I Ringraziamenti di Uni Info News!

Giulia - 23 Aprile 2014

10 cose che tutti dovrebbero sapere sul Ramadan

Giulia - 23 Aprile 2014

Writers Wednesday -Dodici

Giulia - 23 Aprile 2014
Share

Qui su Uni Info News, il mercoledì è dedicato agli scrittori: con cadenza settimanale, verranno pubblicati racconti e poesie di giovani autori da tutta Italia, selezionati dalla nostra redazione!

Scrivi poesie o racconti? Hai un romanzo nel cassetto? Contattaci all’indirizzo giulia.pedonese@uninfonews.it ricevi un feedback dalla redazione e pubblica con noi!

Oggi vi presento Filippo Puddu, che, con un racconto intensissimo ci porta alle radici della famiglia e del rapporto tra l’uomo e la sua terra, in un viaggio ai confini del sovrannaturale. Buona lettura!

Dodici

di Filippo Puddu

 

Le urla della mamma sono assordanti, come sempre. Babbo la batte tanto forte che i colpi rimbombano nel vuoto della stanza. Non voglio sentire. Mi premo forte il cuscino sulle orecchie, ma è tutto inutile. Lui non grida, non lo fa mai. Mio padre è quello che la gente considera una brava persona: è un lavoratore onesto, non beve, non fuma, la domenica mattina va in chiesa, la notte si diverte a picchiare la mamma. Non ce la faccio più. Un tempo ho provato a cantare, prima di addormentarmi, cercando di coprire il suono delle botte. Non è servito e ho smesso.
Soffoco; apro la finestra. La leggera brezza mitiga il caldo estivo. Ma sento ancora la sofferenza della mamma; è insopportabile.
Vivere in campagna non mi piace. Magari, se fossimo in città, babbo non la picchierebbe; o, forse, lo farebbe più piano. Mi avvicino al letto e raggruppo i pupazzi sotto il lenzuolo: chi sa se capirà che me ne sono andata. Non mi interessa. Scavalco la finestra; mi volto solo un attimo per vedere la sagoma sotto le coperte, illuminata a stento dal chiarore della luna. Mi metto a correre scalza e in vestaglia sull’erba; non mi fermerò finché avrò fiato.
Scappo da quell’inferno, scappo da quelle urla, scappo da quel dolore. Il frutteto mi accoglie tra le sue braccia: mi nasconde e mi protegge. Scendo per la valle e sono sempre più lontana da casa. Poi lo raggiungo: l’olivo sorge solitario in un avvallamento, circondato da erbe selvatiche, margherite e grilli chiassosi. Sospiro; lo abbraccio.

***

Sogno di quando saremo libere, io e la mamma; viaggio nella notte sperando che la fantasia si trasformi in realtà. Lei mi rimbocca le coperte e mi dà un bacio sulla guancia.
Ti voglio bene tesoro, mi dice. Le sorrido, serena sotto il tepore delle lenzuola. Poi si allontana, fa una carezza a mio padre e lui prende il suo posto.
Ti va che ti racconti una favola? Mi chiede.
Grazie babbo, oggi però il principe azzurro lo fai tu.
Mi addormento cullata dal suono della sua voce, roca e calorosa. Il profumo del dopobarba mi accompagna per tutta la notte, mi avvolge nel sonno e mi protegge.
Ma a circondarmi in realtà è il forte odore delle margherite, che presto si confonde con una penetrante puzza di fumo. I fiori iniziano a bruciare. Tutto prende fuoco. Brucio io e brucia il sogno, mio padre, mia madre, la casa e la campagna. Bruciano anche le fronde dell’olivo.
Mi sveglio madida di sudore, il sole del mattino mi acceca; mi sollevo sulle ginocchia. Osservo la pianta magra e forte.
Grazie, le dico; e non potrei aggiungere altro. Allungo la mano e colgo un bocciolo, lo stringo al petto. Mi pulisco la vestaglia. Non voglio più tornare a casa. Sento una macchina passare. Allora mi affretto, finché non raggiungo il ciglio di una stradina stretta e deserta. Mi siedo e attendo.

