13 Dicembre 2019

Ieri è stata presentata la nuova Ferrari con la quale Fernando Alonso e Kimi Raikkonen gareggeranno nel mondiale 2014. Il nome le è stato assegnato dai tifosi tramite un sondaggio effettuatosi sul sito internet della Scuderia Ferrari. Come si legge sul sito stesso, il nome indica per l’appunto l’anno di costruzione e la presenza del turbocompressore nel motopropulsore. Anche se il periodo di gestazione di una nuova Formula 1 è normalmente poco più di 12 mesi, questo progetto, identificato dal codice interno 665, ha mosso i suoi primi passi più di due anni fa. La stagione 2014 è infatti caratterizzata da una delle più importanti rivoluzioni tecniche nella storia della Formula 1, un cambiamento radicale che ha coinvolto tutti gli aspetti progettuali della nuova vettura. Per far fronte a questa sfida senza precedenti – che ha comportato, nel 2012, lo sviluppo simultaneo dei progetti di tre monoposto – la Scuderia si è affidata ai tecnici di maggior  esperienza , all’interno di una nuova struttura aziendale, che hanno seguito il progetto della nuova vettura nelle sue fasi iniziali.C_29_fotogallery_1003128__ImageGallery__imageGalleryItem_14_image

Di seguito analizziamo i dati tecnici della nuova monoposto e le sue peculiarità.

Per quanto riguarda il telaio vediamo come le sospensioni a tirante sia sul posteriore che sull’anteriore sono simili alla vettura dello scorso  anno ma a parte questo, è facile intuire come ci siano notevoli diversità dovute al cambio del regolamento. A causa delle novità  introdotte, vediamo come il musetto della vettura e lo stesso telaio siano stati abbassati per motivi di sicurezza. Venendo all’ala posteriore  notiamo come sia completamente diversa rispetto alle sue precedenti versioni in quanto sono sopravvenute tre importanti novità: corsa più  ampia del sistema DRS, minore profondità della stessa ala e rimozione del profilo alare inferiore (quest’ultima modifica in particolare ha obbligato i progettisti a realizzare una struttura centrale per sostenere l’ala).  Mentre l’ala anteriore, sempre a causa del regolamento, è stata ridotta di 75 millimetri su entrambi i lati per ridurre il rischio di collisioni.

I cambiamenti esterni sono evidenti ma, come sempre, quelli più importanti e più incisivi sono nascosti sotto la carrozzeria. Tra questi, la nuova vettura richiede un sistema di raffreddamento differente ed il radiatore è di dimensioni ridotte rispetto al passato grazie al motore termico V6. I progettisti hanno avuto anche il compito di prevedere l’intercooler per il nuovo sistema turbo compressore e di gestire lo smaltimento del calore delle componenti dell’ERS, dalle prestazioni molto superiori grazie al sistema di recupero dell’energia cinetica. Un altro difficile compito che ha impegnato i progettisti è stato quello di trovare il giusto compromesso tra il carico aerodinamico e il nuovo sistema di raffreddamento che sebbene sia migliore grava sulla stessa aerodinamicità.

Per quanto riguarda l’impianto frenante è stato completamente riprogettato: i cambiamenti posti in essere dal nuovo motore ERS hanno comportato una migliore capacità frenante sull’asse C_29_fotogallery_1003128__ImageGallery__imageGalleryItem_18_imageanteriore, inoltre la vettura godrà del sistema brike-by-wire ovvero un dispositivo che consentirà di ottimizzare la modulazione del pedale e il bilanciamento durante la frenata.

Il motopropulsore 2014 produrrà picchi di potenza superiori a quelli del propulsore 2013 così garantendo un valore di coppia superiore ad un numero di giri interiore. Sempre tra le novità del regolamento, quest’anno è stato imposto di fissare una scelta di soli otto rapporti da utilizzare per tutta la durata del campionato.

 

Dati tecnici 

– Telaio in materiale composito a nido d’ape con fibra di carbonio

– Cambio longitudinale Ferrari

– Differenziale autobloccante a controllo idraulico

– Comando semiautomatico sequenziale a controllo elettronico con cambiata veloce

– Numero di marce: 8 +Rm;

– Freni a disco autoventilanti in carbonio Brembo (ant. e post.) e sistema di controllo elettronico sui freni posteriori

– Sospensioni indipendenti a tirante e molla di torsione anteriore/posteriore

– Peso con acqua, olio e pilota: 691 kg++ F1: Alonso, squadra forte ma stagione parte da zero ++

– Ruote OZ (anteriori e posteriori): 13″

Motore

– Cilindrata: 1600 cc

– Giri massimi: 15’000

– Sovralimentazione Turbo singolo

– Portata benzina: 100 kg/hr max

– Quantità benzina: 100 kg

– Configurazione V6 90

– Nr. cilindri: 6

– Alesaggio: 80 mm

– Corsa: 53 mm

– Valvole: 4 per cilindro

– Iniezione: 500 bar – direct

– Unità per pilota: 5.C_29_fotogallery_1003128__ImageGallery__imageGalleryItem_20_image

 

 Sistema IBRIDO / ERS

– Energia batteria (a giro): 4 Mj

– Potenza MGU-K: 120 kW

– Giri max MGU-K: 50’000 rpm

– Giri max MGU-H: 125’000 rpm

Alessio Nicolosi

Show Full Content
Previous Prima amara per Mutti, Il Livorno non sa più vincere. Le pagelle di Livorno Novara.
Next La mostra della fotografa rivelazione Vivian Maier

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Witchtek, viaggio nel rave alla ex Trw di Livorno su cui è stato detto di tutto

5 Novembre 2019
Close