12 Dicembre 2019

La stagione 2019/20 del teatro Goldoni di Livorno si prospetta ricca di sorprese e di novità dalla lirica fino ai concerti. Dopo quasi due secoli torna sul palcoscenico labronico la celebre opera “Le nozze di Figaro”, fra gli appuntamenti più attesi dell’anno insieme alla “Tosca” pucciniana e a “Napoli Milionaria” per la nuova edizione di LTL Opera Studio. La prosa invece offre una varietà spettacoli che spaziano da temi mitologici con “Nel tempo degli dei” fino a reprise di testi teatrali della tradizione inglese con “Miss Marple: giochi di prestigio”, senza tralasciare toccanti storie d’amore con “The deep blue see”, con la bravissima Luisa Ranieri diretta dal marito Luca Zingaretti. Alessandro Baricco si esibirà invece con il suo testo più noto “Novecento”, per restituirne al pubblico la purezza originaria dopo più di venti anni di adattamenti teatrali e cinematografici. Infine, fra gli eventi da non perdere segnaliamo il grande ritorno del maestro Uto Ughi, acclamato artista mondiale, che tornerà a calcare la scena del Teatro Goldoni con un nuovo concerto di violino fuori abbonamento “Note d’Europa”. Non possiamo che consigliarvi di affrettarvi a prenotare i vostri biglietti per non perdervi nessun evento, di questa suggestiva e romantica stagione teatrale livornese.

Si segnalano, inoltre, come per l’anno scorso, particolari sconti per i giovani e per tutti coloro che sottoscriveranno un abbonamento entro il termine di Effetto Venezia (4 agosto 2019)

Il benvenuto e la presentazione del Direttore Generale della Fondazione Goldoni Marco Leone

Programmazione 19/20 Opera, Prosa, Concerti, Danza e Eventi

Abbonamenti e Club opera e Classica Goldoni

 

Show Full Content

About Author View Posts

Chiara Sabbatini
Chiara Sabbatini

Nata a Livorno il 25/09/1995 e laureata in Scienze dei Beni Culturali all'Università di Pisa. Coltivo da sempre una passione per l'arte e la letteratura, amo il cinema e il teatro e scrivo poesie nel tempo libero. Viaggiare mi affascina e non perdo occasione di ampliare i miei orizzonti. Fare del mio diletto, la giornalista, una professione, sarebbe un sogno che si avvera. Spero di appassionarvi con i miei articoli legati al campo dell'Arte e della Cultura.

Previous Toscana Pride, il “patrocinio” lo dà la comunità studentesca
Next SUMMER SCHOOL “STRANIERIO” – Intervista alla Dott.ssa Lo Giacco

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Il Rojava come la Polonia del 1939?

4 Novembre 2019
Close