1 Agosto 2021

MMFR_1sht_Main_Debut_ITALa distanza tra la Follia e la Genialità a volte è talmente breve che solo una sottile linea rossa separa l’una dall’altra, e al Cinema le regole sono le stesse, come nel mondo reale, sebbene ciò che vediamo proiettato su uno schermo di 7 metri sia solo una vana illusione ed opera di finzione narrativa. Considerevoli sono il numero di volte in cui siamo messi di fronte ad un mondo immaginario o ad una realtà parallela dove i cardini della logica e del reale stridono così tanto da farci credere che quel che vediamo sia vero o che un giorno, magari, potrebbe divenire sinonimo di verità. Sotto certi punti di vista, la pellicola che ci apprestiamo a recensire, presentata al Festival di Cannes 2015 fuori concorso, ed accolta da ovazioni ed elogi, rappresenta esattamente l’anello di congiunzione tra noi e la settima arte, quel patto che lo spettatore stringe con il regista, il quale non si fa scrupoli a portarlo ad esplorare storie ignote e ricche di fascino.

Tutti noi ricordiamo Mad Max – Interceptor, il primo capitolo della celebre saga, che lanciò il giovane Mel Gibson, che di lì a poco sarebbe divenuto una star internazionale, e gran parte dei cinefili è cosciente del debito che la cultura pop deve a George Miller per la creazione di quel suo mondo distopico, il quale prende le forme della sua Australia incastonata in un universo post-apocalittico. L’eredità della saga di Mad Max è quel tipo di lascito davvero considerevole, mad-max-fury-road-furiosa-1potente nonché dotato di quella profondità tale da insinuarsi in molti ambiti dell’intrattenimento moderno e nell’immaginario collettivo.


Gli autori che hanno preso spunto dalla trilogia cult di Miller sono tanti, troppi da contare sulle dita di una mano, ma mai tanto bravi da saper rinnovare una formula che nel suo genere ha dettato costantemente legge. Prendiamo, ad esempio, il caso del cartone animato giapponese Kenshiro, colui che più di tutti deve qualcosa a questo franchising, opera in cui si ricalcano non solo le tante sfumature dei personaggi della trasposizione cinematografica, ma dove è possibile scorgere forti richiami per le scenografie ed alcune tematiche. Eppure questo non è che l’inizio, la punta di un iceberg che con il passare degli anni non ha fatto che dimostrare il valore della nota serie di lungometraggi. The Road, 28 Giorni Dopo, Io Sono Leggenda, The Stand di Stephen King, sono tutti lavori che vivono di una luce riflessa dei lavori del regista australiano, e con l’avvento delle console casalinghe quali Playstation e X-Box anche il mondo videoludico ha ripreso scenari vari ed ambienti post-apocalittici di Milleriana memoria, non a caso capolavori del settore come Fall-out, 0023Borderlines, The Last of Us mostrano una società ed un grado di pazzia al loro interno che strizza l’occhio al mondo di Max Rockatansky, ed in alcuni casi gli omaggi non sono solo nell’estetica, ma anche nei contenuti.

Per i motivi sopra elencati, oggigiorno, scrivere della nuova fatica di George Miller, Mad Max : Fury Road, è un’impresa titanica quasi quanto quella che coinvolge i protagonisti della pellicola. Inizialmente concepito come re-boot, ma poi trasformatosi in un sequel alternativo alle avventure narrate più di trent’anni fa dall’ultimo, nonché terzo, capitolo della serie, Mad Max – Oltre la Sfera del Tuono, il nuovo progetto che vede Tom Hardy nelle vesti dell’antieroe per eccellenza accompagnato, sulla scena da Charlize Theron, 8KnsNIjgode di una potenza visiva senza pari e su cui, già è chiaro, si spenderanno fiumi di parole.

Scrivere della trama di Mad Max potrebbe essere non solo un torto verso i molti interessati, ma anche un processo particolarmente difficile da rendere nero su bianco, poiché al di là di una struttura narrativa semplice, dato che in fondo il film è un inseguimento (quasi) perenne ed una conseguente fuga da parte della Imperatrice Furiosa (Theron), assieme a delle ancelle, da un dittatore che sfrutta le persone come oggetti, le tematiche sono talmente profonde, attuali ed innovative che sarebbe davvero irrispettoso abbozzarle. Vi basterà sapere che per capire la storia di questo nuovo capitolo non importa aver visto i precedenti, sebbene in tal caso non sarete in grado di cogliere alcune sottili citazioni, e che il tutto prende inizio, in un futuro prossimo distopico post-apocalittico, proprio con la cattura di Max da parte dei Figli della Guerra, un’armata di guerrieri dal colore della pelle pallido, comandati dal temibile Immortan Joe, colui che tiene il potere ed il controllo assoluto di un governo totalitario lungo la Fury Road, sottomettendo il popolo con le proprie riserve d’acqua. In seguito alla fuga della imperatrice Furiosa e delle spose del dittatore, questi decide di inseguirle lungo tutto il deserto con il proprio esercito a bordo di veicoli d’assalto. I destini di Max e di Furiosa sono destinati, proprio a causa di questo evento, ad incontrarsi e la missione, portare in salvo le mogli da Immortan Joe, porterà i due a conoscersi maxresdefaultmeglio, in un mondo dove nulla è semplice, niente è gratuito, ma sopratutto dove la follia e la morte alimentano i cuori della gente.

