18 Gennaio 2020

Buonanno

Gianluca Buonanno ha esagerato, o forse ha voluto superare se stesso. Abbiamo superato da qualche mese l’episodio poco noto in cui cercò provocatoriamente di entrare nel Palazzo di Giustizia di Torino con il burqa, nel Dicembre appena passato, dicendo poi “non mi hanno fatto entrare col burqa. Mi chiedo allora perché in città dovremmo permetterlo”; cinque giorni fa, invece, in Parlamento durante il “Question Time” con il ministro del Lavoro Enrico Giovannini, si è dipinto la faccia col cerone nero accomagnando il gestocon questa simpatica frase: “I nostri cittadini dovrebbero dipingersi di nero per avere diritti a aiuto. Agli italiani dico: truccatevi di nero e andate in giro a dire che anche voi volete gli aiuti che si danno ai rifugiati, a gente che non ha mai lavorato”. La frase, beh, non era proprio questa, piuttosto era un discorso un po’ sconnesso che subito Giovannini si è apprestato ad interrompere; quanto può essere credibile un uomo che non riesce a mettere insieme un discorso senza errori e che fa uso spesso di termini estremamente volgari nei suoi soliti discorsi razzisti od omofobi (ricordare quando definì il Sel come un partito di sodomiti)?

 Burqa

Poco più tardi arriva, in trasmissione Agorà, un “rinforzo” da parte di Jole Santelli (Forza Italia): “I neri sono fortunati, non si devono truccare”; insomma, non bastava un parlamentare in vena di travestimenti, ma anche l’altro partito ha voluto, in qualche modo, appoggiare la dichiarazione con una “battutina” (pressoché squallida, per i miei gusti). Per Cècile Kyenge la Lega ha passato il limite: “Bisogna chiamare le cose con il proprio nome” spiega la ministra ” questo è razzismo” e, rivolgendosi a Maroni, ha affermato che si “è perso un’occasione per cambiare il proprio partito”. E’ effettivamente oltraggioso che un deputato ricorra a scenate del genere senza tener conto del suo ruolo: un politico dovrebbe predicare sempre per una pacifica convivenza e dare il buon esempio al Paese; da quel che risulta Buonanno non ha mai proposto soluzioni costruttive per i problemi che “denuncia”, si limita, come stavolta, ad anticipare il Carnevale ed a fare dichiarazioni ben poco decorose, cercando di mostrarsi come “il vendicatore del popolo”, fermentando l’odio xenofobo che molti italiani hanno tragicamente sviluppato negli ultimi tempi.


Show Full Content

About Author View Posts

Sveva Balzini
Sveva Balzini

Come comincio? Effettivamente scrivere una biografia, anche piccola, è impegnativo. Insomma, che si deve dire di preciso di noi stessi? E' un po' come il blocco dello scrittore, solo che a me è venuto già all'inizio di questo scritto. Ah, già, qualcosa c'è. Sono una studente classe '99, con molti interessi: politica, cultura, società, storia... Adoro scrivere, ma questo sicuramente lo avete capito. Se no non sarei qui ad "allietarvi". O no?

Previous Livorno: un diecino come non lo avete mai visto, pesce fresco e pizza a soli 10€.
Next “Don Giovanni e Faust”: la festa dell’arte

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

L’ospite indesiderato – Le storie brevi di Uni Info News

16 Settembre 2019
Close