16 Gennaio 2021

la-grande-bellezza-toni-servillo1

E’ la prima volta che parlo di film e (provo a fare) faccio una recensione e guarda un pò decido subito di cimentarmi con una pellicola impegnativa: “La Grande Bellezza”.
Potevo scegliere qualcosa di più facile, meno complicato però…vi devo confessare che sono passate ben due settimane da quando ho visto questo piccolo capolavoro e tutt’oggi mi sento più che mai obbligato a parlarne.

Partiamo quindi subito da un presupposto: Paolo Sorrentino.


Sorrentino ad oggi è senza dubbio uno dei prodotti maggiormente riusciti del mondo dello Spettacolo italiano, quello con la S maiuscola, uno dei pochi capace di dirigere attori del calibro di Servillo e Sean Penn, un vero e proprio unicum in un cinema contraddistinto per molto tempo solo dai classici “Cinepanettoni “di Natale.

Sorrentino riesce sempre a comunicare qualcosa e proprio per questo può piacere o non piacere, mai però ti lascia quel sapore insipido in bocca di un piatto poco salato o di un telefilm la cui trama sembra essere stata fatta da una scimmietta addestrata piuttosto che da un essere umano .
Senza ovviamente offendere le scimmiette addestrate.

L’inizio si colloca proprio lungo questa via, un continuo di inquadrature tra chiese e palazzi su una Roma (apparentemente) magnifica “turbata” da un evento inaspettato; subito dopo, al calar della notte, ecco l’altra faccia della Capitale d’Italia e del Cattolicesimo: i vizi e le feste.

Proprio all’interno di una delle classiche serate della Roma “dabbene” d’oggi  conosciamo il nostro protagonista, o meglio il nostro “viaggiatore”,  Jep Gambardella(Toni Servillo), impenitente playboy napoletano, in passato scrittore di successo ed ora dedito solo e soltanto alla “Mondanità” romana.

Lo spettatore ha una sola reazione: confusione.

Confusione aggravata dagli eventi presenti in tutto il film, primo tra tutti la perdita di una persona particolarmente cara a Jep, la cui morte, quasi fosse una epifania di Joyce, permette al protagonista di “sbloccarsi”, di iniziare un viaggio interiore verso una meta incerta e oscura.


Il nostro novello Odisseo permette a noi spettatori di osservare diversi spaccati di una Roma unica nella sua decadente bellezza, parvenu in cerca di successo, radical chic-(presunti)attivisti sociali, ingenue e candide spogliarelliste, ogni soggetto con cui Jep si relaziona sembra essere messo lì a simboleggiare qualcosa divero, vivo nella nostra realtà sociale e non solo frutto di una sceneggiatura fantasiosa.

E il paradosso sta proprio in questo, quanti tra voi possono conoscere una coppia formata da una nana e da un poeta sempre silenzioso? Quanto tra voi hanno mai visto uomini di sessantacinque anni sniffare di cocaina e andare alle feste ogni notte?
Ben pochi eppure ciò ci sembra reale, non normale ma reale.

La vita di ogni personaggio sembra essere posta all’interno di un eterno presente, passato e futuro sono perfettamente fusi senza lasciare ogni spazio di cambiamento, le Sirene Romane diventano quindi una prigione esistenziale dove tutti volontariamente e scientemente si rinchiudono per sfuggire ad una vita di fallimenti.

Ed è qui che arriva la Morale.

Quel che davvero colpisce de “ La Grande Bellezza” è l’insegnamento, non il solito e scontato Ricchezza = Tristezza ma qualcosa di ben più profondo.

Il film insegna come solo e soltanto l’uso distorto della ricchezza, delle feste, della Mondanità è in grado di rovinare la esistenza di ognuno, non i soldi in quanto tali.

Mai in una scena vedrete critiche gratuite alla nostra società, al suo funzionamento o alla nostra economia, mai vedrete reviviscenze di ideologie comuniste e mai potreste dire che “La Grande Bellezza” sia un film politico proprio perché politico non è ; svolge una critica sociale al massimo, indicando cosa deve essere migliorato e soprattutto cosa non si deve fare per poter vivere bene e in maniera soddisfacente.

Se avete amato gli altri film di Sorrentino o siete molto più semplicemente incuriositi, vi invito con grande calore a vedere quella che reputo essere una delle migliori pellicole di questo inizio 2013, “La Grande Bellezza”  aspetta solo di essere scoperta.

Cannes-2013-La-grande-bellezza-3-clip-dal-festival-e-nuove-foto-10-620x350

Show Full Content

About Author View Posts

Giulio Profeta
Giulio Profeta

Dottorando, abilitato alla professione forense, livornese.
Sono uno dei fondatori del progetto "Uni Info News", nonché attuale presidente dell'associazione; ho avuto l'idea di buttarmi in questa avventura per promuovere uno stile di vita attivo fra tanti miei coetanei, all'insegna del confronto come motore di crescita personale.

Previous NBA Finals: Gara 1 agli Spurs!
Next I Libri da tenere sott’occhio a Settembre!

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Da Livorno doppio no al razzismo

15 Giugno 2020
Close