L’insonnia: cause e cure per un dolce sonno

GianGuido Grassi - 20 Febbraio 2016

Livorno-Cesena 1-1, un pareggio che non serve a nessuno. Pagelle e commento del match.

GianGuido Grassi - 20 Febbraio 2016

Arte e terrorismo/ Dall’Italia una speranza

GianGuido Grassi - 20 Febbraio 2016
Share

Aprendo il sito italiano dell’ONU, troviamo due notizie correlate ma di segno opposto: la seconda riempie di speranza e orgoglio il triste vuoto lasciato dalla prima. E non è un caso che questo messaggio parta dall’Italia.

Le macerie al posto del monastero di Sant’Elia, foto da satellite ottenute dall’Associated Press.

MOSUL (IRAQ), 20 GENNAIO – Il monastero cristiano di Sant’Elia, il piu’ antico dell’Iraq, e’ stato ridotto dall’ISIS in un cumulo di macerie. Lo rivelano foto da satellite ottenute dall’Associated Press.”

ROMA, 14 FEBBRAIO – I caschi blu della cultura saranno formati a Torino. La cerimonia che terra’ a battesimo la nuova unita’ di “Monuments Men” dell’ONU si terra’ martedì a Roma, alle Terme di Diocleziano alla presenza del Direttore generale dell’UNESCO, Irina Bokova, dei ministri dei Beni Culturali Dario Franceschini, degli Esteri e della Cooperazione Internazionale, Paolo Gentiloni, della Difesa, Roberta Pinotti,  dell’Istruzione,  Stefania Giannini e il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Tullio Del Sette.” Il motto della nuova unità è ““A Nation stays alive when its Culture stays alive”.

 

 

Cerimonia inaugurale di caschi blu della cultura, Roma (terme di Diocleziano)

Peccato che i media, subito attenti a criticare (e a ragione) la copertura delle statue in occasione della visita ufficiale in Italia del Presidente iraniano Rouhani non si siano altrettanto accorti di questo grande evento: grande sì, di portata mondiale! E non tanto o non solo perché è coinvolta l’Organizzazione delle Nazioni Unite ma soprattutto perché indica la strada con cui l’Italia può davvero essere utile al mondo e all’umanità: non è casuale che qui, nel Bel Paese, cominci la difesa del patrimonio artistico, espressione della storia dell’uomo e delle civiltà e speranza per il futuro. Come disse Benigni a Bruxelles in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, “l’Italia non è il Paese del Risorgimento o del Rinascimento, ma della Resurrezione”, “del miracolo permanente. Voi non potete sapere cosa può fare questo Paese”: in realtà, potremmo spingerci fino a dire che Resurrezione è Rinascimento, intendendo una costante rinascita che avviene proprio grazie all’Arte e alla Bellezza… Ecco perché, anche se talvolta c’è chi non si sente italiano, possiamo cantare “per fortuna lo sono!”