1 Dicembre 2020

Recensione di Io Sono Morto 

di Vera Q.


io sono mortoDopo La scatola dei Cioccolatini di Silvia… (e di altre crudeltà) e 2017 A.D. Vera Q. decide di scrivere un nuovo racconto, facendosi ancora una volta (piccola) icona di quel mondo legato all’editoria indie, dove, al cui interno, dimostra di saper regalare lavori di spessore. Io Sono Morto, pubblicato il 1° Luglio 2013 su Amazon (dove è possibile acquistarlo!) si presenta al lettore solo in  Ebook. Con questo articolo Uninfonews.it si prende “il disturbo” di recensire un libro nato dalla mente di una artista emergente e se anche voi lettori siete curiosi di leggere cosa ne pensiamo di Io sono Morto non vi resta che continuare la lettura!

Il nuovo racconto di Vera Q. è un thriller surreale (ambientato in Italia), una commedia nera che inizia dalla “fine”.PierPaolo Fabbris, imprenditore cinquantenne, muore stroncato da un infarto e scoprirà, a sue spese, quanto può essere complicata la vita dopo il trapasso: certezze che si dissolvono per lasciare spazio a nuove strampalate realtà.Fede, superstizione, Dei e Demoni, una giostra multicolore nel tetro Luna Park della Morte, nel quale vittime e carnefici si contendono l’ambito scettro del potere.Un viaggio insolito, morboso e singolare all’insegna del paradosso.

Vera, questa volta, decide di realizzare un manoscritto che si interroga sulla morte e su cosa l’uomo possa trovare al di là della vita; un tema, come è possibile immaginare, preso continuamente in considerazione dall’essere umano nei secoli scorsi e al quale si è sempre cercato di dare una risposta, attraverso la fede, la scienza o la scrittura ed a cui mai si è giunti ad una concreta conclusione unanime. In Io Sono Morto si prova ad amalgamare più generi letterari realizzando un prodotto capace di trattare con genialità ed originalità una serie di argomenti delicati come l’esistenza, la teologia e la psiche umana senza mai cadere nel banale. L’opera riesce ad evitare tutta una serie di stereotipi letterari puntando il tutto sulla caratterizzazione dei personaggi e delle divinità che vengono presentati in modo (quasi) inedito, ma sempre chiaro e definito. Dunque non bisogna meravigliarsi, se durante la lettura, la figura di Dio e di Satana riusciranno ad accendere qualche risata o sorriso sul volto del lettore a causa dei loro battibecchi. L’autrice, infatti, mette in scena un faccia a faccia tra il protagonista ateo, o per meglio dire il suo spettro, e gli Dei, qui rappresentati con una vena decadente. Il racconto va oltre le apparenze e la storia in sé per sé, tanto che arriva a toccare alcune particolari tematiche teologiche quali la creazione di Dio. Appare ben chiara, in questo modo, la visione che Vera Q. vuole proporre al lettore attraverso la quale, senza cadere mai nella polemica o nella critica verso le tradizioni dei vari popoli, offre il suo punto di vista; ovvero che il Paradiso, come l’Inferno esistono in quanto siamo noi creature mortali, con i nostri pensieri e le nostre paure, a renderli reali. Un altro aspetto che ha colpito è stato quello di umanizzare ogni essere immortale, instaurando anche una sorta di gerarchia divina e mostrando, ad esempio, un Lucifero particolarmente appassionato di film Horror; vi è dunque un rovesciamento di personalità all’interno della vicenda, sempre condita da una forte sfumatura di Humour ed ironia che si riallaccia alla commedia (nera) non solo moderna, ma anche classica, rispettandone le regole e senza mai essere sopra le righe. Lo stile è scorrevole e il libro di legge tutto d’un fiato, complice la sua concisione (sono a malapena poco più di cento pagine!).

Abbiamo, tuttavia, riscontrato una narrazione, in alcuni momenti, un po’ macchinosa, specialmente quando viene cambiato il punto di vista narrativo, che si alterna tra PierPaolo e Dio. Vero fiore all’occhiello, nonché caratterizzato da un grande colpo di scena, è il finale, che non vi sveleremo per ovvi motivi, ma che lascerà di stucco molti di voi. Se, di fatto, Io sono Morto poteva apparire in alcuni momenti assurdo e al limite del reale, nelle ultime pagine ogni cosa che è stata narrata viene letteralmente stravolta, rivelando così una concezione dell’esistenza umana pessimista e nichilista.

 goya_sleepVera Q. conferma quanto di già buono era stato fatto con i due precedenti capitoli, non vergognandosi di narrare una storia tanto bella ed intrigante quanto crudele e surreale, inserendovi citazioni da vera fanatica del cinema Horror e lettrice di storie di paura alla King. Un prodotto, Io sono morto, che promuoviamo senza alcuna incertezza o ripensamento e che allo stesso tempo, in cuor nostro, vogliamo rappresenti non un punto di arrivo, ma l’inizio di una carriere che speriamo possa regalare altre belle storie, magari anche più corpose dato che leggere un libro dovrebbe rimanere sempre un piacere se quel che vi è scritto all’interno è interessante, come per questa occasione. Sappiamo che questo è il terzo racconto dell’autrice, la quale dimostra già adesso di possedere un’ottimo stile e di saper ben mischiare tradizione, passato, presente, serietà ed ironia; ci auguriamo che i suoi lavori possano trovare presto un editore così che suoi futuri romanzi siano negli scaffali delle librerie. Se così non fosse, confidiamo comunque nella vena creativa di quest’ultima, perché è bene che tali storie non cessino mai di esistere “nel tempo”.

Claudio Fedele


 

Show Full Content

About Author View Posts

Claudio Fedele
Claudio Fedele

Nato il 6 Febbraio 1993, residente a Livorno. Appassionato di Libri, Videogiochi, Arte e Film. Sostenitore del progetto Uninfonews e gran seguace della corrente dedita al Bunburysmo. Amante della buona musica e finto conoscitore di dipinti Pre-Raffaelliti.
Grande fan di: Stephen King, J.R.R. Tolkien, Wu Ming, J.K. Rowling, Charles Dickens e Peter Jackson.

Previous Deutschland über alles
Next Recensione di “Colpa delle stelle”

1 thought on “Recensione di Io Sono Morto di Vera Q.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Adìos, Carlos Ruiz Zafòn: i tuoi libri non verranno mai dimenticati

22 Giugno 2020
Close