6 Dicembre 2019

Cos’è il Bajram? Il Bajram è la festa più importante per il popolo di fede mussulmana.
Si divide in due parti : bajram grande, che quest’anno è stato il 25 giugno, e bajram piccolo che sarà il 1 settembre. Già proprio il 1 settembre, e che ricade col venerdì santo, il giorno più importante per i mussulmani che pregano per il proprio dio, Allah.

Questa festa però non ha una data precisa, ma viene festeggiata una volta all’ anno nel mese prima di quello dello scorso anno, dopo i 30 giorni di ramadam (digiuno volontario). Si festeggia per il sacrificio che gli uomini hanno fatto di non mangiare per 30 giorni ovvero si celebra la festa della rottura del digiuno, sacrificando un montone perché un uomo sacro, tanto tempo fa, aveva sognato di dover ammazzare un animale e Dio decise di mandargli il montone. Il montone, che deve essere di 1 anno, viene diviso in 4 parti. Tre di esse si regalano ai poveri, e l’altra si mangia.

Per i mussulmani ci sono 5 Doveri:Il digiuno (sawn) è uno dei cinque doveri della fede islamica. Gli altri sono la professione di fede (kalima), la recita quotidiana delle cinque preghiere (salat), l’elargizione delle elemosine (zakat) e il compimento, almeno una volta nella vita, del pellegrinaggio (hagg) a La Mecca (Arabia Saudita).

Queste feste sono condite dalla

preparazione di torte, che vengono fatte per questo giorno importante, come il bajram. Un dessert tipico del kosovo è la Bakllava.
La Bakllava è un dessert molto dolce, costituito da pasta sfoglia, sciroppo di zucchero (il quale può essere sostituito dal miele) e con pistacchi, noci e nocciole.

La torta Bakllava
La torta Bakllava

Un’altro dolce che si prepara in Kosovo,per il bajram è il così detto Trileçe.
Si tratta di un dolce originario probabilmente del Sud America, ma che è diventato ormai tipico dell’Albania e del Kosovo.

Il dolce Trileçe
Il dolce Trileçe

Con l’inizio del festa del bajram, in programma il 1 settembre 2017, auguro a tutti i mussulmani pace, amore e felicità nella vita, e che la religione sia un ponte, che possa avvicinare tutti, affinché si metta fine alle così dette guerre di religione, che hanno colpito e che purtroppo stanno colpendo ancora il mondo.

Buon Bajram a tutti quanti.

Butrint Gllasoviku.

Show Full Content

About Author View Posts

Posta dei Lettori
Posta dei Lettori

Uni Info News pubblica da sempre lettere dal suo pubblico nel tentativo di rendere i ragazzi partecipi della realtà che ci circonda. Inviaci la tua opinione tramite la nostra pagina: Contatti

Previous I ragazzi del Faggio
Next La riscoperta dei Quartieri a Livorno, al via la seconda edizione di Teatri al Calasole

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Goldoni – Prosa: Giovedì 5 Novembre Alessandro Baricco in ‘Novecento’

29 Novembre 2019
Close