Che sia ROSA, che sia NERO

La Redazione - 6 Gennaio 2017

“Ciò che inferno non è” – Alessandro D’Avenia e l’educazione

La Redazione - 6 Gennaio 2017

Goldoni, una commedia per il 2017: A. FINOCCHIARO in Calendar Girls

La Redazione - 6 Gennaio 2017
Share

Sabato 7 e Domenica 8 gennaio, ore 21 al Teatro Goldoni
per la Stagione di prosa Angela Finocchiaro e Laura Curino in
CALENDAR GIRLS 

LIVORNO – Dopo lo straordinario successo ottenuto con la sua prima stagione record nei teatri italiani (108 repliche in 5 mesi con più di 72.000 spettatori), arriva al Teatro Goldoni di Livorno per la stagione di prosa la commedia brillante Calendar Girls di Tim Firth, tratta dall’omonimo film del 2004 con la regia di Nigel Cole, ormai un film di culto, molto amato in particolare dal pubblico femminile. Lo spettacolo teatrale, al pari del film, ha avuto grande fortuna in Inghilterra, dove è programmato ininterrottamente in diverse versioni dal 2008 ad oggi e sabato 7 e domenica 8 gennaio, con inizio sempre alle ore 21, andrà in scena nella traduzione e adattamento di Stefania Bertola con un cast artistico di altissimo livello quasi tutto al femminile, su cui spiccano Angela Finocchiaro, una delle attrici italiane più premiate dalla critica e amate dal pubblico, Laura Curino attrice, regista e drammaturga teatrale protagonista da oltre trenta anni sui palcoscenici italiani, e la regista Cristina Pezzoli, tra le firme più attente e sensibili del teatro italiano.

angela-finocchiaro-in-calendar-girl-foto-4Commedia ricca di sensibilità, Calendar Girls riesce a coniugare, con notevole gusto e maestria, umorismo, lievità e dolore e narra la storia ispirata ad un fatto realmente accaduto, di un gruppo di donne fra i 50 e i 60 anni, componenti del Women’s Institute (nata nel 1915, oggi è la più grande organizzazione di volontariato delle donne nel Regno Unito). Quando muore di leucemia John il marito di una di loro, Annie (sulla scena Laura Curino), la sua migliore amica nonché in un certo senso la leader del gruppo Chris (Angela Finocchiaro), decide di attivare una raccolta fondi per l’ospedale dove John era ricoverato ma stanca di vecchie e fallimentari iniziative di beneficenza, convince le altre a posare nude per un calendario non convenzionale, in una location davvero particolare come la sala parrocchiale della chiesa. Con l’aiuto di un fotografo amatoriale realizzano così un calendario che le vede ritratte in normali attività domestiche, come preparare dolci e composizioni floreali, ma con un particolare non convenzionale: posano senza vestiti. L’iniziativa riscuote un successo tale da portarle alla ribalta non solo in Inghilterra, facendo volare le vendite del calendario alle stelle! L’improvvisa e inaspettata fama, tuttavia, metterà a dura prova le protagoniste.

A fianco delle due protagoniste, troviamo le “girls” Ariella Reggio, Carlina Torta, Matilde Facheris e Corinna Lo Castro: insieme sono tutte donne che, come annota Cristina Pezzoli, «allegramente e serenamente, anche se con il contributo di qualche giro di vodka, si spogliano per una buona causa, sì, ma anche per divertirsi, per riconoscersi ancora belle e seducenti, anche al di fuori dei rigidi canoni della perfezione e dell’eterna giovinezza. Con coraggio e ironia le Girls si offrono allo sguardo della macchina fotografica e del pubblico per dirci che le stagioni della vita possono continuare a sorprendere…». Completano il cast Elsa Bossi nei panni della direttrice bacchettona dell’associazione, Titino Carrara nel bellissimo personaggio di John, malato terminale che riesce sempre a scherzare su di sé e a sorridere fino alla fine, Marco Brinzi, il barelliere goffo che si trasforma in un fotografo di genio, e la smagliante Noemi Parroni impegnata virtuosisticamente con un poker di personaggi: la conferenziera noiosa, la nobildonna liftata, la giornalista col raffreddore allergico e l’estetista con retrogusto di escort.

La traduzione e l’adattamento dello spettacolo teatrale, che al pari del film ha avuto un enorme successo in Inghilterra, dove è programmato in diverse versioni dal 2008 ed è tuttora in scena, sono di Stefania Bertola; scene di Rinaldo Rinaldi, costumi di Nanà Cecchi, musiche originali di Riccardo Tesi (il noto compositore e organettista toscano di fama internazionale), produzione Agidi e Enfi Teatro.


Calendar Girls sostiene AIL – Associazione Italiana contro le Leucemie-Linfomi e Mieloma.


Biglietti ancora disponibili presso il botteghino del Goldoni (tel. 0586 204290) il martedì, giovedì e sabato ore 10 – 13, mercoledì ore 17 – 20 (venerdì 6 la biglietteria sarà chiusa); biglietti in vendita anche nei negozi del circuito regionale Box Office o collegandosi al sito www.boxol.it; prezzi da €15 a €30, giovani under 25 €12; tutte le informazioni su www.goldoniteatro.it