11 Agosto 2022

Il 23 Maggio si è svolta la manifestazione Amici in Bici – Tracce d’arte tra Medioevo e Rinascimento a Livorno, la prima iniziativa di questo genere curata e gestita dalla neo costituita sezione giovani degli Amici dei Musei e dei Monumenti Livornesi.

L’ideazione di questa attività culturale nasce dalla volontà di sensibilizzare la popolazione livornese – soprattutto i giovani – nei confronti del patrimonio storico-artistico della città, proponendo interessanti itinerari tra musei, monumenti ed opere d’arte, il tutto in sella della propria bicicletta. Un nuovo e innovativo modo di fare cultura, in maniera totalmente green e a impatto zero.


La bicicletta ci permetterà di vivere la città in modo divertente ed ecologico, regalandoci sguardi, scorci e visioni spesso sacrificate dalla frenesia dei mezzi a motore

così parla Jacopo Suggi, responsabile della sezione giovani. Una visita che, nonostante il maltempo di sabato, si è svolta regolarmente e con discreto successo e partecipazione.

I partecipanti di Amici in Bici e l'organizzatore
I partecipanti di Amici in Bici e l’organizzatore

Il primo appuntamento – nella speranza di organizzarne di successivi – era mirato alla scoperta di testimonianze artistiche di matrice medievale e rinascimentale, conservate in alcune delle più importanti sedi museali labroniche e accompagnate dalla critica di storici dell’arte del luogo.

Il tour è cominciato con la visita al Museo dell’Arciconfraternita di S. Giulia, in particolare nella sala degli arredi dove è conservato un affascinante dipinto raffigurante la santa e alcuni episodi della vita e del martirio, databile alla prima metà del XIV secolo e attribuito al Maestro di San Torpé. Un considerevole esemplare, se si pensa al fatto che è l’unica tavola agiografica giunta integra dei suoi episodi e conservata proprio a Livorno, città dove Santa Giulia è patrona.

Il giro culturale poi prevedeva la visione del dipinto “Cristo coronato di spine”, l’icona raffigurante il volto di Gesù durante il calvario, coronato di spine e grondante di sangue. Esemplare, anch’esso, unico e rilevante del noto pittore Beato Angelico, conservato nella Cappella del Santissimo Sacramento del Duomo di Livorno.

Il dipinto di Santa Giulia e gli episodi della vita e del martirio
Il dipinto di Santa Giulia e gli episodi della vita e del martirio

L’ultima tappa del ciclotour, invece, si è svolta al Museo Civico Giovanni Fattori, dove sono state esaminate e criticate le ultime tre opere: “Madonna col Bambino”, “Madonna dantesca” – opera del Maestro della Natività di Castello, nonché seguace di Filippo Lippi – e una “Crocifissione” (1461), splendida tela dipinta dal fiorentino Neri di Bicci, in stile tardogotico. Il restauro di quest’opera è stato possibile grazie al contributo degli Amici dei Musei e dei Monumenti Livornesi.

In Europa, itinerari del genere sono già in voga da tempo ed è interessante che anche Livorno stia cominciando a “stare al passo” con questo tipo di iniziative, proprio attraverso la volontà dei giovani.


Si cerca così di coinvolgere e attirare la cittadinanza a visitare, tra una pedalata e l’altra, le molte opere prestigiose e di indiscusso valore che la città labronica custodisce. Non dimentichiamoci che l’arte a Livorno è presente e questo è del tutto un piacevole modo per usufruirne.

 

Email: annalisa.castagnoli15@gmail.com

Show Full Content

About Author View Posts

Annalisa Castagnoli

Laureata in Storia dell'Arte Contemporanea (Università di Pisa) mi piace raccontare storie e scrivere le mie "impressioni" su tutto ciò che vedo o ascolto. I libri sono il mio rifugio sicuro, con loro mi sento sempre a casa!
Oltre a UIN collaboro anche per Exibart.

E-mail: annalisa.castagnoli15@gmail.com

Previous Il figlio di Saul. La relativizzazione del “male assoluto” della Shoah.
Next Intervista al futuro del centrodestra

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Preziosi vs Bocci – il reading musicale del Mascagni Festival che ha incantato il pubblico labronico

20 Luglio 2022
Close