Arriva prima il rombo del motore, poi vedo la polvere e infine l’auto. È nera e occupa quasi tutta la carreggiata. Mi alzo e quella rallenta. Mi affianca; il finestrino si abbassa e mi si presenta un vecchio con il volto nascosto da spessi occhiali da sole.
Ti sei persa, piccolina?
Devo avere un’aria trasandata, cerco di darmi una sistemata ma non rispondo. Non saprei che dire. Lui alza gli occhiali e mostra freddi occhi grigi.
Vai a fare colazione in città?
Sì, rispondo, ecco vado in città. Può darmi un passaggio, gentile signore?
L’auto sa di pelle e tabacco, eppure gli odori non son forti ma accoglienti e piacevoli. L’uomo mi ha detto di mettermi la cintura, per stare sicura. Io gli ho dato retta. Ha la voce da fumatore, mi ricorda quella di nonno. Mi rasserena, e non posso fare a meno di ascoltarlo mentre mi dice: non esiste momento migliore, nella vita intera di un uomo, che quello passato nella tranquillità della natura; sai, quand’ero bambino spesso scappavo da casa e camminavo per tutta la notte; tra l’erba alta e odorosa mi sentivo libero. Ah, quanto vorrei tornare a quei tempi, quanta spensieratezza. Ero piccolo sai? Forse quanto te… quanti anni hai, a proposito?
Dodici, gli rispondo.
Dodici son gli apostoli, dodici le costellazioni e dodici le vite che vivremo prima di tornare al creatore. Stai vivendo l’età benedetta.
Io sorrido, è più forte di me. Dovrei vergognarmi, lo so. Il riflesso del mio volto, sporcato da macchiette verdi, è quel che vedo fissando il finestrino. Ma se lui non gli dà peso, perché dovrei farlo io? Lo sguardo allora si spinge oltre il vetro: sui frutteti che colorano la mattina; sui greggi che pascolano disordinati; sugli uomini forti che già lavorano i campi.
Ma non vedo la città, né il suo campanile. Sono sicura che dovrei scorgerla, me lo ricordo bene il colpo d’occhio dei tetti rossi lontani a valle. Invece il paesaggio non cambia come dovrebbe, ma torna a essere familiare, fin troppo.
Il cancello del giardino è aperto. Il vecchio mi ha riportato a casa.
Allunga la mano e mi accarezza la nuca, mi parla.
Tuo padre era molto spaventato stamattina. È una brava persona, non portargli dispiacere. Va bene, piccolina?
Lui è là, fuori dall’ingresso, braccia conserte. Sorride, sembra tranquillo. Eppure io lo so, stanotte verrà il mio turno.
Stringe forte la mano del vecchio, ma i suoi occhi freddi sono rivolti su di me.
Grazie commissario, io e mia moglie eravamo terrorizzati.

***

Non ti permetterò di farlo!
Taci, donna.
Tremo sotto il lenzuolo. La chiave della camera non c’è più, non ho difese, non posso più scappare. Lo schiaffo che babbo rifila alla mamma riecheggia forte nel corridoio. È qui.
Entra sbattendo l’uscio. Sobbalzo mettendomi seduta. Lui getta una grossa valigia aperta sul letto. Mi minaccia.
Hai finito di rovinarci la vita, solo il convento ti può salvare!
Guardo disperatamente la mamma, è accovacciata a terra e non solleva lo sguardo. Lui apre i cassetti dell’armadio e getta tutta la roba alla rinfusa. Quando si scoccia, chiude con uno scatto la valigia. Mi getta una maglia in faccia.
Vèstiti.

La macchina corre forte sullo sterrato. Posso vedere la polvere che ci lasciamo dietro. Non piango e non sono nemmeno triste. Non so come stare, né cosa pensare. Guardo senza interesse sempre lo stesso panorama. Forse adesso in città ci arrivo per davvero. Babbo non parla; stringe forte il volante, tanto che le nocche sono completamente bianche. Poi arriva il primo colpo. Mi dà una manata sulla testa; non me l’aspettavo e sbatto contro lo sportello. Sono senza cintura.
Adesso mi avete davvero rotto i coglioni!
Urla. Forse è la prima volta che lo sento gridare e dire parolacce.
Tu e quella zoccola di tua madre. Goditi il viaggio, perché non vedrai più la luce del sole.
Mi batte di nuovo.
Lasciami stare!
Non ti azzardare a fiatare!
Mi colpisce ancora e ancora.
Guarda la strada!
Sbanda e riprende il controllo. Io mi copro la faccia, ma lo vedo. Ha gli occhi lucidi.
Perché piangi, babbo?
Si volta verso di me, accelera. Non dovrebbe.
Dio mi perdoni per averti messo al mondo.
Fermati babbo, ora! Frena!

