Festival di Cannes vs Netflix – il Cinema contro lo streaming on Demand

Salvatore Amoroso - 20 Maggio 2017

A TUTTA B. 42° giornata: Hellas Verona in Serie A. Il programma completo dei playoff di Serie B

Salvatore Amoroso - 20 Maggio 2017

Cannes 2017: è il giorno del polemico The Square e di Kristen Steward

Salvatore Amoroso - 20 Maggio 2017
logo Cannes 2017
logo Cannes 2017
Share

Day 5 a Cannes e pare esser tornato il sereno, dopo le lunghe polemiche viste nella giornata di ieri. Oggi è il giorno delle prime pellicole d’autore in corsa per la tanto ambita Palma d’oro, che quest’anno è ancor più bella (e cara) che mai vista l’aggiunta dei preziosi diamanti.

Jupiter's Moon

Facciamo un piccolo e doveroso passo indietro però prima di elencarvi i film di oggi, dato che ieri è stato presentato in serata il secondo titolo in corsa per la Palma d’oro: Jupiter’s Moon diretto dall’ungherese Kornél Mundruczó in cui il giovane immigrato siriano Aryan attraversa illegalmente la frontiera e scopre, dopo esser stato sul punto di morte, di avere il potere di librarsi nell’aria. Un’opera interessante perchè fantascienza, bizzarrie e misticismo si mescolano per affrontare, con immenso coraggio, un argomento scomodo e delicato come quello dei migranti.

120 battements par minute

Il Festival di Cannes prosegue in mattina presentando 120 battements par minute e The Square, altro titolo in corsa per aggiudicarsi il premio. Il primo dei due lungometraggi è diretto da Robin Campillo e racconta quanto accaduto in Francia, all’inizio degli anni ’90, durante i tentativi di Act Up-Paris, gruppo in cui uno degli ultimi arrivati è il giovane Nathan, per sensibilizzare la società sul dramma dell’AIDS.

The Square

A tre anni dagli applausi e i tanti premi ottenuti con “Forza Maggiore, torna a Cannes il regista svedese Ruben Ostlund con l’opera: The Square dai contenuti molto forti che tra risate e geniali scene, punta a far riflettere lo spettatore. Il film racconta di Christian, uno strano gallerista esperto d’arte contemporanea che prepara la sua prossima mostra, intitolata appunto The Square, in cui incita i visitatori a essere altruisti e a occuparsi del prossimo, tuttavia nella sua vita non sembra essere nemmeno lui in grado di rispettare questi sani principi. Tre anni fa Ostulund si portò a casa il premio della Giuria di Un Certain Regard e quest’anno punta alla Palma, grazie ad alcune scene ricche di pathos e grandi interpretazioni attoriali.

Sbarca sul tappeto rosso anche la tanto richiesta Kristen Stewart, che dopo progetti di successo presentati al Festival come Personal Shopper e Café Society, torna per proiettare il cortometraggio di cui è regista: Come Swim.

Come Swim

La sezione Un Certain Regard, sempre nella giornata odierna vede due titoli molto attesi: April’s Daughter diretto da Michel Franco con protagonista Emma Suárez nel ruolo di una madre assente che deve occuparsi della sua figlia diciassettenne, incinta, e della più grande ormai trentenne; e l’esordio alla regia di Taylor Sheridan con Wind River, progetto che può contare sulla presenza delle star degli Avengers Jeremy Renner ed Elizabeth Olsen, che racconta le indagini dell’FBI su un delitto avvenuto in una riserva indiana.

Nel programma della Quinzaine des Réalisateurs spicca invece la presenza di Abel Ferrara che ritorna sulla croisette per ripercorre la sua carriera tramite i racconti e gli aneddoti avvenuti nella sua carriera da regista, mai banale e sempre pronta a far parlare di sé.

Abel Ferrara

Torneremo domani a raccontarvi ogni curiosità sul prestigioso festival di Cannes, nel frattempo vi lasciamo due trailer davvero interessanti: quello di Jupiter’s Moon e Come Swim: