14 Dicembre 2019

Quella che si è da pochi giorni conclusa è stata un’edizione storica per il Lucca Comics, l’edizione del 50’ anniversario che passerà agli annali della manifestazione come quella dei record. Infatti durante questa edizione è stato frantumato il record raggiunto 2 anni fa, facendo così salire il numero dei visitatori paganti a più di 271mila. Edizione dunque stratosferica che ha toccato il suosdr culmine nella giornata di Domenica quando sono stati addirittura venduti tutti gli 80mila biglietti disponibili! E a questi numeri vanno sommati quelli di tutti gli altri visitatori che non hanno preso il biglietto ma hanno affollato le mura e le vie cittadine, in totale infatti la città ha accolto più di 500mila presenze. Ma già durante lo svolgimento della kermesse si respirava l’aria del successo tanto che nella mattina del penultimo giorno, sulle locandine dei giornali locali, era addirittura apparsa la notizia della conferma che pure per il prossimo anno il Lucca Comics avrebbe avuto la durata di ben 5 giorni, notizia che ovviamente ha mandato in visibilio tutti gli affezionati.

Ma non bastano i soli numeri a rendere un trionfo questa manifestazione, già due anni fa si erano registrati numeri elevatissimi di visitatori ma con essi si erano verificati non pochi disagi. Stavolta la musica è stata di gran lunga diversa, probabilmente il giorno in più ha fatto sì che le presenze si spalmassero in maniera più omogenea così che non si creassero problemi di viabilità e di sicurezza per le strade o negli stand. Anzi a girare per la città l’impressione era che ci fosse 20161031_133159addirittura meno gente degli anni scorsi, quindi un gran successo di presenze ma ancora di più nell’organizzazione e nella sicurezza. Sicurezza che, va sottolineato, è stata molto più presente rispetto agli anni scorsi, tutte le porte di ingresso delle mura erano infatti presidiate dalle forze dell’ordine che svolgevano controlli sia su tutti i normali visitatori che ai cosplayer che recavano con loro armi, impedendo l’accesso delle spade di metallo. Cosa che negli anni scorsi non era successa ma che condivido in pieno.

L’edizione “gold” dei 50 anni si è distinta anche per la presenza di ospiti illustri, uno su tutti, l’acclamatissimo Frank Miller. Insieme al celebre fumettista di fama internazionale il Lucca Comics ha accolto Milo Manara, Terry Brooks, Zerocalcare e moltissimi altri. Un gran passo in avanti per la kermesse che speriamo sia in grado di emulare con ospiti dello stesso calibro anche nelle edizioni future.

Oltre agli ospiti ed alla suggestiva scenografia offerta dalle mura cittadine che abbracciano l’intera fiera, il Lucca Comics ha riproposto le sue tipiche macro aree che ormai si confermano ogni anno sempre di più come delle carte vincenti. Tra queste troviamo l’affollatissima e vastissima area games, le aree dedicate ai più piccoli, l’ormai celebre Japan Town, le varie zone dedicate ai fumetti che trovano il loro epicentro in Piazza Napoleone, trasformata ormai in un grande unico stand, Piazza San Michele prestata a film e serie tv ed il palco che oltre alle numerosissime band ha accolto le varie gare cosplay.

L’area games in particolare si conferma sempre più come uno dei padiglioni di punta della fiera ma devo dire che quest’anno l’ho trovata un po’ monotona rispetto agli anni scorsi, mentre la Japan Town, grazie anche ai padiglioni Bandai e Banpresto, è stata di gran lunga migliore rispetto all’edizione passata quando gli stand tipici del Sol Levante si contavano sulle dita di una mano. Ma la kermesse offre questo e molto altro ancora, infatti abbiamo avuto il piacere di visitare la splendida Villa Bottini che ha ospitato l’area tematica dedicata all’ultimo gioco di Final Fantasy, i numerosi stand che si trovano sulle mura tra cui l’area dedicata all’Umbrella Corporation o a Star Wars e le numerosissime parate e sfilate che colorano e rendono ancor più vivace la città stessa.

In tutto questo tripudio di successi però vorrei porre la lente d’ingrandimento su alcuni particolari andando così a cercare, come si suol dire, il pelo nell’uovo. Da un lato mi ha stupito il fatto che il numero delle biglietterie fosse stato notevolmente ridotto rispetto agli scorsi anni e questo ha fatto sì che aumentassero le file, oltretutto alcune di esse erano poste fuori dalle mura creando qualche problema a chi ad esempio non ne era a conoscenza. Anche se piazzarle vicino ai parcheggi può essere stata un’intuizione condivisibile e che ha assolutamente un suo perché, a mio avviso un paio di biglietterie in più all’interno delle mura non avrebbero certo guastato. Poi determinate impressioni, positive o negative che siano, riflettono sempre i gusti personali che sono 20161031_130929per definizione molto soggettivi, ad esempio le aree dedicate a League of Legends, Overwatch e simili godevano di ampi spazi ed erano state considerate come prodotti di punta ma magari l’importanza concessa loro è andata a discapito di altre attrazioni che invece erano presenti lo scorso anno come la sala delle armature di Iron Man o l’imponente Batmobile all’ombra della chiesa di San Michele o magari vista l’imminente uscita del prossimo film targato Star Wars immaginavo di trovare più padiglioni dedicati alla saga di Lucas. Però ecco, forse, una cosa che mi aspettavo era che, considerando l’importantissimo anniversario raggiunto, potevano essere organizzati degli eventi anche durante la sera in particolar modo per festeggiare la notte di Halloween soprattutto con coloro che, venendo da fuori, avevano trovato alloggio nella città.

Concludendo la nostra cronaca, piccole sbavature a parte, perché solo e semplicemente di questo si tratta, questa edizione del Lucca Comics è stata un grandissimo successo. Forse non si può descrivere a parole la magia di questo evento, entrare al Lucca Comics è come varcare un portale fantastico dove i problemi restano lontani, al di fuori delle mura, una sorta di dimensione parallela che ci inghiotte ma che come tutte le cose belle è destinata a finire sempre troppo presto. E mentre l’euforia lascia lentamente il posto alla malinconia noi siamo già qui che contiamo i giorni che ci separano dal prossimo Lucca Comics che sappiamo inizierà l’1 Novembre e durerà fino al 5. Noi ci saremo e voi?

Alessio Nicolosi

Show Full Content
Previous Il viaggio di Giulia – Parte III
Next GIUSEPPE COMUNIELLO, tra fisicità e sensibilità

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Close

NEXT STORY

Close

Un tram che si chiama desiderio: parte la stagione di prosa del Goldoni.

4 Novembre 2019
Close