20 Gennaio 2022

Giovedì 15 Dicembre, ore 21 al Teatro Goldoni
Grande apertura della Stagione di Danza
con il Balletto di Mosca “La Classique” in
“Lo Schiaccianoci” di Čajkovskij

LIVORNO – Grande apertura della Stagione di danza al Teatro Goldoni di Livorno con il balletto natalizio per eccellenza, tra i più famosi e amati al mondo: Lo Schiaccianoci di Pëtr Il’ič Čajkovskij.

Questo capolavoro dell’arte coreutica dell’Ottocento, presentato da Giannelli Eventi Danza, andrà in scena giovedì 15 Dicembre, alle ore 21 nell’allestimento del Balletto di Mosca “La Classique”, considerata in Italia tra le migliori compagnie classiche. Le coreografie saranno quelle mitiche di Marius Petipa, Maestro di danza e coreografo dei Teatri Imperiali Russi a San Pietroburgo per tutta la fine ‘800: nello scrivere il libretto, Petipa si lasciò ispirare dal racconto di E.T.A. Hoffmann, precursore del Romanticismo, “Lo Schiaccianoci e il Re dei Topi”, nella versione rivista da Alexandre Dumas “Storia di uno schiaccianoci” adattata per i bambini. Composto da Čajkovskij tra il 1891 e il 1892, il balletto ha le atmosfere oniriche tipiche della favola, con celebri passaggi come la “Danza Russa”, emblema della tradizione russa nello spettacolo sia per i costumi utilizzati che per le sonorità scelte, il “Valzer dei Fiori” e la “Danza dei Fiocchi di Neve”.


lo-schiaccianoci-foto-1Una storia fantastica che trova nella partitura di Čajkovskij una composizione coreutica assolutamente armonica e godibile per un pubblico di tutte le età, grazie ai vivaci balli, le deliziose caratterizzazioni delle bambole meccaniche, la battaglia per giocattoli tra i topi e i soldati e con l’atteso il lieto fine, reso sublime dalla grazia e dal virtuosismo del grand pas de deux summa dell’arte e del talento dei solisti che vi si esibiscono.

La versione del Balletto di Mosca “La Classique”, dal nome stesso della compagnia, predilige una ricostruzione fedele al balletto originale, emblema della tradizione ballettistica russa. La compagnia, che da 25 anni compie regolarmente tournée nei più importanti teatri europei ed italiani, vanta un pubblico affezionato e fedele e si pone come un baluardo della secolare tradizione della danse d’école, liberandola però dai ridondanti formalismi per riproporla rinnovata e adatta al pubblico odierno.

Con lo scopo di restituire lo splendore delle coreografie originarie e la veste tradizionale de Lo Schiaccianoci, i solisti del Balletto, giovani talenti dalla migliore accademie di Mosca e San Pietroburgo, ricalcheranno esattamente i passi e i virtuosismi del coreografo. I costumi di Elik Melikov e le scenografie di Evgeny Gurenko, carichi di ornamenti e decorazioni che restituiranno anche visivamente i colori e le emozioni della favola, sono stati completamente rinnovati rispetto agli allestimenti degli anni passati.

Rivivrà così ancora una volta sul palcoscenico la favola romantica della piccola Clara, figlia del benestante borgomastro di Norimberga e del suo adorato Schiaccianoci, un coloratissimo soldatino di legno regalatole alla vigilia di Natale dal misterioso signor Drosselmeyer, un po’ mago e un po’ precettore. Un giocattolo prezioso che proprio durante la notte di Natale trasformatosi in un coraggioso Principe, conduce in sogno la bambina nel magico regno della Fata Confetto dove ingaggia una battaglia avventurosa contro il Re dei Topi e dalle sue orribili schiere di soldati. In un tripudio di musica e danze popolari, la storia si conclude con il risveglio di Clara che si ritrova tra le braccia lo Schiaccianoci giocattolo.


La biglietteria del Teatro Goldoni è aperta il martedì e giovedì con orario 10-13, il mercoledì, venerdì e sabato ore 17-20. Nei giorni di rappresentazione sarà aperta a partire da due ore prima dell’orario di spettacolo.

Prevendite: nei negozi del circuito regionale Box Office (compreso il Chiosco Livorno del Centro Commerciale “Le Fonti del Corallo” e tutti i supermercati Coop inseriti nel circuito) o tramite internet collegandosi al sito www.goldoniteatro.it


Show Full Content
Previous IL SOLITO TEATRINO
Next Il concerto di Alessandro Riccardi a Guardistallo, tra le note di Liszt e Chopin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Spider-Man: No Way Home – Recensione

17 Dicembre 2021
Close