15 Agosto 2022

Recensione de Il Seggio Vacante 

di


J.K. Rowling

La Rowling dimostra ancora una volta di saper dar vita ad una storia intelligente, che fa riflettere e soffrire.

Jk Rowling Cover webSinossi Ufficiale: A chi la visitasse per la prima volta, Pagford apparirebbe come un’idilliaca cittadina inglese. Un gioiello incastonato tra verdi colline, con un’antica abbazia, una piazza lastricata di ciottoli, case eleganti e prati ordinatamente falciati. Ma sotto lo smalto perfetto di questo villaggio di provincia si nascondono ipocrisia, rancori e tradimenti. Tutti a Pagford, dietro le tende ben tirate delle loro case, sembrano aver intrapreso una guerra personale e universale: figli contro genitori, mogli contro mariti, benestanti contro emarginati. La morte di Barry Fairbrother, il consigliere più amato e odiato della città, porta alla luce il vero cuore di Pagford e dei suoi abitanti: la lotta per il suo posto all’interno dell’amministrazione locale è un terremoto che sbriciola le fondamenta, che rimescola divisioni e alleanze.

RecensioneIl Seggio Vacante della Rowling, primo romanzo post saga di Harry Potter, è capace di unire, grazie al talento e allo stile semplice (ma efficace, nonché mai sopra le righe o banale) della scrittrice numerose storie, che vedono protagonisti adulti e adolescenti, tra le vie della piccola cittadina immaginaria di Pagford. La penna più ricca d’Inghilterra si prende il lusso di portare alla luce una storia soddisfacente, corposa e ricca di riflessioni di una attualità allarmante; così, tra le tante crisi adolescenziali, i rapporti sempre più logori tra padri/madri e figli, la droga, il sesso e la morte, il tutto acquista lentamente (forse in alcuni momenti fin troppo!) una sua identità conducendo lo spettatore ad un finale straziante, coerente, politico, beffardo, ironico e umano, capace di mettere in chiaro (una volta per tutte) che il seggio di cui si parla in tutta l’opera, che è presente sulla copertina dell’edizione italiana edita da Salani è solo un pretesto e che il vero obbiettivo di The Casual Vacancy è quello di andare ben oltre una lotta tra fazioni per un posto di prestigio nell’amministrazione del luogo. Alla Rowling non importa chi sarà il sostituto del defunto Barry Fairbrother, pur non facendo della politica un qualcosa fine a se stessa, ma ponendo le radici per quelle critiche, quelle manifestazioni e quei disagi che le stanno a cuore, evidenziando, sempre di più con il progredire delle pagine, la complessa psiche di molti dei suoi personaggi e incentrando l’attenzione del lettore sui rapporti umani firmando così un romanzo non privo di lacune (la prima, sottolineiamo ancora una volta, va riscontrata nella sua eccessiva lunghezza con annessa qualche superficialità nel delineare alcuni dei protagonisti) ma ben scritto, coerente e attuale.

Claudio Fedele

 

Show Full Content

About Author View Posts

Claudio Fedele

Nato il 6 Febbraio 1993, residente a Livorno. Appassionato di Libri, Videogiochi, Arte e Film. Sostenitore del progetto Uninfonews e gran seguace della corrente dedita al Bunburysmo. Amante della buona musica e finto conoscitore di dipinti Pre-Raffaelliti.
Grande fan di: Stephen King, J.R.R. Tolkien, Wu Ming, J.K. Rowling, Charles Dickens e Peter Jackson.

Previous Recensione de Il Mistero di Sleepy Hollow
Next Uni Info News alla scoperta dei giovani: Livia Schweizer

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Un concerto di sfolgorante bellezza per pianoforte e orchestra nel segno di Ludwig van Beethoven                                                                                                                                                                                                                                                                        

6 Aprile 2022
Close