Sembra strano dirlo, ma il cuore pulsante della produzione non è il protagonista che da il titolo al film, Max, il quale in alcuni casi assume quasi una sfumatura di contorno nei confronti della vicenda, ma il personaggio di Charlize Theron, Furiosa, e le concubine stanche di essere trattate come oggetti, utilizzate unicamente per scopi riproduttivi, in una società in cui vede in loro donatrici di bambini e di “vita”. L’imperatrice ruba la scena in ogni momento, porta su un piano inedito ed innovativo il valore e l’importanza delle donne sullo schermo, portando, dunque, a fare un parallelismo tra questa pellicola e tante altre in cui l’eroina di turno faceva vivere nell’ombra i tanti comprimari del sesso opposto. La Theron ricorda vagamente, per la forza e l’audacia, la Sigourney Weaver di Aliens di James Cameron, ma qui l’attrice Sud Africana vive in un tale stato di grazia che supera la collega in bravura, fa mangiare la polvere a tante altre bellissime interpreti e si cala in un ruolo che la porta a fare l’interpretazione migliore della sua vita o come poche altre, perché Furiosa vive di forza, ma anche di sguardi e gli occhi di Charlize esprimono tutto il necessario, sono lo specchio della sua anima e delle sue paure, parlano di rabbia, furore, dolore, ribellione e sacrificio, parlano dell’importanza in questo mondo della donna, sono uno riflesso in cui ogni essere umano può scorgere l’orrore che si annida in determinate società nei confronti del sesso femminile ed in essi c’è, tuttavia, sempre la bellezza, una classe ed eleganza che anche nei momenti peggiori fuori esce sempre, perchéfuryroad1 Charlize Theron oltre ad essere brava, e qui si meriterebbe una sincera lode per la prova pienamente superata, è sempre dannatamente bella.

Mad Max Fury Road è un film che parla di un mondo legato al fanatismo, dove l’acqua ed il petrolio sono risorse ormai esaurite ed i rimandi alla realtà di oggi sono molti e da tenere in grande considerazione, qui vi è un allegoria di quello che è il nostro mondo, o di quello che probabilmente diverrà, ma ciò, al di là della sfumatura socio-politica di considerevole rilievo, resta sopratutto un lavoro legato alla femminilità, perché Tom Hardy non è mai padrone di una scena, ad eccezione del finale e delle prime sequenze, e viene costantemente sminuito da Furiosa, non in modo dispregiativo, tenete a mente, ma resta comunque un piccolo umano dinnanzi alla potenza 1431383413_mad-max-fury-road-trailer_100494094_htitanica della comprimaria quando ella appare sul grande schermo.

Il mondo di Miller è marcio, povero e folle, dove non è possibile lasciarsi andare ai sentimenti o nei dolori degli altri, non vi è compassione, né umanità, è un universo ricco di disagio, orrore e morte, vista attraverso gli occhi di un regista che a 70 anni ha la voglia di una giovane promessa nel mostrare il proprio potenziale e talento. Raramente ci troviamo davanti a cineasti che ad una certa età vogliono mettersi in gioco come da giovani, magari un giorno ti ritrovi tra le fila uno Scorsese che dirige DiCaprio ne Il Lupo di Wall Street, in un altro trovi un Eastwood od un Woody Allen che continuano a sfornare lavori carichi di quella voglia di Cinema che nemmeno i nuovi talenti hanno, ma oggi quel che si ha tra le mani è un George Miller che sembra volerci dire che finalmente ha realizzato un sogno, ha preso il suo gioiello degli anni ‘80, quello che fu il suo esordio visivamente potente all’epoca e l’ha distrutto per creare un lungometraggio ancora più devastante, esplosivo e ricco di adrenalina, capace di rompere gli schemi visivi degli ultimi anni, saperli rinnovare e donare alla settima arte un nuovo modo di realizzare pellicole di azione. Anche questa nuova avventura del film-maker australiano detterà FURY ROADlegge negli anni avvenire, perché ogni inquadratura è studiata a puntino e si rivela visivamente dotata di una bellezza drammaticamente immortale, Fury Road saprà essere un punto di riferimento per le nuove produzione, c’è da scommetterci.


