8 Dicembre 2022

Uni Info News ha intervistato per voi i fondatori di MEL Factory, brand emergente di abbigliamento e gioielli tutto made in Livorno. Chi sono i protagonisti di MEL Factory? Lorenzo Vangi, classe 1993, studente di Informatica all’Università di Pisa, Mattia Guidi nato nel 1992 e infine Emiliano Vannucci, anche lui del ’93, studente di Ingegneria Edile a Bologna. Nata per caso come idea su what’s app, nell’agosto del 2014, questi tre ragazzi hanno dato vita alla realtà che è MEL Factory, un marchio originale e creativo, che produce t-shirt ricercate insieme a gioielli unici e artigianali. Queste t-shirt giocano in modo ironico con iconiche figure come ad esempio Frida Khalo e Shakespeare, riuscendo a far avvicinare anche i giovani al modo dell’arte; ne è un esempio la loro prima linea di magliette chiamate #TAKEITWITHPHILOSOPY .  IMG-20150915-WA0004

La loro idea di base era quella di creare un’attività in proprio nel settore, perché tutti e tre accomunati dalla passione per la moda, così grazie ai social network si stanno facendo sempre più conoscere al grande pubblico. La loro principale vetrina espositiva è proprio Instagram, grazie al noto social infatti mostrano e vendono sul web i loro prodotti . Il loro sito ufficiale è però www.melfactory.it gestito dai ragazzi stessi e creato proprio da Emiliano e Lorenzo. In questo progetto ognuno ha riversato le proprie abilità migliori e benché non sia sempre facile conciliare le varie idee, riescono comunque a trovare compromessi e a realizzare manufatti innovativi e intriganti.


Gli anelli, i bracciali e le collane sono realizzati interamente a mano, da un giovane artigiano napoletano, in puro argento 925. I gioielli richiamano oggetti di uso quotidiano, come chiavi o chiodi, rivisitati e impreziositi con l’inserimento talvolta di pietre dure o piccoli Swarovski. Il nome Mel Factory è in realtà l’acronimo delle iniziali dei nostri protagonisti Mattia, Emiliano e Lorenzo. Il loro logo caratteristico è un diamante stilizzato e spezzato al centro, logo che applicano in rilievo nei gioielli e che compare nelle etichette dei loro capi di abbigliamento. Il prossimo 31 Ottobre 2015 la Mel Factory festeggerà il primo anno di attività e può già affermare di aver notevolmente ampliato le proprie conoscenze in fatto di stampe, tessuti e design.

 IMG-20150915-WA0007 IMG-20150915-WA0001

Nella loro attività hanno già sperimentato tre tipi diversi di cotone e di modalità di applicazione delle immagini, disegnando personalmente la collezione unisex TEEN LONG, t-shirt oversize con gli skyline di tre famose città: Firenze, Parigi e New York. Un packaging minimal ed efficace caratterizza i loro originali manufatti.Ho chiesto infine ai ragazzi di descrivere l’essenza della loro start up, e loro mi hanno risposto così: “ Il nostro è un MadeinItaly giovane, unico e ricercato, pronto a raccogliere ogni giorno la sua sfida più grande: essere quotidianamente una fresca e sempre rinnovata fonte di stile”. 

In un’Italia sempre maggiormente colpita dal fenomeno della “fuga dei cervelli” all’estero, questi neo-imprenditori sono un’esempio di forza di volontà e audacia a perseguire i propri sogni, pertanto non posso che fare il tifo per loro. Se siete rimasti incuriositi dai loro prodotti e volete conoscere più da vicino questi intraprendenti livornesi, non vi resta altro che andare sul loro sito www.melfactory.it o recarvi presso uno dei rivenditori più vicini:

– Cut and colour all’Ardenza, Livorno

– Pitti in via Cambini, Livorno

– Oro Più a Velletri


   IMG-20150915-WA0002

Summary
Name
MEL Factory
Job Title
Neo imprenditori livornesi
Show Full Content

About Author View Posts

Chiara Sabbatini

Nata a Livorno il 25/09/1995 e laureata in Scienze dei Beni Culturali all'Università di Pisa. Coltivo da sempre una passione per l'arte e la letteratura, amo il cinema e il teatro e scrivo poesie nel tempo libero. Viaggiare mi affascina e non perdo occasione di ampliare i miei orizzonti. Fare del mio diletto, la giornalista, una professione, sarebbe un sogno che si avvera. Spero di appassionarvi con i miei articoli legati al campo dell'Arte e della Cultura.

Previous La pena di morte sta passando di moda?
Next Il fragoroso ritorno della balena bianca

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Come Chanel sta facendo infuriare le influencer russe

8 Aprile 2022
Close