5 Dicembre 2021

“Frutta e verdura” dice l’insegna all’entrata, e invece è l’ingresso della Riuso Officina in via della Pina d’Oro nel quartiere Garibaldi di Livorno. All’interno un via vai di gente prende vestiti, oggettistica, mobili e libri usati, tutto a offerta libera

Una stanza della Riuso è predisposta per accogliere i bimbi del doposcuola, mentre la chiostrina è un vero e proprio laboratorio artistico allestito con piante, piccole opere e anche un tavolo pieno di stoffe e una macchina da cucire, attrezzi da lavoro per un richiedente asilo che qui continua la sua attività di sarto.

Mezclar22 – e la sua Riuso – è un’associazione nata nel 2017 con il progetto Pop Up Garibaldi, volto alla riqualificazione della zona; negli anni è rimasta attiva autonomamente, riuscendo tutt’oggi, nonostante il covid, a portare avanti i suoi progetti sociali.


La vicepresidente Giulia Tubino spiega che la Riuso sorge per sensibilizzare le persone al recupero delle cose, promuovendo un modello di sviluppo economico circolare opposto a quello capitalistico e consumistico.

Ma negli anni l’associazione è diventata un punto di riferimento per gli abitanti, e le sue attività si sono ampliate e differenziate: tra queste spiccano i progetti d’integrazione “Ri-conoscersi solidali” e appunto “La Brigata dei germogli- Doposcuola interculturale di quartiere ”, entrambi ancora in corso.

Per quanto riguarda il primo, alcuni richiedenti asilo danno supporto agli anziani del quartiere facendo loro la spesa e offrendo altri servizi di cortesia; l’obiettivo principale è quello di avvicinare due realtà diverse al fine di abbattere pregiudizi e diffidenza nei confronti dei migranti, soprattutto in un momento delicato come quello attuale.

Il Doposcuola gratuito invece è un progetto ormai consolidato, che si svolge quattro volte a settimana. Vi partecipano una ventina di bambini dai 6 ai 13 anni che vengono aiutati nel fare i compiti, così come vengono supportate le loro famiglie a livello linguistico e nelle mediazioni con le istituzioni.

Il quartiere multiculturale Garibaldi, uno dei più belli di Livorno ma ormai luogo di spaccio e degrado, è spesso oggetto di strumentalizzazioni politiche, tant’è che durante le campagne elettorali vi fioriscono comizi pubblici e temporanee sedi di partito; anche perchè gli abitanti sono stanchi della situazione ed è facile sfruttare politicamente il loro malcontento.

Affrontando il tema delle criticità della zona, Giulia mi dice che l’associazione è totalmente contraria alla sempre più frequente militarizzazione degli spazi, intervento inutile a risolvere il problema della criminalità ma che contribuisce a svuotare ulteriormente Piazza Garibaldi. Inoltre fino a poco tempo fa le baracchine della piazza venivano assegnate a rialzo, finendo di fatto a chi proponeva più soldi. Lo scorso anno vi è stata un’inversione di tendenza ed è stato aperto un bando per l’affidamento di 6 di queste strutture in base alla progettualità, bando purtroppo bloccato a causa della pandemia. 


Secondo Mezclar22 il quartiere ha bisogno di vivere giorno e notte, e per farlo non servono capitali, bensì attività e progetti che possano garantire un’effettiva integrazione tra gli abitanti, i migranti e i gestori dei locali.

Il degrado si contrasta principalmente con un impegno socioculturale a lungo termine, come quello portato avanti dalle associazioni che agiscono e quindi conoscono la zona Garibaldi, tra le quali, spiace per qualche esponente politico locale, vi sono anche quelle “calamite del degrado” della Riuso.

 

 

Benedetta Cirillo

Show Full Content

About Author View Posts

Avatar
Benedetta Cirillo

Vivo a Livorno, ho 25 anni e studio Comunicazione Politica all'Università di Firenze.
Mi appassionano la politica, l'arte, la musica e il viaggio.

Previous Le radici del teatro crescono in profondità
Next Il nuovo governo “penta-colore” e la crisi della politica
Close

NEXT STORY

Close

Qui e ora: l’anidride carbonica

24 Novembre 2021
Close