14 Agosto 2020

Non sono qui per parlare del conflitto del ’39-’45 e dei campi di concentramento in cui milioni di innocenti venivano uccisi barbaramente nelle cosiddette “docce a gas”, ma per parlare della Germania democratica di oggi, che però, ahimè, non ha perso il vizietto del gas. Infatti tra il 2007 e il 2012, un lustro, la teutonica nazione ha sostenuto la formazione ed equipaggiato la polizia turca finanziando il progetto con oltre 500 mila euro e fornendo il loro amatissimo gas urticante. Qualcuno potrebbe obiettare affermando che la formazione e l’equipaggiamento delle forze di polizia è un atto democratico con il quale si vuole difendere e far rispettare la legge…attuando però una analisi più approfondita possiamo domandarci: “Quale legge?”.

image[1]La mia ingenuità mi porta a chiedere come la Germania, birra e crauti, non si sia chiesta che cosa ci facessero con tutto quel gas e se la polizia così addestrata non potesse essere utilizzata per fini poco democratici e poco occidentali…infatti la realtà storica dei fatti ha dato ragione ai malpensanti. Probabilmente hanno saltato un passo fondamentale: prima di istituire i custodi per le leggi, avrebbero dovuto esigere che leggi democratiche e giuste esistessero nella Turchia odierna. Il risultato finale è che la polizia turca esiste, è ben organizzata, ben equipaggiata e il gas lo lancia come se fosse riso a un matrimonio, ma la legge che devono difendere…lascia molto a desiderare sotto ogni punto di vista. Secondo la deputata della Linke, partito di sinistra, Ulla Jelpke “bisogna interrompere ogni collaborazione in questo settore finchè i dimostranti pacifici vengono terrorizzati non c’è giustificazione a equipaggiare la sicurezza”.


Se è vero che in Germania da moltissimi decenni vivono milioni di turchi è anche vero che c’è un po’ di Germania in questa Turchia “moderna”.

Matteo Taccola

matteo.taccola92@gmail.com

 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Matteo Taccola
Matteo Taccola

Sono uno studente della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Pisa, curioso, estroverso, mi piace scrivere.
Ho voluto accettare la sfida postami da “Uni Info News”, mettermi alla prova e scrivere quello che penso con l’intenzione di potermi confrontare con tutti quelli che ci leggono.

Previous Tre poesie di Giusy Vanni con omaggio a Eugenio Riotto
Next Intervista a Federico Guerri, Sindaco di Mondo di Nerd

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Ricordi? (2018)

8 Giugno 2020
Close