***

E ancora mi ritrovo qui, nel cuore di una notte d’estate. La brezza mi dà sollievo, muove i miei capelli, liberi al vento come le fronde dell’olivo. Eccoci di nuovo soli, noi due. Abbraccio il fusto. La sua forza mi tranquillizza ora come sempre. Mi siedo ai suoi piedi, tra margherite e grilli. Le mani affondano nell’erba fresca. Guardo la luna: piena, chiara, luminosa, amica. Da qui riesco a vedere tutto. Attorno a me non ci sono più i monti che mi coprono la vista, ma paesi, stati, persone, animali e cose. Questo è il mio posto, qui posso viaggiare e scappare da tutto. Fuggire da quella casa, da mio padre e sì, anche da mia madre. Non tornerò più da loro, mai più. Sopra le radici dell’olivo posso dormire, posso sognare e vivere davvero per la prima volta. Adesso ho uno scopo.
Dodici anni, dodici apostoli, dodici costellazioni, dodici vite.
Sorrido al ricordo del commissario. Ogni tanto mi capita di ripensare a quella mattina, a cosa sarebbe successo se non mi avessero ritrovata. Ora so cosa passava nella testa di mio padre in quei momenti: fu colto dalla paura che diventassi come lui. Ma ancora stento a capire perché, da quell’ammasso di lamiere, ne uscì vivo solo uno di noi.
Quando sento la macchina, saluto l’albero con un’ultima carezza e mi allontano. Salgo agile tra la roccia e il sentiero tracciato dalle capre. Arrivo sul ciglio della strada appena in tempo per scorgere la luce dei fari. Mi vedono, inchiodano. Esce un ragazzo, è alto e barcolla; lo segue la ragazza. È lei a parlare.
Bambina, stai bene? Ti sei persa?
Mi date un passaggio?
Vai in città?
Annuisco. Lei invece guarda diffidente il suo compagno; in un attimo di esitazione si morde il labbro. Ma poi si decide.
Sali allora.
Lui non è d’accordo: ma che cazzo me ne frega a me di ‘sta qua!
Strascica le parole, rutta. Rientra in macchina e sbatte la portiera.
Lascialo perdere, ha bevuto un po’. Mi dice lei, mentre mi fa salire dietro.
L’auto va; litigano e lui a stento guarda la strada buia.
Sta’ zitta!
Le urla, mentre le dà una manata.
Sei uno stronzo!
Buona samaritana dei miei coglioni.
Ma non lo vedi che è una bambina? Coglione!
Ci poteva pensare il padre.
Lui ci ha già pensato, gli dico.
Ma a te chi ti ha chiesto niente? Ne vuoi anche tu?
Lei mi difende, urla: sei un animale!
Continuano a gridare e a non capire; lui a stento riesce a tenere la strada. Mi dispiace per la ragazza, vorrei spiegarle tutto; ma ormai non c’è più tempo. Devo agire.
Manuel devi stare attento. Gli dico.
Manuel… come fai a sapere il mio nome?
Sei troppo veloce, rallenta.
Fanculo, mocciosa! So guidare.
Arianna, ferma il tuo ragazzo!
Lei si gira, mi guarda e impallidisce.
La macchina sbanda.
Frena!
Glielo ordino, ma non capiscono.
Frena che qui sono morta io!

 

Photo by Giacomo Morelli

Photo by Giacomo Morelli

Hai apprezzato la lettura? Invia un commento all’autore!

 

Filippo 01 Filippo Puddu nasce a Terralba nel 1990. Studia Beni Culturali all’università di Cagliari. È cresciuto dando calci al pallone ma è finito per essere circondato da montagne di libri. Ama leggere e spazia dai Wu Ming a Stephen King.