4 Luglio 2020

Un fiocco di neve, un desiderio

di Giulia Menegatti

Ho sempre amato la neve, sin da quando ero bambino.

Certo, allora le cose erano parecchio diverse.


Alle prime avvisaglie, si correva giù in strada.

Si fissava il cielo, con la bocca spalancata, cercando di catturare quanti più fiocchi di neve possibile con la lingua.

Ogni fiocco di neve era un desiderio.

Per un istante, sembrava che tutto fosse possibile.

Si faceva a palle di neve con gli altri ragazzini del quartiere, poi ci si radunava davanti al camino con in mano una cioccolata calda con aggiunta di marshmallows.

Quanto darei per potermi sedere davanti ad un camino in questo momento.


Ho le dita delle mani indolenzite, non sento quasi più i piedi.

Continuo a camminare imperterrito.

Dead man walking.

La fasciatura al ginocchio sta cedendo.

Dietro di me, minuscole gocce di sangue che, come le briciole di Pollicino, vanno dal Rifugio a me.

Potrei coprirle con la neve, ma sarebbe solo una perdita di tempo.

Al Rifugio ormai non c’è più nessuno e credo di essere stato trovato.

Non vedo niente, solo alberi, ma so – sento – di essere circondato.

All’improvviso un rumore sordo.

Una sensazione di caldo parte dal mio petto.

Mi lascio cadere sulle ginocchia.

E’ finita, so che è finita.

Non lotterò, non questa volta, non ne ho più la forza.

Ogni giorno, da un po’ di tempo a questa parte, è stato una conquista, ma ciò che ho perso?

Ogni giorno ho perduto qualcosa, o qualcuno.

Guardo il cielo, un pallido sole fa capolino tra le nuvole.

Apro la bocca e lascio che un fiocco di neve si posi sulla mia lingua.

Un fiocco di neve, un desiderio.

Chiudo gli occhi.

Non ho paura.

So che nel posto dove andrò non dovrò più patire la fame, il freddo, l’insonnia provocata dal terrore di non farcela, di essere scovato da loro.

Magari, se sono fortunato, rivedrò Maggie.

Non ho più paura.

Non sento nemmeno più il freddo.

E questo che si prova prima di morire?

Sento una mano calda sulla mia guancia.

Apro gli occhi.

 

Davanti a me, bella come non mai, la mia Maggie.

 

photo

Giulia Menegatti: appassionata di tecnologie web e social network, lettrice assidua, aspirante fotografa, scrittrice per passione, programmatrice per necessità.

 

Show Full Content

About Author View Posts

Giulia
Giulia

Giulia Pedonese, classe 1992, ha cominciato a scrivere prima di sapere la grammatica e, visto che nessuno è riuscito a fermarla, studia lettere classiche all'università di Pisa. Ama cantare, non ricambiata, e nel frattempo si è data un nome d'arte con i baffi.

Previous Recensione di Donna per Caso
Next La settimana di Beppe Grillo

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Si chiamava Destà

15 Giugno 2020
Close