10 Dicembre 2019

L’attenzione per il riciclo e il riutilizzo dei materiali è all’ordine del giorno in ogni parte del mondo. È una questione che tocca tutti noi molto da vicino, viste le condizioni ambientali attuali.

Chi di voi non ha in casa propria almeno un cestino colorato per la raccolta differenziata?

Al giorno d’oggi si è sviluppata una vera e propria cultura del riciclo, tanto che lo si insegna anche ai più piccoli, nelle scuole.

"Roses" - Veronika Richterová
“Roses” – Veronika Richterová

Si può donare nuova vita praticamente a qualsiasi cosa, dalla semplice lattina di alluminio fino ai pezzi di ricambio di auto e moto.

L’arte non poteva certo rimanere indifferente a tutto questo, anzi. Il riciclo ha colpito ed interessato moltissime personalità, fra cui una delle artiste del momento, la ceca Veronika Richterová. I suoi lavori infatti si stanno diffondendo molto rapidamente, soprattutto in rete sui più importanti siti di arte e arredamento, e voglio parlarvene anche io.

Dopo gli studi nell’Accademia di Arte, Architettura e Design di Praga e un ulteriore anno all’ École Nationale des Arts Décoratif di Parigi, dal 1990 la Richterová comincia a lavorare come artista free-lance, dedicandosi alla pittura e alla creazione di sculture in plastica di ferro smaltata. Dal 2004 in poi si focalizza maggiormente nel campo del cosiddetto riciclo creativo (up-cycling) attraverso il riutilizzo di materiali in plastica – prevalentemente bottiglie – che fa rinascere in vere e proprie opere d’arte di impatto straordinario.

PET-ART è il nome scelto dall’artista per classificare la sua arte, dal polietilene tereftalato (polyethylene terephthalate – PET), il poliestere termoplastico più importante al giorno d’oggi, normalmente utilizzato nelle manifatture di fibre tessili e nella produzione di contenitori per bevande e cibi.

Le bottiglie di plastica sono sempre state l’ossessione della Richterová, tanto che ne raccoglie a migliaia per creare lavori di una particolarità unica.

Quando ho scoperto la possibilità di poter deformare le bottiglie di plastica con il calore, ho deciso di creare delle sculture proprio a partire da questo tipo di materiale

“Fish” – Veronika Richterová

così afferma l’artista nella sua pagina web. La sua dote è stata quella di riuscire a vedere al di là del semplice compito per il quale erano stati fabbricati questi materiali. Non si tratta solamente di non cestinare un rifiuto, ma di percepirne le potenzialità in modo da farlo rinascere con tutt’altro scopo, molto più profondo, inventivo…geniale! Si può fare arte con e attraverso qualsiasi cosa e quest’artista ceca ce ne dà la prova. Il risultato è eccezionale. Dagli animali, agli insetti, alle piante, la Richterová da nuova vita a delle banalissime bottiglie, utilizzate per gli usi più comuni, trasformandole in opere d’arte a impatto zero.

La vivacità dei loro colori è una delle prime cose che saltano all’occhio, così come l’estrema maestria e minuzia del lavorare il materiale. L’artista riscalda, modella e successivamente assembla i vari pezzi, donandogli molteplici forme: funghi, farfalle, pinguini, meduse. Un’arte gioiosa, dinamica ed originale.

Simultaneamente, la Richterová realizza anche quelle che lei chiama PET DESIGN, una serie di light objects, lampadari e piccole lampade da arredo, ispirate dalla trasparenza delle bottiglie, così simili alle caratteristiche fisiche del vetro. Un tocco artistico e green del tutto originale e in totale sicurezza, utilizzando lampadine a basso consumo energetico, in modo da produrre il calore minimo per non danneggiare l’opera né tanto meno il suo fruitore/acquirente.

L’arte da sempre viene influenzata dalle condizioni sociali, politiche, ambientali che la circondano riuscendo ogni volta a mettersi in gioco e rinnovarsi. Questo ne è un chiaro esempio. Veronika Richterová è riuscita a creare un nuovo e alternativo modo di riciclare materiali di scarto, traducendo il tutto in arte perfettamente fruibile ed utilizzabile da tutti. Una vera e propria rinascita all’insegna dell’ingegno e della creatività.

"Mushrooms" (2005) - Veronika Richetrová
“Mushrooms” (2005) – Veronika Richetrová

 

I consigli di Women’s power

Per tutti i curiosi ed interessati all’arte di Veronika Richterová rimando alla pagina web dell’artista: http://www.veronikarichterova.com/en/. Qua troverete una ricca gallery delle opere, esposizioni e pubblicazioni dell’artista ceca, con la possibilità di poter acquistare alcuni dei suoi migliori lavori.

Buona lettura!

 

E-mail: annalisa.castagnoli15@gmail.com

Show Full Content

About Author View Posts

Annalisa Castagnoli
Annalisa Castagnoli

Laureata in Storia dell'Arte Contemporanea (Università di Pisa) mi piace raccontare storie e scrivere le mie "impressioni" su tutto ciò che vedo o ascolto. I libri sono il mio rifugio sicuro, con loro mi sento sempre a casa!
Oltre a UIN collaboro anche per Exibart.

E-mail: annalisa.castagnoli15@gmail.com

Previous La Casa (1981): “Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate.”
Next Prima del diluvio collana Quaderni, Origini edizioni, 2015

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Modigliani a Livorno, la mostra che vuole ripagare il torto

15 Novembre 2019
Close