27 Ottobre 2020

 

Socialismo:

1 Complesso di posizioni dottrinarie e di movimenti politici che, a partire dall’Ottocento, si sono proposti obiettivi di uguaglianza sociale | s. reale, la realizzazione del socialismo marxista, in partic. quello attuato nell’Unione Sovietica e in alcuni paesi dell’est europeo

2 Nei paesi occidentali, complesso dei movimenti e dei partiti che propugnano una politica di riforme e di giustizia sociale su basi parlamentari e democratiche

 

Tra l’Ottocento e il Novecento il Socialismo è stato un importantissimo punto di riferimento per la sinistra continentale europea, più moderato e meno traumatico rispetto al Comunismo e alternativo al Capitalismo-Liberale, ha rappresentato per anni quel tentativo progressista di attuare la “Giustizia Sociale” attraverso una equa ridistribuzione delle ricchezze prodotta da manovre economiche interventiste da parte dello Stato.

Terzo stato

In particolare dopo la II Guerra Mondiale il Socialismo divenne vero e proprio sinonimo di sinistra, questo sia per la sua diffusione, in Francia, in Spagna e in Germania i principali partiti progressisti furono dichiaratamente socialisti, sia per l’iniziale successo delle politiche macro-economiche Keynesiane, sia per la ricostituzione della “Seconda Internazionale”, organizzazione internazionale comprendente i rappresentanti di tutti i movimenti politici socialisti e finalizzata a creare una rete comune fra di essi; nel corso del tempo tuttavia, soprattutto dopo la metà degli anni ottanta, il socialismo e i suoi movimenti satelliti sono entrati in una crisi profonda dettata da alcune contraddizioni di fondo che, con il diffondersi della globalizzazione liberale, sono esplose recentemente in tutta la loro forza.


Internazionale socialista

L’incapacità di differenziarsi nettamente e chiaramente dai partiti di centro-destra in chiave economica, tutti i principali movimenti socialisti hanno oramai accettato il mercato “tradendo”  l’originario rifiuto alle logiche liberali, le politiche economiche tanto interventiste quanto controproducenti in grado di aumentare, come nel caso italiano, il Debito Pubblico oltre ogni limite ragionevole e, infine, l’emergere di un certo tipo di individualismo nelle società occidentali, posto concettualmente in antitesi a quell’idea di collettività socialista, hanno dato il via a tutta una serie di ripetute sconfitte di grosso calibro: il partito Social Democratico Tedesco non vince le elezioni federali dal 2002 , il PD in Italia non ha mai governato e la sinistra non vince veramente dal 1996, in Spagna i Socialisti sono di nuovo all’opposizione mentre in Francia Hollande vacilla sotto i colpi della crisi economica.

Proprio alla luce di quanto detto assume una importanza storica la decisione presa il 23 maggio precedente da esponenti tedeschi, francesi e italiani di uscire dalla “Seconda Internazionale” per costituire un nuovo soggetto politico, “L’Alleanza dei Progressisti”, nelle intenzioni aperto soprattutto ai movimenti dell’Europa Continentale e teso a ridar loro slancio e concretezza attraverso nuove soluzioni in linea coi tempi ma non per questo “meno”  di sinistra.

Occorre un netto ripensamento delle modalità attraverso cui la “Giustizia Sociale” può essere attuata, ad esempio rendendo conosciute a tutta la popolazione le logiche del mercato e il suo funzionamento per evitare situazioni simil-Parmalat, attraverso un potenziamento del merito e una distruzione dei vari monopoli ed oligopoli socio-economici presenti, con una riduzione degli sprechi statali e una agevolazione per i giovani desiderosi di costituire una impresa e via discorrendo.

Questo chiedono sempre di più larghe fasce della popolazione, strumenti in grado di rendere possibile un confronto a viso aperto col mondo, non aria fritta e concetti fumosi, tanto belli nella forma quanto astratti, quando non decisamente contro-producenti, nella sostanza.

La sinistra deve imparare una nuova lingua perché il socialismo non è più parlato dal mondo.

Socialismo

Show Full Content

About Author View Posts

Giulio Profeta
Giulio Profeta

Dottorando, abilitato alla professione forense, livornese.
Sono uno dei fondatori del progetto "Uni Info News", nonché attuale presidente dell'associazione; ho avuto l'idea di buttarmi in questa avventura per promuovere uno stile di vita attivo fra tanti miei coetanei, all'insegna del confronto come motore di crescita personale.

Previous Unione Europea: nascita, crisi e speranze di un ideale comune
Next True Detective 2×03 : Maybe Tomorrow

1 thought on “Il Socialismo non è più parlato dal mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Da Livorno doppio no al razzismo

15 Giugno 2020
Close