. Appassionato di Libri, Videogiochi, Arte e Film. Sostenitore del progetto Uninfonews e gran seguace della corrente dedita al Bunburysmo. Amante della buona musica e finto conoscitore di dipinti Pre-Raffaelliti.
Grande fan di: Stephen King, J.R.R. Tolkien, Wu Ming, J.K. Rowling, Charles Dickens e Peter Jackson.

Previous Inchiesta su Aamps: tutto quel che è successo tra colpe, misteri e scenari futuri
Next Vi raccontiamo il nostro Sanremo: intervista ai Siberia

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Puzzle Society: The First Tag

21 Luglio 2022
Close