8 Maggio 2021

Uni Info News ha intervistato per voi i fondatori di MEL Factory, brand emergente di abbigliamento e gioielli tutto made in Livorno. Chi sono i protagonisti di MEL Factory? Lorenzo Vangi, classe 1993, studente di Informatica all’Università di Pisa, Mattia Guidi nato nel 1992 e infine Emiliano Vannucci, anche lui del ’93, studente di Ingegneria Edile a Bologna. Nata per caso come idea su what’s app, nell’agosto del 2014, questi tre ragazzi hanno dato vita alla realtà che è MEL Factory, un marchio originale e creativo, che produce t-shirt ricercate insieme a gioielli unici e artigianali. Queste t-shirt giocano in modo ironico con iconiche figure come ad esempio Frida Khalo e Shakespeare, riuscendo a far avvicinare anche i giovani al modo dell’arte; ne è un esempio la loro prima linea di magliette chiamate #TAKEITWITHPHILOSOPY .  IMG-20150915-WA0004

La loro idea di base era quella di creare un’attività in proprio nel settore, perché tutti e tre accomunati dalla passione per la moda, così grazie ai social network si stanno facendo sempre più conoscere al grande pubblico. La loro principale vetrina espositiva è proprio Instagram, grazie al noto social infatti mostrano e vendono sul web i loro prodotti . Il loro sito ufficiale è però www.melfactory.it gestito dai ragazzi stessi e creato proprio da Emiliano e Lorenzo. In questo progetto ognuno ha riversato le proprie abilità migliori e benché non sia sempre facile conciliare le varie idee, riescono comunque a trovare compromessi e a realizzare manufatti innovativi e intriganti.


Gli anelli, i bracciali e le collane sono realizzati interamente a mano, da un giovane artigiano napoletano, in puro argento 925. I gioielli richiamano oggetti di uso quotidiano, come chiavi o chiodi, rivisitati e impreziositi con l’inserimento talvolta di pietre dure o piccoli Swarovski. Il nome Mel Factory è in realtà l’acronimo delle iniziali dei nostri protagonisti Mattia, Emiliano e Lorenzo. Il loro logo caratteristico è un diamante stilizzato e spezzato al centro, logo che applicano in rilievo nei gioielli e che compare nelle etichette dei loro capi di abbigliamento. Il prossimo 31 Ottobre 2015 la Mel Factory festeggerà il primo anno di attività e può già affermare di aver notevolmente ampliato le proprie conoscenze in fatto di stampe, tessuti e design.

 IMG-20150915-WA0007 IMG-20150915-WA0001

Nella loro attività hanno già sperimentato tre tipi diversi di cotone e di modalità di applicazione delle immagini, disegnando personalmente la collezione unisex TEEN LONG, t-shirt oversize con gli skyline di tre famose città: Firenze, Parigi e New York. Un packaging minimal ed efficace caratterizza i loro originali manufatti.Ho chiesto infine ai ragazzi di descrivere l’essenza della loro start up, e loro mi hanno risposto così: “ Il nostro è un MadeinItaly giovane, unico e ricercato, pronto a raccogliere ogni giorno la sua sfida più grande: essere quotidianamente una fresca e sempre rinnovata fonte di stile”. 

In un’Italia sempre maggiormente colpita dal fenomeno della “fuga dei cervelli” all’estero, questi neo-imprenditori sono un’esempio di forza di volontà e audacia a perseguire i propri sogni, pertanto non posso che fare il tifo per loro. Se siete rimasti incuriositi dai loro prodotti e volete conoscere più da vicino questi intraprendenti livornesi, non vi resta altro che andare sul loro sito www.melfactory.it o recarvi presso uno dei rivenditori più vicini:

– Cut and colour all’Ardenza, Livorno

– Pitti in via Cambini, Livorno

– Oro Più a Velletri


   IMG-20150915-WA0002

Summary
Name
MEL Factory
Job Title
Neo imprenditori livornesi
Show Full Content

About Author View Posts

Chiara Sabbatini
Chiara Sabbatini

Nata a Livorno il 25/09/1995 e laureata in Scienze dei Beni Culturali all'Università di Pisa. Coltivo da sempre una passione per l'arte e la letteratura, amo il cinema e il teatro e scrivo poesie nel tempo libero. Viaggiare mi affascina e non perdo occasione di ampliare i miei orizzonti. Fare del mio diletto, la giornalista, una professione, sarebbe un sogno che si avvera. Spero di appassionarvi con i miei articoli legati al campo dell'Arte e della Cultura.

Previous La pena di morte sta passando di moda?
Next Il fragoroso ritorno della balena bianca

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Da Livorno doppio no al razzismo

15 Giugno 2020
Close