4 Marzo 2021

IMG_1391Pubblico la lettera del mio amico Emiliano che condivido in pieno. Di seguito, verrà analizzata l’istruzione e la cultura nella nostra città: Livorno. L’analisi che segue, oltre a mettere in evidenza le criticità della ‘cultura’ a Livorno, indica  anche una concreta proposta per la città.

“Sono giovane e, come molti miei coetanei, ho voglia di fare, conoscere e scoprire, al quadrato. Un filosofo dell’antichità diceva “è saggio colui che sa di non sapere” , frase che nei secoli ha prodotto ricerca e dalla ricerca sviluppo scientifico e sociale. Questo voler agire purtroppo è ostacolato da continui tagli all’istruzione, forse perché la cultura deve rimanere di pochi, forse perché essa è un’arma ben più letale degli F35! Tutto questo fa rabbia e tristezza.
Bisogna ripartire dalle piccole realtà, dal territorio, dalle fondamenta di un paese che sta perdendo la propria dignità ed identità nazionale: un tempo eravamo la culla della conoscenza e della ricerca, oggi, chi vuole “fare cultura” deve andare all’estero. Prendiamo d’ esempio la nostra città: andare a teatro, per musei, concerti ma anche al cinema, sta diventando un lusso. Un processo di rincaro che non colpisce solo il singolo individuo: danneggia l’economia, la città, ma soprattutto frena il ritrovarsi. Frena il sociale, inibendo la creazione di un pensiero critico. Perché non partire dalle realtà locali garantendo finanzia- menti al sapere e creando, così, generazioni “sveglie” e capaci intellettivamente e criticamente di portare avanti l’Italia?                             
Abbiamo la fortuna di vivere in una realtà come Livorno, che è la città più multietnica delle multietniche, la più colorata delle colorate: siamo uno scrigno di tesori messo nella soffitta delle contraddizioni: Livorno, la città con più artisti al mondo per densità di abitanti, ma allo stesso tempo con più menefreghisti (culturalmente parlando);, la città con più medagliati olimpici, ma anche la città più sfaticata d’ Italia. Personalità, dunque, di estremo rilievo come Mascagni, Fattori e Modigliani meritano un “newdeal” artistico nei loro luoghi natii. Ripartire dai giovani e dal territorio è la carta vincente per rendere le nuove generazioni orgogliose di conoscere e far conoscere le proprie radici, renderle entusiaste di esportarle!”


Emiliano Cicero
@EmilianoCicero

Show Full Content

About Author View Posts

Paolo Gambacciani
Paolo Gambacciani

Studente appassionato di politica, arte, teatro, cinema e tennis. Sono laureato in Comunicazione presso la Scuola di Scienze Politiche dell'Università 'Cesare Alfieri' di Firenze e collaboro con uninfonews dalla sua fondazione; sono fortemente convinto ed a favore del progetto editoriale del giornale online. Vicepresidente e socio di Uni Info News.

Previous Il califfo Erdogan
Next Archeologia preventiva a Baratti, la mostra del Museo di Storia Naturale di Livorno

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Valentina Boi, la protagonista dell’appuntamento del Teatro Goldoni di questo sabato 28 Novembre

28 Novembre 2020
Close