30 Novembre 2020

Martedì 1 e mercoledì 2 marzo, ore 21 al Teatro Goldoni Serra Yilmaz in La Bastarda di Istanbul. Mercoledì 2 marzo alle ore 18 Incontro il pubblico

La bastarda di Istanbul_ph E.Gallina_IMG_2029LIVORNO. La Bastarda di Istanbul, il romanzo campione di vendite in tutto il mondo di Elif Shafak, indiscussa protagonista della letteratura turca, arriva al Teatro Goldoni di Livorno martedì 1 e mercoledì 2 marzo, alle ore 21 nello spettacolo di Pupi e Fresedde-Teatro di Rifredi con la prestigiosa e magnetica attrice Serra Yilmaz, nuovo appuntamento della stagione di prosa della Fondazione Goldoni con la Fondazione Toscana Spettacolo.

Serra Yilmaz ci accompagna così ancora una volta nel suo paese, la Turchia, per aiutarci a comprendere una società in bilico tra il perdurante fascino di una cultura millenaria e la necessità di confrontarsi con le contraddizioni della storia passata e presente.


Il tema centrale e ancora scottante ne La Bastarda di Istanbul è infatti quel buco nero nella coscienza della Turchia che è rappresentato dalla questione armena. Adattato da Angelo Savelli che ne ha curato anche la regia, va in scena un’intricata ed originale saga familiare multietnica, popolata da meravigliosi personaggi femminili, da storie brucianti e segreti indicibili che forse non verranno mai svelati. Se ne accorge Armanoush, giovane e tranquilla americana che, in cerca delle proprie radici armene, sbarca segretamente a Istanbul nella famiglia matriarcale del suo patrigno turco Mustafa. E lo sa bene chi a Istanbul ci vive come Asya “la bastarda”, sua coetanea, adolescente turca ribelle e nichilista, con una grande e colorata famiglia di donne alle spalle, e un vuoto al posto del padre. Nonne, madri, zie, sorelle, amiche. Quando sono le donne a dominare la scena, tutto si intreccia, si complica e diventa affascinante. Perché le donne sono come le spezie, apparentemente simili, ma in grado di stravolgere il sapore di un piatto, come pure il sapore della vita.

La Bastarda di Istanbul è uno spettacolo necessario, un’opera al tempo stesso drammatica e divertente che dà La bastarda di Istanbul_ph E.Gallina_IMG_1762voce non solo agli sconfitti, ossia a quella parte del popolo armeno che esattamente cento anni fa fu vittima di un disumano genocidio; ma anche a quella parte della società turca costretta a vivere nella rimozione di antiche colpe siano esse storiche che familiari.

Sul palco, insieme a l’attrice Serra Yilmaz saranno protagonisti Valentina Chico, Riccardo Naldini, Monica Bauco, Marcella Ermini, Fiorella Sciarretta, Diletta Oculisti, Elisa Vitiello. Le fantasiose e interattive video-scenografie di Giuseppe Ragazzini evocano una Istanbul animata e reale, vera protagonista più che cornice dello spettacolo.

 

Serra Yilmaz e la compagnia de La Bastarda di Istanbul incontreranno il pubblico mercoledì 2 marzo, alle ore 18 presso la Sala Mascagni del Goldoni intervistati dalla giornalista Teresa Giannoni (ingresso libero).
Biglietti ancora disponibili per entrambe le rappresentazioni presso il botteghino del Goldoni (tel. 0586 204290) martedì e giovedì ore 10-13, mercoledì, venerdì e sabato con orario 17-20; prezzi dai 20 ai 30 €; giovani sotto i 30 anni € 12. Tutte le informazioni su www.goldoniteatro.it

Show Full Content
Previous La fame controlla il cervello o il cervello controlla la fame?
Next RoboNole all’attacco

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Si chiamava Destà

15 Giugno 2020
Close