29 Settembre 2022

Oggi pomeriggio ho avuto l’occasione di intervistare ‘il talento’ livornese,  che ha partecipato come concorrente finalista a quest’ultima edizione di X Factor, Lorenzo Iuracà. Con Lorenzo ho parlato, in quest’intervista, della sua esperienza a X Factor, del  suo passato da cantautore  e del suo futuro.  Iniziamo…

Tu, in questo periodo, hai partecipato ad ‘X Factor’, ci puoi dire le prime parole che ti vengono in mente, quando pensi a quest’esperienza?
Sicuramente, partecipare a X Factor, è stata un’esperienza unica … Sono cose che ti capitano raramente nella vita e da 166038_10200991847664510_179418287_ncui puoi solamente guadagnarci, come è successo a me.  Prima di entrare lì, facevo le mie cose, ora continuo a farle, ma con un seguito maggiore.


Quindi, adesso, avrai anche una motivazione in più nel fare quel che fai?
Certo, sicuramente, ora ci sono tante persone che mi chiedono le mie canzoni  ed Io ho tanta voglia di fargliele sentire.

Poi,  come hai raccontato, tu sei anche un cantautore…
Sì, Io sono fondamentalmente un cantautore, non un cantante.

Ecco, il tuo obiettivo sarà quindi quello di fare sentire le tue canzoni a più persone possibili?
Certo!

Ritornando alla tua esperienza di X  Facotr, sei rimasto deluso da qualcosa, ti aspettavi qualcosa di diverso?
Che discorsi, uno partecipa per arrivare più in là possibile … Sicuramente, l’unica vera delusione è quella di non aver avuto la possibilità di sapere cosa pensasse il pubblico nel momento del voto di ballottaggio; però, al di fuori di questo, non ho altri rimpianti , essendo completamente soddisfatto di questa esperienza. Mi sarebbe anche piaciuto avere delle risposte diverse da quelle che ho avuto,  perché non ho avuto la possibilità di mettermi in gioco veramente.

Cosa pensi di X Factor?
Io sicuramente lo valuto fra i migliori talent show. A me poi è servito anche a rivalutarmi parecchio, perché prima non ero convinto di poter arrivare ad un’esperienza del genere. Quanto meno  pensavo che ‘quei posti’ fossero per persone con le ‘spalle coperte’, così raggiungere quel posto e quell’obiettivo solo con le mie  forze mi ha fatto ricredere molto in me stesso.

Sempre riguardo ad X  Factor, tu sei stato ‘affidato’ a Morgan; com’è stato lavorare con Lui?
Per quel poco di tempo che abbiamo potuto lavorare insieme,  posso dirti che  mi ci sono trovato benissimo. A livello umano ed artistico ha dimostrato di essere una grande persona. Quando eravamo dentro il loft, arrivava e si metteva a parlare con noi, dicendoci che qui dentro eravamo  tutti alla pari e che non c’era nessuno che fosse più  o meno fra noi, poiché, per lui, se c’è rispetto si poteva essere tutti allo stesso livello. E’ stata una cosa piacevole.


579239_10201149072035021_1707115948_nPrima di partecipare ad X Factor studiavi per diventare un musicista alla ‘Wos academy’…
La Wos Academy è principalmente un’accademia di canto. Fino a qualche anno fa,  ho fatto il conservatorio. Per  quattro anni, ho così frequentato il conservatorio seguendo il corso di percussioni, dato che ho iniziato suonando la batteria, per passare a suonare il pianoforte e incominciare anche a scrivere delle canzoni. Poi ho deciso di dare le canzoni a gente che suonava, loro mi chiesero perché non le cantassi io e così ho iniziato a cantare.

Riguardo al tuo gruppo, ‘Lorenzo Iuracà e gli approssimativi’ quand’è che è nato?
Il gruppo è ‘vivo’ da almeno due anni e mezzo ed è nato dal mio bisogno di portare fuori tutte le cose che scrivevo. Uscire fuori con le basi era deprimente ed uscire fuori a fare una serata di 15 pezzi di solo piano e voce era un po’ vuoto. Volevo quindi  trovare un gruppo che fosse disposto a suonare le canzoni che componevo io.  Abbiamo fatto così un disco intitolato ‘Voglio fare il cantautore’, uscito nel Novembre del 2012, e successivamente abbiamo proposto un singolo per Sanremo Giovani, che si chiamava ‘Parole in movimento’. Ora siamo a lavoro su un nuovo disco ed abbiamo una sorpresa, che ora non ti dico, sennò sputtano tutto. (Ride..)

Ci sono quindi progetti per il futuro?
Certo,  abbiamo delle cose pronte e già in uscita; stiamo aspettando che sia il momento giusto per tirarle fuori. Avremo un nuovo disco con delle nuove canzoni.

Nel tuo futuro vuoi continuare quindi a produrre musica?
Beh certo, io, da quando ho 14 anni, non ho più fatto altro al di fuori della musica, sicché non potrei fare altro, mi troverei perso.

Tu ormai il tuo piccolo successo l’hai avuto, sei stato ad X Factor, ti auguro di continuare a ‘sfondare’, poiché mi sembra che tu abbia i requisiti, ma se dovessi dare un consiglio ad un ragazzo che il prossimo anno vorrebbe provare con X  factor , che cosa gli diresti?
Io darei un consiglio in generale a tutte le persone che vogliono fare qualcosa, ma che poi non lo fanno, più per la paura che per altro. Queste persone possono fallire per la paura che quello che fanno sia solamente tempo perso. .. Io, invece, sono dell’idea che, se uno crede in qualcosa ci debba credere veramente, perché se ci credi veramente ti porterai sempre dietro un bagaglio di cose che ti permette di andare avanti.

Allora, grazie Lorenzo! E speriamo di sentirci presto per un tuo prossimo successo.

Paolo Gambacciani
@paologamba10

 

 

Show Full Content

About Author View Posts

Paolo Gambacciani

Studente appassionato di politica, arte, teatro, cinema e tennis. Sono laureato in Comunicazione presso la Scuola di Scienze Politiche dell'Università 'Cesare Alfieri' di Firenze e collaboro con uninfonews dalla sua fondazione; sono fortemente convinto ed a favore del progetto editoriale del giornale online. Vicepresidente e socio di Uni Info News.

Previous Quando la cultura incontra l’impegno: il Centro Studentesco Arrigoni
Next Franz Liszt, genio sconosciuto.

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Preziosi vs Bocci – il reading musicale del Mascagni Festival che ha incantato il pubblico labronico

20 Luglio 2022
Close