Tecnicamente il film, aiutato da un montaggio certosino, è eccellente, esso non è altro che un lungo inseguimento sulle dune di un deserto luminoso e capace di offrire sequenze spettacolari, come quella della tempesta di sabbia, sia nelle ore notturne che diurne, sempre ritratto con una padronanza della macchina da presa invidiabile ed incapace di scendere di tono persino negli attimi più rocamboleschi. Scene di guerra, combattimenti, inseguimenti ad alta velocità e quant’altro richiami il genere action, qui vengono tutte servite su un piatto d’oro, realizzate con una eleganza estetica e visiva senza pari, che raramente si è vista negli ultimi 20 anni di Cinema, condite da una colonna sonora accattivante, effetti speciali al passo con i tempi e da un reparto scenografico ispirato.

Mad Max : Fury Road è nel suo genere un capolavoro, una miscela micidiale di genio e creatività, una pellicola importante e rivoluzionaria, capace di prendere il meglio del cinema degli ultimi decenni, annientarlo e riprodurlo sotto una nuova luce, una nuova potenza visiva capace di mettere in ombra una qualsiasi altra produzione recente. Equilibrato nella sua follia, profondo e intriso di tematiche importanti e delicate, critico verso un determinato tipo di atteggiamento, religione e società, la pellicola di Miller è una luce in un mare di tenebra, un barlume di bellezza accompagnato dai rombi dei motori e dalle esplosioni che prendono animo nella sala come mai prima d’ora è accaduto. E’ un progetto immenso, curato sotto ogni dettaglio, devastante, ma con i piedi per terra, privo mad-max-fury-roaddi quelle iperboli roboanti diventate purtroppo sempre più presenti nei film di questo stampo.

Il cast, per quanto ben assortito, dove tra le cui fila si scorge una affascinante quarantenne Megan Gale e Rosie Huntington-Whiteley, la co-protagonista del controverso e “misogino” Transfomers 4 diretto da Michael Bay, viene costantemente sminuito dalla performance di Charlize Theron, che cattura l’attenzione dello spettatore e buca costantemente lo schermo, una gioia per gli occhi e la mente la sua Imperatrice Furiosa,non vi sono altre parole per descriverla meglio. E’ strano pensare che tra tutti i personaggi sia proprio Max, il protagonista, ad essere quello di minor interesse, non, però, a causa della prova di Tom Hardy, al quale va dato atto di non aver fatto, intelligentemente, una copia o una imitazione di quello interpretato da Mel Gibson, ma di essersi ritagliato un “inedito” antieroe pienamente nelle sue corde. Questi è un attore che continua a dimostrare la propria bravura ed impegno sul set, ma per la suamax2 poco incisiva profondità (o originalità) stavolta Max Rockatansky non riesce ad emergere appieno rispetto alla personalità di altri inediti comprimari proposti sullo schermo, sempre motivati o spronati dalle circostanze, sia tra le fila dei buoni che dei cattivi.

Stiamo parlando di un’opera che sarà destinata a fare Storia. Mad Max : Fury Road è uno dei migliori film dell’anno, ed in questi 365 giorni del 2015 il Cinema sta regalando molte soddisfazioni e perle di cui dobbiamo tener conto; quello che abbiamo tra le mani è forse il primo pezzo di una nuova trilogia, capace di mandare un messaggio forte anche a coloro i quali vorranno imitarla o omaggiarla, che si apre con il volto di Max e si chiude, come era doveroso fare, con il viso di Furiosa. Giù il cappello e lunga vita al maestro George Miller, il lavoro fatto è da lode! 

Review Date
Reviewed Item
Mad Max Fury Road, Tom Hardy, Charlize Theron,
Author Rating
51star1star1star1star1star
Show Full Content

About Author View Posts

Claudio Fedele
Claudio Fedele

Nato il 6 Febbraio 1993, residente a Livorno. Appassionato di Libri, Videogiochi, Arte e Film. Sostenitore del progetto Uninfonews e gran seguace della corrente dedita al Bunburysmo. Amante della buona musica e finto conoscitore di dipinti Pre-Raffaelliti.
Grande fan di: Stephen King, J.R.R. Tolkien, Wu Ming, J.K. Rowling, Charles Dickens e Peter Jackson.

Previous OGGI, CINEMA IN GOLDONETTA – Proiezione di ‘Niente puo’ fermarci’ di Luigi Cecinelli
Next Il Punto – la settimana in breve

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Emergenza Covid: e se fosse già finita?

29 Luglio 2021
Close